Incrociando i verdetti dell’Awards Season giunta al suo primo giro di boa emerge un dato di fatto: quest’anno la categoria Miglior attore è destinata a riservare delle sorprese specie nella composizione della cinquina più che nella designazione del vincitore. Il motivo è da rintracciare nel numero di potenziali candidati che potrebbero entrare nella rosa finale: ne abbiamo contati ben 10, ma solo 5 conquisteranno la nomination.

A differenza delle previsioni che abbiamo redatto nel mese di Settembre e Ottobre, quello che cambia è la leadership visto e considerato che attualmente il favorito è Adam Driver per Marriage Story dopo aver conquistato numerosi riconoscimenti assegnati dalle associazioni dei critici americani, scavalcando Joaquin Phoenix per Joker che nonostante il considerevole apprezzamento del pubblico per la sua interpretazione non sta ottenendo dai critici l’attenzione che tutti si aspettavano. In ogni caso resta saldo nella potenziale cinquina dato che ha conquistato comunque la nomination nei premi chiave. Nella sfida tra i due si inserisce l’attore spagnolo Antonio Banderas (Dolor y Gloria) che può contare non solo sull’Oscar Europeo e sul premio vinto all’ultimo Festival di Cannes ma anche sui riconoscimenti assegnati dai critici di Los Angeles e New York. Chiude il quartetto Leonardo Di Caprio per C’era una volta a Hollywood che ha finora conquistato la nomination in tutti i premi chiave, anche se non ha portato a casa nessun trofeo. A questo punto la vera difficoltà sta nel prevedere il 5° nome in una gara agguerritissima tra ben 6 attori. Scopriamo chi sono e per quale motivo potrebbero ottenere la nomination.

Quali sono gli attori che hanno più chance di conquistare la nomination nella categoria Best Actor ?

10. JONATHAN PRYCE (I DUE PAPI)

Grazie alla sua interpretazione nei panni dell’attuale Papa Francesco nel film I due Papi, Pryce potrebbe conquistare la prima nomination della sua carriera, dopo esserci andato molto vicino nel 1995 con il film Carrington che gli valse non solo il premio come miglior attore al Festival di Cannes ma anche una nomination ai BAFTA.

08/12: la sua esclusione dai principali premi dell’Awards Season lascia supporre che non ha alcuna speranza di entrare nella oscar race nonostante il forte apprezzamento da parte della critica.

09/12: arriva la prima significativa nomination ai Golden Globe, basterà?

11/12: con la sua esclusione dai SAG awards la sua posizione è nuovamente in bilico.

NOMINATIONS: Golden Globe, BAFTA

WINNERS:

two-popes-cover

9. ADAM SANDLER (UNCUT GEMS)

Con la nomination ai Gotham Awards e ai Film Independent Spirit Awards come miglior attore, Adam Sandler potrebbe riscattare la sua carriera conquistando la prima candidatura agli Oscar, dopo aver collezionato ben 12 nomination ai Razzie Awards come worst actor. Nella pellicola dei fratelli Safdie, Uncut Gems, Sandler interpreta un goielliere ebreo di New York pronto a tutto per riscattarsi distrincandosi tra problemi familiari e creditori dai metodi poco ortodossi.

09/12: Snobbato dai Golden Globe

11/12: Fuori dai SAG Awards, rischia di essere tagliato fuori dalla nomination agli Oscar.

NOMINATIONS: Gotham Awards, Film Independent Spirit Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award

WINNERS: National Board of Review, Las Vegas Film Critics Award, Boston On Line Film Critics Association Awards, Oklahoma Film Critics Circle Award, Boston Society of Film Critics Award, St.Louis Film Critics Association Award, Austin Film Critics Association Award

Uncut Gems

8. ROBERT DE NIRO (THE IRISHMAN)

Grazie alla interpretazione di un ex sicario, testimone del coinvolgimento della famiglia criminale dei Bufalino nella scomparsa di Jimmy Hoffa, Robert De Niro, protagonista dell’ultimo film del maestro Martin Scorsese, The Irishman, potrebbe guadagnare la 8a nomination all’Oscar della sua carriera, dopo averne vinti 2 (uno come supporter per Il padrino parte II (1975), e un altro come protagonista per Toro Scatenato (1981)). L’ultima candidatura risale al 2013 laddove fu nominato come miglior attore non protagonista per Il lato positivo. 

09/12: Snobbato dai Golden Globe

11/12: con l’esclusione anche dai SAG Awards la sua nomination è a rischio!

NOMINATIONS: Hollywood Critics Association Awards (miglior performance in VFX), Detroit Film Critics Circle Award, Critics’ Choice Award

WINNERS:

The Irishman

7. CHRISTIAN BALE (LES MANS 66′)

Conquistando il Satellite Award come miglior attore drammatico per il film Le Mans 66′ – La grande sfida Bale entra ufficialmente nella oscar race dato che finora era riuscito a conquistare solo la nomination in alcuni premi chiave come Golden Globe e SAG Awards (escluso però dai Critics Choice Awards). Di fatto la sua interpretazione nei panni del pilota britannico Ken Miles ingaggiato da Henry Ford II per guidare un auto costruita appositamente per battere la temuta Ferrari, potrebbe fargli conquistare la 5a nomination all’Oscar (la terza come supporter) dopo averlo vinto nel 2011 per The Fighter.

NOMINATIONS: SAG Awards, San Diego Film Critics Society Award, Golden Globe, 

WINNERS: Satellite Award

MV5BNDNjYTgyODAtZDhmMy00ODc4LTgzMjctNzc3ODQ0YTg2MmQwXkEyXkFqcGdeQXVyNjUwNzk3NDc@._V1_

6. EDDIE MURPHY (DOLEMITE IS MY NAME)

Forse con la nomination agli Oscar (sarebbe la seconda) per il suo prossimo film Dolemite is My Name, tra Eddy Murphy e gli Academy Awards potrebbe tornare il sereno, dopo che nel 2007 fu a sorpresa battuto per la categoria miglior attore non protagonista da Alan Arkin (Little Miss Sunshine), considerando che Murphy aveva vinto per quel ruolo il Golden Globe, il Critic’s Choice Award e il SAG Award. Nel biopic Dolemite is My Name Murphy interpreta Rudy Ray Moore, star della Blaxpoitation degli anni 70′.

11/12: Fuori dalle nomination dai SAG Awards, Murphy rischia di non conquistare la candidatura agli Oscar

05/01: con la sconfitta ai Golden Globe dove partiva favorito per la categoria best actor comedy perde quotazioni in vista degli Oscar

NOMINATIONS: Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award

WINNERS: Black Film Critics Circle Awards, African American Film Association Awards

Eddie Murphy

5. TARON EGERTON (ROCKETMAN)

La sua brillante interpretazione nel biopic sulla vita artistica del cantautore e musicista Elton John, Rocketman, potrebbe fargli guadagnare la prima nomination della sua emergente carriera. Attualmente l’Hollywood Film Award vinto come miglior attore esordiente la dice lunga sulla forte considerazione da parte della critica americana.

08/12: con la mancata nomination ai Critics’ Choice Award scendono per lui le quotazioni, anche se è stato nominato ai Golden Globe

11/12: con la nomination ai SAG Awards salgono leggermente le sue quotazioni anche se la gara in questa categoria è dura!

20/12: con la vittoria ai Satellite Awards si avvicina sempre di più alla nomination

05/01: con la vittoria del Golden Globe si rafforza la sua potenziale candidatura agli Oscar e dalla nostra 9a posizione arriva alla 5a surclassando Murphy e spingendolo fuori dalla cinquina

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, BAFTA

WINNERS: Golden Globe, Satellite Award, Hollywood Film Awards (Miglior Attore Rivelazione)

Taron Egerton

4. LEONARDO DI CAPRIO (C’ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD)

Nella sua ultima prova d’attore nei panni di Rick Dalton, un attore di telefilm western in declino, protagonista della pellicola di Quentin Tarantino, C’era una volta a Hollywood, Leonardo Di Caprio ha convinto tutti e di fatto potrebbe ottenere la 6a nomination all’Oscar della sua carriera dopo averlo vinto nel 2015 per The Revenant.

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS:

leonardo di caprio

3. ANTONIO BANDERAS (DOLOR Y GLORIA)

Con la vittoria dell’Hollywood Film Award come miglior attore si rafforzano le chance di Antonio Banderas di conquistare la sua prima nomination all’Oscar della sua carriera grazie al film autobiografico di Pedro Almodovar, Dolor y Gloria, dopo aver già conquistato il premio come miglior attore all’ultimo Festival di Cannes oltre che l’International Cinephile Society Award per la miglior interpretazione maschile dell’anno.

07/01: con la sua esclusione dai BAFTA si incrinano le sue speranze

NOMINATIONS: Golden Globe, European Film Award, GOYA, Satellite Awards, Critics’ Choice Award,

WINNERS: European Film Award, Hollywood Film Award, Festival di Cannes, National Society of Film Critics Award, International Cinephile Society Award, International Star Award al Palm Springs Film Festival, New York Film Critics Circle Award, Los Angeles Film Critics Association Award, San Francisco Bay Area Film Critics Circle Award, Dorian Award,

dolor-y-gloria

2. JOAQUIN PHOENIX (JOKER)

Per l’anti-divo Joaquin Phoenix potrebbe arrivare la 4a nomination della sua carriera dopo quelle ottenute come protagonista nel 2006 per Walk the line e nel 2013 per The Master, e come supporter nel 2000 per il film Il gladiatore. Tutto merito della sua incredibile interpretazione nei panni del famoso villain di Batman nella pellicola vincitrice del Leone d’Oro all’ultimo Festival di Venezia, Joker di Todd Phillips.

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS: Golden Globe, Critics Choice Award, San Diego Film Critics Society Awards, New York Film Critics Online Awards, Chairman’s Award (Palm Springs International Film Festival), North Texas Film Critics Association Award, Phoenix Film Critics Society Awards,  Hollywood Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award

Joaquin Phoenix

1. ADAM DRIVER (MARRIAGE STORY)

La recente nomination ottenuta ai Gotham Awards, il premio come miglior attore conquistato al Santa Barbara Film Festival e il SSFILM Award vinto confermano il trend positivo di Adam Driver in chiave award season, complice la sua toccante interpretazione nel dramma di Noah Baumbach, Marriage Story, con cui potrebbe conquistare la seconda nomination della sua carriera, ma questa volta nella categoria lead actor, dopo quella ottenuta lo scorso anno come supporter per il bellissimo film di Spike Lee, BlacKKKlansman.

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Gotham Awards, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS: San Diego Film Critics Society Awards, Detroit Film Critics Society Award, Santa Barbara Film Festival, SSFILM Award, l’Atlanta Film Critics Circle Award, Gotham Award, Toronto Film Critics Association Awards, Washington DC Area Film Critics Association, Philadelphia Film Critics Circle Awards, Phoenix Critics Circle Awards, Chicago Film Critics Association Award, Oklahoma Film Critics Circle Award (body of work), Southeastern Film Critics Association Award, Indiana Film Journalist Association Awards, Kansas City Film Critics Circle Award, Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, Vancouver Film Critics Circle Awards,Seattle Film Critics Society Awards, Nevada Film Critics Society Award,Utah Film Critics Association Award,On Line Association of Female Film Critics Award, Florida Film Critics Circle Award,Greater Western New York Film Critics Association Award,AACTA International Award, North Carolina Film Critics Association Award, Houston Film Critics Society Award, Columbus Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, On Line Film Critics Society Award, Alliance of Women Film Journalists EDA Award, Georgia Film Critics Association Award

Adam driver oscar 2020