La gara per la Miglior attrice non protagonista è stata caratterizzata da un’altalena di sorprese e conferme che premio dopo premio ha contribuito a delineare una cinquina eterogena, frutto dei differenti riconoscimenti assegnati durante l’Awards Season. Sulla “carta” la favorita è l’attrice sudcoreana Youn Yuh-jung (Yoon Yeo-jeong) per il film rivelazione dello scorso Sundance Film Festival, Minari, inseguita da Olivia Colman (The Father) e da l’emergente Maria Bakalova per Borat Subsequent Movie Film. Prima di arrivare a questa possibile triade questa categoria ha avuto diversi scossoni.

In tal senso rispetto ai panel sulle previsioni delle nominations che abbiamo elaborato nei mesi precedenti vediamo come sia scomparso per esempio il nome di Saoirse Ronan (Ammonite) dopo l’accoglienza fredda degli addetti del settore. La stessa Glenn Close data inizialmente favorita ha perso mordente dopo che Hillbilly Elegy è stato travolto da recensioni durissime da parte dei critici, restando comunque nella rosa delle candidate e ottenendo a sorpresa addirittura una nomination ai Razzie Awards. Successivamente Youn Yuh-jung e Maria Bakalova hanno iniziato a dividersi i principali premi delle associazioni dei critici americani, inseguite da una sola costante Olivia Colman che non ha mancato una sola candidatura ai premi chiave. In questa corsa poi si sono aggiunte Amanda Seyfried (Mank) ed Helena Zengel (News of the World). A quel punto quando tutto sembrava chiaro, Jodie Foster (The Mauritanian) ha vinto a sorpresa il Golden Globe! A rendere ancoro più incerto il cammino delle previsioni ci sono state poi una serie di esclusioni a key awards: la Yuh-jung è stata esclusa dai Golden Globe, la Seyfried fuori dai SAG, la Bakalova fuori dagli Hollywood Critics Association Awards. Senza dimenticare le speranze infrante per la candidatura di Ellen Burstyn per la sua mirabile prova nel film Pieces of a Woman (anche se la sua esclusione da SAG e Golden Globe non prometteva nulla di buono).

1. YOUN YUH-JUNG (MINARI)

Dopo i premi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani tra cui il Sunset Circle Film Award, il Boston Society of Film Critics Award e il Los Angeles Film Critics Association Award, Youn Yuh-jung (Yoon Yeo-jeong) considerata una delle grandi caratteriste del cinema asiatico, si è imposta nell’Awards Season americana grazie alla sua applaudita prova nel film rivelazione dell’anno Minari di Lee Isaac Chung.

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Gotham Award, Sunset Film Circle Award, Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), Columbus Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Independent Spirit Award, Hollywood Critics Association Film Award, Satellite Award, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA.

WINNERS: SAG Award, Sunset Circle Film Award, Boston Society of Film Critics Award, Los Angeles Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, North Carolina Film Critics Association Award, EDA Award, Oklahoma Film Critics Circle Award, Columbus Film Critics Association Award, National Society of Film Critics Award (3° posto), San Diego Film Critics Society Award, Music City Film Critics Association Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Black Film Critics Circle Award, Kansas City Film Critics Circle Award, New Mexico Film Critics Association Award, National Board of Review, North Texas Film Critics Association Award, New York Film Critics Online Award, Washington D.C. Area Film Critics Association Award, Spotlight Award (Palm Springs International Film Award), Seattle Film Critics Society Award, Iowa Film Critics Association Award, Southeastern Film Critics Association Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, Phoenix Film Critics Society Award, Hollywood Critics Association Award, Latino Entertainment Journalists Association Award, Detroit Film Critics Society Award, Georgia Film Critics Association Award, Phoenix Critics Circle Award, Austin Film Critics Association Award, Online Film & Television Association Award, BAFTA, Spirit Award.

RUNNER-UP (2° posto): Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, North Dakota Film Society Award, Atlanta Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, Utah Film Critics Association Award, International Cinephile Society Award

2. OLIVIA COLMAN (THE FATHER)

Seconda nomination agli Oscar per Olivia Colman dopo aver vinto l’ambita statuetta nel 2019 come miglior attrice protagonista per la sua incredibile interpretazione della Regina Anna nel film The Favourite di Yorgos Lanthimos. Tutto merito della sua apprezzata prova nel film di Florian Zeller, The Father, in cui interpreta la figlia di un uomo (interpretato magistramente dal premio Oscar Anthony Hopkins) che fatica ad accettare la sua demenza senile.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è resize2470480025459774930.jpg

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Award, Indiana Film Journalists Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Columbus Film Critics Association Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award.

WINNERS: AACTA International Award

RUNNER-UP (2° posto): Columbus Film Critics Association Award, Toronto Film Critics Association Award, Iowa Film Critics Association Award

3. MARIA BAKALOVA (BORAT SUBSEQUENT MOVIEFILM)

Grazie al New York Film Critics Circle Award vinto ad inizio stagione, l’attrice bulgara Maria Bakalova è stata catapultata con successo nell’Awards Season vincendo un numero vertiginoso di riconoscimenti tra cui il prestigioso National Society of Film Critics Award e il Critics Choice Award, confermando il suo status di rivelazione dell’anno complice la sua spassosa prova nel film comico Borat Subsequent Moviefilm.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è maria-bakalova-as-tutar-in-borat-2.jpg

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, 2 Alliance of Women Film Journalists Awards (EDA), Columbus Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, 2 San Diego Film Critics Society Awards, St. Louis Film Critics Association Award, London Critics Circle Film Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Satellite Award (miglior attrice comedy/musical), Golden Globe (miglior attrice comedy/musical), SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: New York Film Critics Circle Award, Boston Online Film Critics Association Award, Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, EDA Special Mention Award (rivelazione), National Society of Film Critics Award, Music City Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, Houston Film Critics Society Award, Online Film Critics Society Award, Atlanta Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, London Critics’ Circle Film Award, Utah Film Critics Association Award, Satellite Award (miglior attrice comedy), Critics Choice Award

RUNNER-UP (2° posto): Philadelphia Film Critics Circle Award, St. Louis Film Critics Association Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Southeastern Film Critics Association Award, Online Association of Female Film Critics Award, Online Film & Television Association Award .

4. GLENN CLOSE (HILLBILLY ELEGY)

Ottava candidatura agli Oscar (la quarta come supporter) per Glenn Close per la sua performance nell’ultimo film di Ron Howard, Hillbilly Elegy, pesantemente stroncato in patria a causa di una serie di polemiche di carattere politico inerenti alla natura del romanzo che vede come protagonisti i “bianchi poveri” degli Stati Uniti, considerato in passato il bacino elettorale dell’ex presidente americano Trump.

Inizialmente data come favorita nelle previsioni del mese di Settembre ha perso di colpo il sostegno della critica americana dato che ha conquistato un numero esiguo di premi (SFFILM Awards Night, Variety Creative Impact in Acting Award al Palm Springs International Film, Nevada Film Critics Society Award) pur riuscendo ad entrare nelle cinquine dei riconoscimenti chiave (Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Critics’ Choice Award). E’ la terza attrice nella storia dei premi ad aver conquistato per lo stesso ruolo la nomination sia agli Oscar che ai Razzie Awards.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è glenn-close-hillbilly-elegy2728257373750436213.jpg

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Music City Film Critics Association Award, Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Critics’ Choice Award, Razzie Award.

WINNERS: SFFILM Awards Night, Variety Creative Impact in Acting Award (Palm Springs International Film Award), Nevada Film Critics Society Award

5. AMANDA SEYFRIED (MANK)

Prima nomination agli Oscar per Amanda Seyfried per la sua prova nel film Mank di David Fincher in cui interpreta la famosa attrice del muto Marion Davies a cui pare essersi ispirato Orson Welles nel tratteggiare il personaggio della seconda moglie del protagonista di Quarto Potere, Susan Alexander, alcolizzata e definita senza talento. Candidatura arrivata nonostante sia stata esclusa dai SAG Awards e abbia vinto solo una manciata di premi (tra cui il Satellite Award) per poi piazzarsi al 2° posto in numerosi riconoscimenti tra cui il prestigioso National Society of Film Critics Award.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è amanda-seyfreid.jpg

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Awards, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, 2 Alliance of Women Film Journalists Awards (EDA), Columbus Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, London Critics Circle Film Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award

WINNERS: Capri Hollywood Award, Philadelphia Film Critics Circle Award, Montecito Award (Santa Barbara Film Festival), Dallas-Fort Worth Film Critics Association Award, Satellite Award, Las Vegas Film Critics Society Award

RUNNER-UP (2° posto): Boston Society of Film Critics Award, Los Angeles Film Critics Association Award, National Society of Film Critics Award, San Diego Film Critics Society Award, North Dakota Film Society Award, New Mexico Film Critics Association Award, Iowa Film Critics Association Award.

APPROFONDIMENTO:

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film

Previsioni Oscar 2021: Miglior Regia

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attore

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attrice

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attore non protagonista

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura non originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film d’Animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film Internazionale

Previsioni Oscar 2021: Miglior documentario

Previsioni Oscar 2021: Miglior trucco e parrucco

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio d’animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio documentario

Previsioni Oscar 2021: Migliori Effetti Speciali

Previsioni Oscar 2021: Miglior scenografia

Previsioni Oscar 2021: Miglior colonna sonora

Previsioni Oscar 2021: Miglior canzone originale

Previsioni Oscar 2021: Migliori costumi

Previsioni Oscar 2021: Miglior montaggio

Previsioni Oscar 2021: Miglior sonoro

Previsioni Oscar 2021: Miglior fotografia