10. MARIELLE HELLER (A BEAUTIFUL DAY IN THE NEIGHBORHOOD)

Dopo aver sfornato due piccoli cult come The Diary of a Teenage Girl (miglior opera prima agli Spirit Awards) e Copia Originale (3 nomination agli Oscar, miglior regia agli Alliance of Women Film Journalists), la Heller potrebbe ancora lasciare il segno e chissà conquistare una meritata candidatura come miglior regista. Complice l’atteso film A Beautiful Day in the Neighborhood con protagonista Tom Hanks, ispirato al recente documentario di gran successo sulla figura di Rogers dal titolo analogo Won’t You Be My Neighbor?

marielle heller oscars 2020

9. FERNANDO MEIRELLES (THE TWO POPES)

Grazie al suo lavoro nel film I due Papi con cui finora ha vinto numerosi premi tra cui l’Audience Award all’Hamptons International Film Festival e al Mill Valley Film Festival, Fernando Meirelles potrebbe entrare nella Oscar race puntando a conquistare la seconda nomination della sua carriera come miglior regista dopo averla ottenuta nel 2004 per il pluripremiato City of God.

Fernando Meirelles

8. JAMES MANGOLD (LE MANS 66′ – LA GRANDE SFIDA)

Con la vittoria agli Hollywood Film Awards come miglior regista per il film Le Mans 66′ – La Grande Sfida, James Mangold entra di diritto nella rosa dei potenziali candidati per questa categoria. Si tratterebbe della sua seconda nomination all’Oscar della sua carriera (la prima come miglior regista) dopo averla ottenuta nel 2008 per Logan nella categoria miglior sceneggiatura non originale.

James Mangold

7. GRETA GERWIG (PICCOLE DONNE)

Greta Gerwig potrebbe fare il bis, diventando la prima donna a conquistare la candidatura come miglior regista per ben due volte (la prima è arrivata nel 2018 con la commedia agro-dolce Lady Bird) complice il suo attesissimo contributo nell’ottavo adattamento del romanzo del 1868 di Louisa May Alcott, Piccole Donne, che ha finora conquistato il plauso della critica americana.

Greta Gerwig Little Women

6. SAM MENDES (1917)

Dopo le prime immagini dell’atteso dramma bellico 1917, che uscirà nelle sale americane il giorno di Natale, si è rafforzata l’aspettativa dei critici americani verso il nuovo lavoro di Sam Mendes che dopo 19 anni dall’Oscar vinto come miglior regista per il meraviglioso film American Beauty potrebbe entrare nuovamente nella cinquina di questa categoria.

Sam Mendes Oscars 2020

5. QUENTIN TARANTINO (C’ERA UNA VOLTA A….HOLLYWOOD)

Quentin Tarantino con il suo omaggio sulla fine dell’epoca d’oro di Hollywood, C’era una volta a…. Hollywood potrebbe ottenere la sua 3a nomination agli Oscar come miglior regista dopo averla conquistata per Pulp Fiction (1994) e per Bastardi senza gloria (2009). Senza dimenticare i due Oscar vinti per la miglior sceneggiatura (Pulp Fiction, Django Unchained).

quentin tarantino oscar 2020

4. LULU WANG (THE FAREWELL – UNA BUGIA BUONA)

Dal suo fortunato esordio al Sundance Film Festival nella sezione Dramatic Competition alla presentazione alla Festa del Cinema di Roma, The Farewell – Una bugia buona ne ha fatto di strada mettendo d’accordo critica e pubblico. Le 3 nominations conquistate ai Gotham Awards confermano il trend positivo di questo film in chiave award season, offrendo a Lulu Wang la possibilità di ottenere la prima nomination all’Oscar della sua carriera.

Lulu Wang

3. NOAH BAUMBACH (MARRIAGE STORY)

Dopo le 3 nominations ai Gotham Awards si rafforzano per Noah Baumbach le possibilità di ottenere una nomination agli Oscar come miglior regista grazie al suo lavoro in Marriage Story, piazzatosi 2° (first front-runner) al Toronto International Film Festival. Il film ha all’attivo anche 2 Hollywood Film Awards tra cui miglior attrice non protagonista (Laura Dern) e miglior colonna sonora.

Noah Baumbach Oscars 2020

2. MARTIN SCORSESE (THE IRISHMAN)

Quest’anno il maestro Martin Scorsese potrebbe conquistare la 9a nomination all’Oscar della sua carriera grazie all’attesissimo The Irishman con protagonisti due legende del cinema come Al Pacino e Robert De Niro in un’epica saga sulla criminalità organizzata negli USA. La pellicola ha recentemente conquistato 3 Hollywood Film Awards: miglior produzione, migliori effetti speciali e miglior attore non protagonista (Al Pacino).

Martin Scorsese Oscarrs 2020

1. JOON-HO BONG (PARASITE)

Il forte consenso da parte della critica americana sull’onda del successo all’ultimo Festival di Cannes dove ha conquistato la Palma d’Oro, unitamente al premio Best Filmaker agli Hollywood Film Awards, hanno contribuito ad accrescere le chance per Joon-ho Bong di conquistare la candidatura come miglior regista ai prossimi Oscar, dopo essere riuscito in qualcosa di molto raro e cioè a coniugare i gusti della critica e del pubblico. In tal senso il suo film Parasite scelto per rappresentare la Corea del Sud  potrebbe non solo concorrere per il miglior film internazionale dove parte super favorito ma anche per la categoria miglior film.

Joon-ho Bong