Ricerca

Awards Season Blog

Risultati di ricerca

"miglior attore non protagonista"

Oscar 2021: previsioni Miglior Attore non protagonista

La gara per la categoria del Miglior attore non protagonista ha avuto una battuta d’arresto subito dopo la distribuzione del film Judas and the Black Messiah, laddove l’interpretazione di Daniel Kaluuya ha messo d’accordo la critica americana consentendogli di vincere i principali riconoscimenti chiave e dunque attestandolo come il favorito indiscusso. Prima di quel momento (il film è stato distribuito 2 mesi dopo l’inizio effettivo dell’Awards Season) questa categoria era caratterizzata da una sfida a 3: Paul Raci (Sound of Metal) che aveva conquistato un numero vertiginoso di premi assegnati dalle associazioni dei critici americani inseguito da Leslie Odom jr. (One Night in Miami) e Sacha Baron Cohen (The Trial of the Chicago 7). Infatti rispetto ai panel delle previsioni sulle nominations che abbiamo elaborato nei mesi precedenti questi 4 nomi sono stati confermati. Esclusi invece Chadwick Boseman (Da 5 Bloods) e Bill Murray (On the rocks) “per far posto” a sorpresa a Lakeith Stanfield (Judas and the Black Messiah) dato che era stato proposto dalla Warner Bros come lead actor.

In siffatto contesto la candidatura di Daniel Kaluuya è anche frutto di un abile strategia da parte della Warner Bros, che ha deciso a Stagione dei Premi già iniziata di “dirottare” Kaluuya nella categoria Best Supporting Actor, nonostante fosse considerato ad inizio stagione un forte competitor nella categoria miglior attore protagonista come abbiamo sostenuto nelle previsioni di agosto. Scelta determinata dalla consapevolezza di avere poche chance dopo l’annuncio di Netflix di puntare su Chadwick Boseman nella categoria lead actor.

1. DANIEL KALUUYA (JUDAS AND THE BLACK MESSIAH)

Seconda nomination agli Oscar per Daniel Kaluuya (la prima nel 2018 con l’horror d’autore Get Out nella categoria lead actor) complice la sua apprezzata performance nel film Judas and the Black Messiah in cui interpreta l’attivista Fred Hampton, giovane presidente della sezione dell’Illinois della storica organizzazione rivoluzionaria afroamericana delle Pantere nere, ucciso dall’FBI.

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: SAG Award, New Mexico Film Critics Association Award, Toronto Film Critics Association Award, International Star Award (Palm Springs International Film Award), Dallas-Fort Worth Film Critics Association Award, Seattle Film Critics Society Award, Nevada Film Critics Society Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Golden Globe, Online Association of Female Film Critics Award, Phoenix Film Critics Society Award, Las Vegas Film Critics Society Award, Latino Entertainment Journalists Association Award, Critics Choice Award, Detroit Film Critics Society Award, African American Film Critics Association Award, Austin Film Critics Association Award, Phoenix Critics Circle Award, Online Film & Television Association Award, BAFTA.

RUNNER-UP (2° posto): Utah Film Critics Association Award

2.LESLIE ODOM JR. (ONE NIGHT IN MIAMI)

Prima nomination agli Oscar per Leslie Odom jr., conosciuto ai più per la sua carriera discografica oltre che per quella teatrale (ha raggiunto la popolarità con il recente Hamilton con cui ha vinto un Tony Award). Tutto merito della sua applaudita interpretazione nell’opera prima di Regina King, One Night in Miami, in cui interpreta il leggendario Sam Cooke.

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Award, Indiana Film Journalists Association Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: Indiana Film Journalists Association Award, EDA Award, Houston Film Critics Society Award, Black Film Critics Circle Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, New York Film Critics Online Award, Washington D.C. Area Film Critics Association Award, Spotlight Award (Palm Springs International Film Award), Utah Film Critics Association Award

RUNNER-UP (2° posto): Philadelphia Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, Iowa Film Critics Association Award

3.SACHA BARON COHEN (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

Anche per l’eclettico Sacha Baron Cohen è arrivata la prima nomination agli Oscar come attore dopo averne ottenuta già una nel 2007 per l’adattamento del film irrivirente Borat di Larry Charles. Tutto merito della sua interpretazione nell’apprezzato film corale di Aron Sorkin, The Trial of the Chicago 7, in cui interpreta un personaggio realmente esistito: Abbie Hoffman, noto attivista ed esponente della sinistra radicale, nonchè simbolo della ribellione giovanile che caratterizzò l’America degli anni 60′ e 70′.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 20210106_0720303789837023660371220.jpg

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Florida Film Critics Circle Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), 2 Columbus Film Critics Association Awards, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, 2 London Critics Circle Film Awards, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award

WINNERS: Capri Hollywood Award, North Carolina Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, Denver Film Critics Society Award, North Texas Film Critics Association Award, Southeastern Film Critics Association Award, AACTA International Award

RUNNER-UP (2° posto): St. Louis Film Critics Association Award, Atlanta Film Critics Circle Award

4.PAUL RACI (SOUND OF METAL)

L’outsider per eccellenza Paul Raci per la sua apprezzata prova nel dramma catartico di Darius Marder, Sound of Metal, è sicuramente il favorito della critica dopo aver vinto il maggior numero di premi tra quelli assegnati dalle associazioni dei critici americani, tra cui il National Board of Review, il Boston Society of Film Critics Award e il Chicago Film Critics Association Award. Con la sua esclusione dai Golden Globe e dai SAG Awards si temeva che potesse vanificare la sua ottima performance durante l’Awards Season, e invece alla fine dei conti è riuscito ad ottenere la sua prima meritatissima nomination agli Oscar.

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Boston Society of Film Critics Award, Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, North Carolina Film Critics Association Award, Columbus Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Independent Spirit Award, Hollywood Critics Association Film Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: Sunset Film Circle Award, Boston Society of Film Critics Award, Boston Online Film Critics Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Oklahoma Film Critics Circle Award, Columbus Film Critics Association Award, National Society of Film Critics Award, San Diego Film Critics Society Award, Hawaii Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, National Board of Review, Atlanta Film Critics Circle Award, Iowa Film Critics Association Award, 2 Hollywood Critics Association Awards, Georgia Film Critics Association Award, Spirit Award

RUNNER-UP (2°posto): Los Angeles Film Critics Association Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, International Cinephile Society Award, Southeastern Film Critics Association Award, Online Association of Female Film Critics Award, Online Film & Television Association Award

5.LAKEITH STANFIELD (JUDAS AND THE BLACK MESSIAH)

La nomination di Lakeith Stanfield per la sua prova nel film Judas and the Black Messiah (per quanto largamente apprezzata) è arrivata a sorpresa dato che la Warner Bros aveva deciso di “indirizzarlo” con la sua Campagna per gli Oscar (FYC) verso la categoria Miglior attore protagonista. Nel film interpreta William O’Neal nei panni dell’infiltrato dell’FBI (il “Giuda”) costretto a passare informazioni sui movimenti del Black Panther Party e sulle iniziative del rivoluzionario Fred Hampton, contribuendo al suo assassinio.

AWARDS SEASON

NOMINATIONS: Black Reel (best actor)

WINNERS:

APPROFONDIMENTO:

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film

Previsioni Oscar 2021: Miglior Regia

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attore

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attrice

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attrice non protagonista

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura non originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film d’Animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film Internazionale

Previsioni Oscar 2021: Miglior documentario

Previsioni Oscar 2021: Miglior trucco e parrucco

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio d’animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio documentario

Previsioni Oscar 2021: Migliori Effetti Speciali

Previsioni Oscar 2021: Miglior scenografia

Previsioni Oscar 2021: Miglior colonna sonora

Previsioni Oscar 2021: Miglior canzone originale

Previsioni Oscar 2021: Migliori costumi

Previsioni Oscar 2021: Miglior montaggio

Previsioni Oscar 2021: Miglior sonoro

Previsioni Oscar 2021: Miglior fotografia

Oscar 2021: previsioni nominations Miglior attore non protagonista (febbraio)

CLICCA QUI PER►►► PREVISIONI FAVORITO OSCAR 2021 MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

13. CHARLES DANCE (MANK)

Charles Dance potrebbe entrare a sorpresa in lizza tra i supporter per il film Mank in cui veste i panni di William Randolph Hearst, considerato il padre del giornalismo scandalistico. Per Dance sarebbe la prima volta dato non è mai stato candidato agli Oscar e nemmeno ai BAFTA (escludendo la candidatura come miglior attore per la serie tv del 1985, The Jewel in the Crown).

NOMINATIONS:

WINNERS:

12. FRANK LANGELLA (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

Il veterano Frank Langella, la cui prova nel film di Aaron Sorkin, The Trial of Chicago 7 ha messo d’accordo la maggioranza della critica americana potrebbe ottenere una seconda nomination agli Oscar dopo averla conquistata nel 2009 come lead actor per il film Frost/Nixon che gli fece guadagnare diversi riconoscimenti tra cui un North Texas Film Critics Association Award.

NOMINATIONS: Indiana Film Journalists Association Award, Chicago Indie Critics Award, San Diego Film Critics Society Award

WINNERS: Capri Italian-American Artist of The Year (Capri Hollywood Award)

RUNNER-UP (2°posto): New Mexico Film Critics Association Award

11. GLYNN TURMAN (MA RAYNEY’S BLACK BOTTOM)

Dopo aver vinto il Los Angeles Film Critics Association Award come miglior attore non protagonista per la sua apprezzata prova nell’adattamento di August Wilson, Ma Rainey’s Black Bottom, Glynn Turman è entrato di fatto in lizza per la sua prima nomination agli Oscar dopo una lunga carriera da caratterista televisivo.

NOMINATIONS: Independent Spirit Award

WINNERS: Los Angeles Film Critics Association Award

RUNNER – UP (2°POSTO): National Society of Film Critics Award

Ma Rainey’s Black Bottom (2020): Glynn Turman (“Toldeo”). Cr. David Lee / Netflix

10. MARK RYLANCE (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

A distanza di 5 anni dal suo meritato Oscar come miglior attore non protagonista per il film Il ponte delle spie di Steven Spielberg, Mark Rylance apprezzatissimo attore teatrale britannico (insignito nel 2016 dell’onorificenza Knight Bachelor per i servizi resi al teatro nazionale), potrebbe ottenere una seconda nomination agli Oscar sempre nella categoria supporter grazie alla sua interpretazione nel film di denuncia di Aaron Sorkin, The Trial of the Chicago 7.

NOMINATIONS: Columbus Film Critics Association Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award

WINNERS:

RUNNER-UP (2°POSTO): Columbus Film Critics Association Award

9. STANLEY TUCCI (SUPERNOVA)

Grazie al toccante roadmovie Supernova, in coppia con il premio Oscar Colin Firth, Stanley Tucci potrebbe conquistare la 2 nomination della sua carriera (la prima ottenuta nel 2010 come supporter per Amabili Resti). In Supernova interpreta un uomo affetto da demenza precoce costretto a fare i conti con la sua vita ma soprattutto con l’amore longevo per il suo compagno, in un viaggio in camper alla riscoperta del passato e dei vecchi legami.

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Awards

WINNERS:

8. JARED LETO (THE LITTLE THINGS)

Con la nomination a sorpresa prima ai Golden Globe e poi ai SAG Awards, Jared Leto (premio Oscar nel 2014 come supporter per Dallas Buyer Club) è diventato un potenziale candidato per la sua prova nel thriller The Little Things di John Lee Hancock, nonostante sia stato stato escluso per questo ruolo da tutti i Film Critics Association Awards.

NOMINATIONS: Golden Globe, SAG Award

WINNERS:

7. DAVID STRATHARIN (NOMADLAND)

A distanza di ben 15 anni dalla sua unica nomination agli Oscar per il film di George Clooney, Good Night and Good Luck, preceduta dalla Coppa Volpi al Festival di Venezia nel 2005, David Strathairn potrebbe conquistare una seconda candidatura agli Oscar grazie alla sua partecipazione ad uno dei film di punta della Stagione dei Premi, la pluripremiata pellicola di Chloé Zhao, Nomadland

NOMINATIONS: Indiana Film Journalists Association Award, Chicago Film Critics Association Award, North Carolina Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Satellite Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award

WINNERS:

6. BILL MURRAY (ON THE ROCKS)

Sulla carta Bill Murray per la sua performance nella commedia agrodolce di Sofia Coppola, On the rocks, ha tutti i numeri per conquistare la sua seconda nomination agli Oscar (la prima 17 anni fa’ sempre con un film della Coppola, il cult Lost In Translation). Su questa lunghezza d’onda può vantare numerose candidature ai premi delle associazioni dei critici americani riuscendo a conquistare però solo il 2° posto agli Iowa Film Critics Association Awards. In compenso ha ottenuto la candidatura alla maggior parte dei premi chiave tra cui Golden Globe, Critics Choice Award e Satellite Award, ma mancando quella ai SAG Awards e quindi restando fuori dalla cinquina dei premi assegnati dal sindacato degli attori, molti dei quali membri votanti degli Oscar. Per questa ragione la sua potenziale nomination ora è in bilico.

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Award, Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), Columbus Film Critics Association Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Golden Globe, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Online Association of Female Film Critics Award

WINNERS: Maltin Modern Award (Santa Barbara Film Festival)

RUNNER-UP (2°posto): Iowa Film Critics Association Award

5. PAUL RACI (SOUND OF METAL)

L’outsider per eccellenza Paul Raci per la sua apprezzata prova nel dramma catartico di Darius Marder, Sound of Metal, è sicuramente il favorito della critica dopo aver vinto più di 15 premi tra quelli assegnati dalle associazioni dei critici americani, tra cui il National Board of Review, il Boston Society of Film Critics Award e il Chicago Film Critics Association Award. La sua esclusione però dai Golden Globe e anche dai SAG Awards non promette nulla di buono e potrebbe vanificare la sua ottima performance durante l’Awards Season.

NOMINATIONS: Boston Society of Film Critics Award, Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, North Carolina Film Critics Association Award, Columbus Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Independent Spirit Award, Hollywood Critics Association Film Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: Sunset Film Circle Award, Boston Society of Film Critics Award, Boston Online Film Critics Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Oklahoma Film Critics Circle Award, Columbus Film Critics Association Award, National Society of Film Critics Award, San Diego Film Critics Society Award, Hawaii Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, National Board of Review, Atlanta Film Critics Circle Award, Iowa Film Critics Association Award, 2 Hollywood Critics Association Awards, Georgia Film Critics Association Award

RUNNER-UP (2°posto): Los Angeles Film Critics Association Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, International Cinephile Society Award, Southeastern Film Critics Association Award, Online Association of Female Film Critics Award

4. CHADWICK BOSEMAN (DA 5 BLOODS)

La sua potenziale candidatura nella categoria Miglior attore non protagonista per la sua prova nel film di Spike Lee, Da 5 Bloods – Come fratelli è sempre stata una certezza nell’arco di tutta la Stagione dei Premi, complice non solo la sua presenza costante tra i nominati di tutti i premi chiave (ad eccezione dei Golden Globe), ma anche il suo interessante bottino in termini di riconoscimenti: dal New York Film Critics Circle Award al Chicago Indie Critics Award, dal 3° posto ai prestigiosi National Society of Film Critics Awards al Philadelphia Film Critics Circle Award, fino alla conquista a sorpresa del Satellite Award.

NOMINATIONS: Indiana Film Journalists Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Chicago Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Columbus Film Critics Association Award, London Critics Circle Film Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Hollywood Critics Association Film Award, SAG Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award

WINNERS: New York Film Critics Circle Award, Chicago Indie Critics Award, National Society of Film Critics Award (3° posto), Philadelphia Film Critics Circle Award, Satellite Award

RUNNER-UP (2° POSTO): Indiana Film Journalists Association Award, Columbus Film Critics Association Award

3. LESLIE ODOM JR. (ONE NIGHT IN MIAMI)

Rispetto alle previsioni iniziali e nonostante abbia un numero di premi superiore a quelli dei suoi due successivi rivali (ne abbiamo contati 10 tra cui il New York Film Critics Online Award e il Washington D.C. Area Film Critics Association Award) Leslie Odom jr., conosciuto ai più per la sua carriera discografica oltre che per quella teatrale (ha raggiunto la popolarità con il recente Hamilton con cui ha vinto un Tony Award per il miglior attore protagonista in un musical), per la sua applaudita interpretazione nell’opera prima di Regina King, One Night in Miami, in cui interpreta il leggendario Sam Cooke, perde terreno tra i potenziali favoriti di questa categoria pur restando in pole position per la sua prima nomination agli Oscar. Attualmente ha al suo attivo la candidatura in tutti i premi chiave (ad eccezione dei Satellite Awards).

NOMINATIONS: Sunset Film Circle Award, Indiana Film Journalists Association Award, Chicago Film Critics Association Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), St. Louis Film Critics Association Award, San Francisco By Area Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: Indiana Film Journalists Association Award, EDA Award, Houston Film Critics Society Award, Black Film Critics Circle Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Online Film Critics Society Award, New York Film Critics Online Award, Washington D.C. Area Film Critics Association Award, Spotlight Award (Palm Springs International Film Award), Utah Film Critics Association Award

RUNNER-UP (2°posto): Philadelphia Film Critics Circle Award, Toronto Film Critics Association Award, Iowa Film Critics Association Award

2. DANIEL KALUUYA (JUDAS AND THE BLACK MESSIAH)

Daniel Kaluuya per la sua interpretazione nel film Judas and the Black Messiah concorrerà nella categoria supporter dopo l’annuncio ufficiale da parte della Warner Bors, nonostante fosse considerato un forte competitor nella categoria miglior attore protagonista come abbiamo sostenuto nelle previsioni di agosto. Probabilmente questo”spostamento” è una conseguenza dell’annuncio di Netflix di puntare su Boseman in entrambe le categorie, riducendo di fatto gli spazi “disponibili”. In ogni caso Kaluuya potrebbe conquistare una seconda nomination agli Oscar (la prima nel 2018 con l’horror d’autore Get Out) grazie al suo ruolo nei panni dell’attivista Fred Hampton, giovane presidente della sezione dell’Illinois della storica organizzazione rivoluzionaria afroamericana delle Pantere nere, ucciso dall’FBI

NOMINATIONS: Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award, BAFTA

WINNERS: New Mexico Film Critics Association Award, Toronto Film Critics Association Award, International Star Award (Palm Springs International Film Award), Dallas-Fort Worth Film Critics Association Award, Seattle Film Critics Society Award, Nevada Film Critics Society Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Golden Globe, Online Association of Female Film Critics Award, Phoenix Film Critics Society Award, Las Vegas Film Critics Society Award, Latino Entertainment Journalists Association Award, Critics Choice Award, Detroit Film Critics Society Award, African American Film Critics Association Award

RUNNER-UP (2° posto): Utah Film Critics Association Award

1. SACHA BARON COHEN (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

Uno degli attori dell’apprezzato film corale di Aron Sorkin, The Trial of the Chicago 7, l’eclettico Sacha Baron Cohen potrebbe conquistare la prima nomination agli Oscar come attore dopo averne ottenuta già una nel 2007 per l’adattamento del film irrivirente Borat di Larry Charles. Tutto merito della sua ultima interpretazione nel film di Sorkin in cui interpreta un personaggio realmente esistito: Abbie Hoffman, noto attivista ed esponente della sinistra radicale, nonchè simbolo della ribellione giovanile che caratterizzò l’America degli anni 60′ e 70′

NOMINATIONS: Florida Film Critics Circle Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, Chicago Indie Critics Award, North Carolina Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists Award (EDA), 2 Columbus Film Critics Association Awards, North Dakota Film Society Award, San Diego Film Critics Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, 2 London Critics Circle Film Awards, Online Film Critics Society Award, Satellite Award, Golden Globe, SAG Award, Seattle Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award, Vancouver Film Critics Circle Award, Online Association of Female Film Critics Award

WINNERS: Capri Hollywood Award, North Carolina Film Critics Association Award, Music City Film Critics Association Award, North Dakota Film Society Award, Denver Film Critics Society Award, North Texas Film Critics Association Award, Southeastern Film Critics Association Award, AACTA International Award

RUNNER-UP (2°posto): St. Louis Film Critics Association Award, Atlanta Film Critics Circle Award

Se vuoi restare aggiornato con le Previsioni di questa categoria, salva questa pagina: sarà aggiornata ogni volta che saranno annunciati nuovi premi e nomination

OTHERS PREDICTIONS:

Previsioni Miglior attore non protagonista (SETTEMBRE)

Previsioni Miglior attore non protagonista (NOVEMBRE)

Previsioni Miglior attore non protagonista (GENNAIO)

Previsioni Miglior attore non protagonista (FEBBRAIO)

OTHERS COMPETITORS:

BILL BURR (THE KING OF STATEN ISLAND)

NOMINATIONS: Indiana Film Journalists Association Award, Music City Film Critics Association Award

WINNERS

RUNNER-UP (2° POSTO): Sunset Circle Film Awards

BRIAN DENNEHY (DRIVEWAYS)

NOMINATIONS: Florida Film Critics Circle Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Satellite Award

WINNERS:

RUNNER-UP (2°POSTO): Boston Society of Film Critics Awards, Florida Film Critics Circle Award

CLARKE PETERS (DA 5 BLOODS)

NOMINATIONS: BAFTA

RUNNER – UP (2°posto): Hollywood Critics Association (Midseason Award)

BO BURNHAM (PROMISING YOUNG WOMAN)

NOMINATIONS: Chicago Indie Critics Award, North Dakota Film Society Award, St. Louis Film Critics Association Award, Hollywood Critics Association Film Award

YAHYA ABDUL – MATEEN II (THE TRIAL OF THE CHICAGO 7)

NOMINATIONS: Chicago Indie Critics Award

ORION LEE (FIRST COW)

NOMINATIONS: North Dakota Film Society Award, 2 Indiana Film Journalists Association Awards, Gotham Award (rivelazione), Sunset Film Circle Award (rivelazione), Independent Spirit Award

RUNNER-UP (2°posto): North Dakota Film Society Award

PETER MACDISSI (UNCLE FRANK)

NOMINATIONS: San Diego Film Critics Society Award

RUNNER -UP (2° POSTO): San Diego Film Critics Society Award

BEN MENDELSOHN (BABYTEETH)

NOMINATIONS: London Critics Circle Film Award, Australian Academy of Cinema & Television Arts International Award

WINNERS: Australian Academy of Cinema & Television Arts Award

COLMAN DOMINGO (MA RAINEY’S BLACK BOTTOM)

NOMINATIONS: Independent Spirit Award

BENEDICT WRONG (NINE DAYS)

NOMINATIONS: Independent Spirit Award

KINGSLEY BEN-ADIR (ONE NIGHT IN MIAMI)

NOMINATIONS: Satellite Award

SHAUN PARKES (MANGROVE)

WINNERS: London Critics’ Circle Film Award

D’ANGELO OSEI KISSIEDU (ROCKS)

NOMINATIONS: BIFA

WINNERS: BIFA

Previsioni Nominations Oscars 2020: Miglior Attore non protagonista (dicembre)

In questa edizione dell’Awards Season la categoria del Miglior attore non protagonista sembrerebbe la meno imprevedibile, con una gara che vede favoriti per la nomination ben 4 attori, lasciando come di consueto l’incognita del 5° nome. Attualmente il favorito di questa categoria, come avevamo suggerito nelle previsioni di Settembre e Ottobre, è sempre Brad Pitt per C’era una volta a Hollywood dopo aver vinto numerosi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani.

Inizialmente si pensava che Al Pacino per The Irishman potesse essere il suo rivale nella corsa all’Oscar dato che aveva inaugurato la Stagion dei Premi vincendo l’Hollywood Film Award come supporter, ma poi i critici di New York e di Philadelphia con i loro premi annuali hanno lasciato intendere che solo Joe Pesci (The Irishman) poteva ribaltare i pronostici. Al terzetto si unisce, ma con molta distanza, il 2 volte premio Oscar Tom Hanks che per il ruolo dell’amatissima icona televisiva Fred Rogers nel godibile film Un amico straordinario di Marielle Heller ha conquistato la nomination nei premi chiave ma senza mai vincere un riconoscimento. Resta un solo posto nella cinquina, ma gli attori che potrebbero conquistare la nomination sono ben 3. Scopriamo chi sono!

Quali sono gli attori che hanno più chance di conquistare la nomination nella categoria Best Supporting Actor?

7. WILLEM DAFOE (THE LIGHTHOUSE)

Il suo straordinario lavoro nel film The Lighthouse di Robert Eggers, premiato al Festival di Cannes con il prestigioso FIPRESCI, che finora gli ha fatto guadagnare una nomination ai Gotham Awards e ai Film Independent Spirit Awards, potrebbe aiutarlo a conquistare la 5a nomination della sua carriera, dopo esserci andato molto vicino nel 2018 sempre nella categoria supporter grazie alla pellicola The Florida Project.

09/12: Snobbato a sorpresa dai Golden Globe

11/12: escluso anche dai SAG Awards. Le sue quotazioni scendono.

20/12: a sorpresa vince il Satellite Award e si riaccendono le speranze

NOMINATIONS: Gotham Awards (miglior attore), Film Independent Spirit Awards (miglior attore non protagonista), Satellite Awards (miglior attore non protagonista), Detroit Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award

WINNERS: Satellite Awards, Las Vegas Film Critics Awards, Indiana Film Journalist Association Awards, Seattle Film Critics Society Awards, Columbus Film Critics Association Award.

Willem Dafoe Oscars 2020

6. SONG KANG -HO (PARASITE)

Per l’attore sudcoreano Song Kang – ho potrebbe arrivare la prima nomination della sua carriera grazie al suo lavoro nel capolavoro di Bong Joon – ho, Parasite, complice la nomination ai SAG Awards nella categoria Miglior cast. In siffatto contesto Song potrebbe entrare a sorpresa nella cinquina nonostante la sua esclusione dai Golden Globe e dai Critics’ Choice Awards.

NOMINATION: Seattle Film Critics Award

WINNERS: Los Angeles Film Critics Association Award, Phoenix Critics Circle Award, Chicago Indie Critics Award, Dorian Award,

Song Kang - ho

5. ANTHONY HOPKINS (I DUE PAPI)

Grazie al ruolo di Papa Benedetto Ratzinger nel film di Fernando Mereilles, I due Papi, Anthony Hopkins, a distanza di 28 anni dal suo meritatissimo Oscar nei panni di Hannibal Lecter nel thriller Il silenzio degli innocenti, potrebbe avvicinarsi alla sua 5a nomination agli Oscar (la seconda come supporter dopo la candidatura per Amistad nel 1998).

11/12: escluso dai SAG Awards, ma la sua presenza nei premi chiave dell’Award Season gli consentono di restare nella cinquina, sfruttando anche la posizione incerta di Dafoe.

NOMINATIONS: Golden Globe, Satellite Awards, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS:

Anthony Hopkins Oscars 2020

4. TOM HANKS (UN AMICO STRAORDINARIO)

Per la sua interpretazione nella pellicola di Marielle Heller, A Beautiful Day in the Neighborhood (Un amico straordinario) presentata con successo all’ultimo Toronto International Film Festival, il due volte premio Oscar Tom Hanks potrebbe conquistare la sua 6a nomination, interpretando l’amatissima icona televisiva Fred Rogers. 

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Awards, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS:North Texas Film Critics Association Award

tom hanks 2020 oscar

3. AL PACINO (THE IRISHMAN)

Dopo la vittoria agli Hollywood Film Awards come miglior attore non protagonista per The Irishman, si è consolidata per Al Pacino la possibilità di conquistare la 9a nomination della sua carriera. Tutto merito della sua incredibile interpretazione nei panni di Jimmy Hoffa nell’ultimo film di Martin Scorsese.

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS: Hollywood Film Awards

Al Pacino Oscars 2020

2. JOE PESCI (THE IRISHMAN)

Sono passati ben 28 anni dall’Oscar vinto come supporter per il cult movie Quei Bravi Ragazzi, da allora Joe Pesci non è mai riuscito a conquistare la 3a nomination della sua carriera (la prima è arrivata nel 1981 con un film sempre di Scorsese Toro Scatenato). Quest’anno potrebbe essere la volta buona grazie alla sua interpretazione nei panni di Russell Bufalino nell’atteso The Irishman, complice il New York Film Critics Circle Award vinto che gli ha consentito di entrare nella oscar race.

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS: New York Film Critics Circle Award, New York Film Critics Online Awards, Philadelphia Film Critics Circle Awards, Detroit Film Critics Society Awards, San Diego Film Critics Society Award, Kansas City Film Critics Circle Award, Nevada Film Critics Society Award,Utah Film Critics Association Award, Florida Film Critics Circle Award, Greater Western New York Film Critics Association Award, Hollywood Critics Association Award, Georgia Film Critics Association Award

Joe Pesci The Irishman

1. BRAD PITT (C’ERA UNA VOLTA A HOLLYWOOD)

Resta saldo al primo posto Brad Pitt che per il suo ruolo di stuntman della Hollywood della fine degli anni 60′ nel film di Quentin Tarantino C’era una volta a Hollywood potrebbe conquistare il primo Oscar come attore, nonché la 4a candidatura della sua carriera (la seconda come supporter dopo quella nel 1996 per L’ esercito delle 12 scimmie). Pitt ha all’attivo come produttore 1 Oscar per il film 12 anni schiavo più di 2 nomination per i film La grande scommessa e MoneyBall. 

NOMINATIONS: SAG Awards, Golden Globe, Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, Detroit Film Critics Circle Award, San Diego Film Critics Society Award, Critics’ Choice Award, BAFTA

WINNERS: Golden Globe, Critics Choice Award, National Society of Film Critics Award, Atlanta Film Critics Circle Award, National Board of Review, Toronto Film Critics Association Awards, Washington DC Area Film Critics Association Awards, San Diego Film Critics Society Awards, Philadelphia Film Critics Circle Award, Boston On Line Film Critics Association Award, Chicago Film Critics Association Award, Oklahoma Film Critics Circle Award, Boston Society of Film Critics Award, Southeastern Film Critics Association Award, St.Louis Film Critics Association Award, San Francisco Bay Area Film Critics Circle Awards, Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, Vancouver Film Critics Circle Awards,Phoenix Film Critics Society Awards, Black Film Critics Circle Awards, AACTA International Award, North Carolina Film Critics Association Award, Houston Film Critics Society Award, On Line Film Critics Society Award, Austin Film Critics Association Award, Alliance of Women Film Journalists EDA Award, Music City Film Critics Association Award

booth

Oscar 2019, chi vincerà il premio per il miglior attore non protagonista?

Per scoprire quale attore vincerà l’Oscar 2019 nella categoria miglior attore non protagonista bisogna seguire l’andamento dell’Award Season, e cioè la stagione dei premi che ogni anno anticipa i gusti e le tendenze degli Academy Awards, comunemente chiamati Oscar. Tale previsione viene elanorata incrociando i verdetti dei principali festival cinematografici (Venezia, Cannes, Telluride, Toronto), con i vincitori dei Gotham Awards, degli Hollywood Film Awards, dei National Board of Review, dei British Independent Film Awards, dei Satellite Awards, dei National Society of Film Critics Awards, dei Golden Globe, dei Critics Choice Awards, dei SAG Awards, dei BAFTA, degli Spirit Awards e di oltre 50 premi assegnati dalle associazioni dei critici americani.

Oscar 2019, chi vincerà l’Oscar come miglior attore non protagonista?

Mahershala Alì (Green Book): grazie al grande successo ottenuto al Toronto Film Festival dove il film ha vinto il premio del pubblico, Alì è riuscito conquistare la sua 2a nomination all’Oscar dopo averlo vinto per la medesima categoria nel 2017 per il film Moonlight. In Green Book Alì interpreta un pianista afroamericano nell’America degli anni sessanta, la cui vita sarà rivoluzionata dall’arrivo di un misterioso buttafuori italo-americano interpretato dal talentuoso Viggo Mortensen. Sarà l’inizio di un’inedita amicizia. Alì insieme a Mortensen e a Linda Cardellini ha vinto il premio come miglior cast agli Hollywood Film Awards. Ha al suo attivo il Golden Globe, il SAG Award, il Critics’ Choice Award, il BAFTA come miglior attore non protagonista. Senza dimenticare che ha vinto il Washington Film DC Area Critics Association Award, il Los Angeles Online Film Critics Society Award, il Dallas Fort-Worth Film Critics Association Award, il Phoenix Film Critics Society Award, il North Texas Film Critics Association Award, il Houston Film Critics Society Award, lo Iowa Film Critics Association Awards, il Denver Film Critics Society Award

Miglior attore non protagonista

Richard E. Grant (Can You every forgive me?): caratterista britannico protagonista di numerose pellicole dirette da registi del calibro di Coppola, Campion, Altman, Scorsese. Richard E. Grant ha ottenuto la giusta consacrazione che merita con la sua prima candidatura agli Oscar per il suo ruolo nell’ultimo film di Marielle Heller Copia originale (Can You Ever Forgive Me?) con protagonista Melissa McCarthy. Ha al suo attivo per questo film l’Independent Spirit Award, il Satellite Award, il New York Film Critics Circle Award, il Philadelphia Film Critics Circle Award, il Chicago Film Critics Association Award, il New York Film Critics Online Award, il San Diego Film Critics Society Award, l’Online Association of Female Film Critics Award, il Boston Online Film Critics Association Awards, il Boston Society of Film Critics Award, il Kansas City Film Critics Circle Award, il St. Louis Film Critics Association Award, il Phoenix Critics Circle Award, il Seattle Film Critics Society Award, il Vancouver Film Critics Society Award, il Southeastern Film Critics Association Award, il Nevada Film Critics Society Award, il Columbus Film Critics Association Award, l’Austin Film Critics Association Award come miglior attore non protagonista, oltre ad una nomination agli Independent Spirit Awards, ai Satellite Awards, ai Golden Globe, ai Critics’ Choice Awards, ai SAG Awards, ai BAFTA.

4A46707D00000578-5512381-Fight_You_re_impersonating_other_people_he_fires_back_No_one_is_-a-2_1521277570371

Sam Elliott (A star is born): conosciuto ai più non solo per la sua partecipazione nel cult dei fratelli Coen Il grande Lebowski in cui interpreta Lo straniero ma anche per la sua interpretazione nella serie tv Buffalo Girls grazie alla quale ottenne sia una nomination agli Emmy che ai Golden Globe. Quest’anno il veterano Sam Elliott ha ottenuto la sua prima candidatura agli Oscar per il film A star is born. Ha al suo attivo per questo film un National Board of Review ,l’Atlanta Film Critics Circle Award, il New Mexico Film Critics Association Award, il Las Vegas Film Critics Society Award,l’Indiana Film Journalist Association Award, il Georgia Film Critics Association Award come miglior attore non protagonista e una candidatura ai Satellite Awards, ai Critics’ Choice Awards, ai SAG Awards. E’ statoperò CLAMOROSAMENTE SNOBBATO dai Golden Globe e dai BAFTA

sam-elliott-ASIB-06247_High_Res_JPEG

Adam Driver (Blackkklansman): Adam Driver, dopo esserci andato vicino lo scorso anno grazie alla sua interpretazione nel film Paterson che gli ha permesso di conquistare il Los Angeles Film Critics Association Award e il Toronto Film Critics Association Award, quest’anno ha conquistato la sua prima nomination agli Oscar grazie al suo ruolo nell’ultimo e apprezzato film di Spike LeeBlackkkansman. Ha al suo attivo per questo film una nomination agli Independent Spirit Awards, ai Satellite Awards, ai Critics’ Choice Awards, ai Golden Globe, ai SAG Awards, ai BAFTA

blackkklansman-adam-driver

Chiude la cinquina a sorpresa il premio Oscar, Sam Rockwell che per Vice – L’uomo nell’ombra ha ottenuto la seconda nomination della sua carriera interpretando George W. Bush nel biopic di Adam McKay. Con la sua esclusione dai Satellite Awards, dai Critics’ Choice Awards e dai SAG Awards non era matematica la sua candidatura, arrivata grazie alla nomination ai Golden Globe e quella ai BAFTA con cui è rientrato in corsa per gli Oscar.

sam-rockwell-iron-man-2

ESCLUSI

Timothee Chalamet (Beautiful Boy): l’enfant prodige del cinema americano è stato clamorosamente escluso per la sua prova in Beautiful Boy dove interpreta un ragazzo schiavo della droga. Per i suoi fans Timothée poteva riscattare la sconfitta dello scorso anno dove fu battuto nella categoria miglior attore dallo straordinario Gary Oldman nei panni di Winston Churchill nel biopic L’ora più buia. Per Beautiful Boy aveva al suo attivo l’Hollywood Film Award e il San Diego Film Critics Society Award come miglior attore non protagonista, oltre ad una nomination ai Satellite Awards, ai Critics’ Choice Awards, ai Golden Globe, ai SAG Awards, ai BAFTA

76723_ppl

Michael B. Jordan (Black Panther): grazie alla sua partecipazione nel film campione d’incassi Black Panther Michael B. Jordan, poteva ottenere la sua prima nomination agli Oscar. Per questo ruolo ha già conquistato due riconoscimenti importanti come miglior villain tra cui il Teen Choice Awards e l’MTV Movie Tv Awards. Ha al suo attivo il San Francisco Film Critics Circle Award, l’Oklahoma Film Critics Circle Award, l’Online Film Critics Society Award, il North Carolina Film Critics Association Award anche se e’ stato snobbato dai Satellite Awards, dai BAFTA e dai Golden Globe. Aveva però conquistato la nomination ai Critics’ Choice Awards e quella ai SAG Awards per il miglior cast.

michael-b-jordan-black-panther-killmonger

Steven Yeun (Burning): delusione anche per Steve Yeun, conosciuto ai più per il ruolo di Glenn Rhee nella serie televisiva The Walking Dead, poteva ottenere la sua prima nomination agli Oscar per l’acclamato film Burning, escluso anche dalla categoria miglior film straniero. Nonostante sia stato escluso dai Golden Globe, dai SAG Awards, dai BAFTA poteva contare sull’apprezzamento della critica americana dato che aveva al suo attivo il prestigioso National Society of Film Critics Award, il Toronto Film Critics Association Award, il Los Angeles Film Critics Association Award, il Florida Film Critics Circle Award e il Greater Western New York Film Critics Association Award come miglior attore non protagonista.

stevenyeun-e1540503540865

Chi vincerà l’Oscar 2018 come miglior attore non protagonista?

Sulla base dei premi assegnati durante l’Award Season tra cui gli Hollywood Film Awards, i Gotham Independent Film Awards, i National Board of Reviw, i New York Film Circle Critics Awards, i Los Angeles Film Critics Association Awards, i Detroit Film Critics Society Awards, i Washington DC Area Film Critics Association Awards, Boston Online Film Critics Association Awards, i Boston Society of Film Critics Awards, i Toronto Film Critics Awards, i British Independent Film Awards, i New York Online Film Critics Awards, i San Francisco Film Critics Awards, i Phoenix Critics Circle Awards, i Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, i Chicago Film Critics Association Awards, gli African American Film Critics Association Awards, i San Diego Film Critics Society Awards, i Black Film Critics Circle Awards, i North Texas Film Critics Association Awards, i Las Vegas Film Critics Society Awards, gli Indiana Film Journalists Association Awards, i Phoenix Film Critics Society Awards, i Seattle Film Critics Society Awards, i Southeastern Film Critics Association Awards, i St.Louis Film Critics Association Awards, i Kansas City Film Critics Circle Awards, Uthah Film Critics Association Awards, i Vancouver Film Critics Circle Awards, gli Annual Online Film Critics Society Awards, i Florida Film Critics Circle Awards, i Nevada Film Critics Society Awards, i North Carolina Film Critics Association Awards, gli Oklahoma Film Critics Association Awards, ai Columbus Film Critics Association Awards, ai National Society of Film Critics Awards, agli Houston Film Critics Society Awards, ai Golden Globegli Alliance of Women Film Journalists EDA Awards, gli Austin Film Critics Association Awards, gli Iowa Film Critics Association Awards, i Georgia Film Critics Association Awards, i Denver Film Critics Society Awards, Critics Choice Movie Awards, SAG Awards, i Satellite Awards, i BAFTA, gli Independent Spirit Awards abbiamo elaborato le previsioni sul nome del miglior attore non protagonista che avrebbe vinto l’Oscar 2018 (la classifica è stata aggiornata dopo ogni premio assegnato):

sam rockwell

1.SAM ROCKWELL (Three Billboards Outside Ebbing, Missouri)

Sam Rockwell ha vinto l’Oscar 2018 nella categoria miglior attore non protagonista dopo aver vinto il SAG Award, il Golden Globe e il Critics Choice Movie Awards, il Satellite Award, il BAFTA, l’Independent Spirit Award oltre all’Hollywood Film Award, al Washington DC Area FIlm Critics Award, al San Diego Film Critics Award, al Phoenix Critics Circle Award, al Dallas Fort-Worth Film Critics Association Award, al North Texas Film Critics Association Award, al Las Vegas Film Critics Society Award, al Phoenix Film Critics Society Award, al Southeastern Film Critics Association Award, all’Annual Online Film Critics Society Award, al Florida Film Critics Circle Award, al Nevada Film Critics Society Award, allo Houston Film Critics Society Award e ottenuto il 2°posto ai Los Angeles Film Critics Association Awards per il film Tre manifesti a Ebbing, Missouri di Martin McDonagh oltre ad aver conquistato una nomination ai BIFA

willem dafoe

2.Willem Dafoe (The Florida Project)

Willem Dafoe ha ottenuto la nomination agli Oscar il film The Florida Project dopo aver vinto il premio come miglior attore non protagonista ai National Board of Review, ai Los Angeles Film Critics Association Awards, ai Detroit Film Critics Society Awards, ai Washington DC Area Film Critics Association Awards, aiNew York Film Circle Critics Awards , ai Boston Online Film Critics Association Awards, ai Boston Society of Film Critics Awards, ai Toronto Film Critics Awards, ai New York Online Film Critics Awards,ai San Francisco Film Critics Awards, ai Chicago Film Critics Association Awards, ai Black Film Critics Circle Awards, agli Indiana Film Journalists Association Awards, ai Seattle Film Critics Society Awards, ai Kansas City Film Critics Circle Awards, agli Uthah Film Critics Association Awards, ai Vancouver Film Critics Circle Awards, ai North Carolina Film Critics Association Awards, agli Oklahoma Film Critics Association Awards, ai Columbus Film Critics Association Awards, ai National Society of Film Critics Awards, agli Alliance of Women Film Journalists EDA Awards, agli Austin Film Critics Association Awards, agli Iowa Film Critics Association Awards, ai Georgia Film Critics Association Awards, ai Denver Film Critics Society Awards oltre ad aver ottenuto la nomination ai Gotham Awards come miglior attore, anche se è stato snobbato dagli Independent Spirit Awards. Inoltre ha al suo attivo anche una candidatura ai Satellite Awards, ai BAFTA e ai SAG Awards. Per lui si tratta della sua 3a nomination agli Oscar dopo quelle ottenute sempre nella categoria miglior attore non protagonista nel 1987 per il ruolo del sergente Elias in Platoon di Oliver Stone e nel 2001 per il suo ruolo nel film L’ombra del vampiro in cui si tributa il genio Friedrich Wilhelm Murnau raccontando il possibile dietro le quinte del cult Nosferatu il vampiro. 

Shape_of_Water_4

3. Richard Jenkins (The Shape of Water)

Forte della sua nomination ai Critics Choice Movie Awards, ai Golden Globe e ai SAG Awards, il caratterista Richard Jenkins ha ottenuto la prima candidatura agli Oscar della sua carriera nonostante l’esclusione dai Satellite Awards e dai BAFTA. Ha al suo attivoSt.Louis Film Critics Association Award come miglior attore non protagonista.

woody harrelson

4. Woody Harrelson (Tre manifesti a Ebbing, Missouri)

La sua candidatura agli Oscar non era prevista dato che Harrelson non è stato uno dei protagonisti dell’Award Season. Infatti ha collezionato solo alcune nomination ai: BAFTA, BIFA, Central Ohio Film Critics Association Awards, Dallas Fort-Worth Film Critics Association Awards, Denver Film Critics Society Awards, London Film Critics Circle Awards, North Carolina Film Critics Awards, Philadelphia Film Critics Circle Awards, San Diego Film Critics Society Awards, SAG Awards. Per lui si tratta della 3a nomination agli Oscar dopo averla ottenuta come supporter nel 2010 per il film The Messenger e come lead actor nel 1997 per il film Larry Flint -Oltre lo scandalo.

christopher-plummer-tutti-i-soldi-del-mondo-1

5.Cristopher Plummer (Tutti i soldi del mondo)

La nomination ai Golden Globe gli ha consentito di entrare in corsa per gli Oscar dato che non ha eccelso durante tutta l’Award Season, facendogli collezionare solo una candidatura ai BAFTA e ai North Carolina Film Critics Association Awards. Per Plummer si tratta della sua 3a nomination agli Oscar dopo averlo vinto nel 2012 per Beginners e conquistato una candidatura nel 2010 per il film The Last Station.


ESCLUSI

armie-hammer-the-man-from-uncle

Armie Hammer (Call Me By Your Name)

Niente da fare per Armie Hammer che non è riuscito ad ottenere la sua prima nomination agli Oscar per il suo ruolo nell’ultimo film del regista italiano Luca GuadagninoCall me by your name, anche se l’esclusione dai SAG Awards e dai BAFTA non lasciava presagire nulla di buono. In compenso ha conquistato una nomination agli Independent Spirit Awards e ai Satellite Awards.

mark rylance

Mark Rylance (Dunkirk)

Delusione per Mark Rylance (Dunkirk) che sperava di ottenere la seconda nomination della sua carriera dopo aver vinto l’Oscar nel 2016 proprio in questa categoria grazie al suo ruolo nel film di Steven Spielberg Il ponte delle Spie. Di conseguenza la sua candidatura ai Satellite Awards non è bastata! L’esclusione però dai Critics Choice Movie Awards, dai Golden Globe, dai BAFTA e dai SAG Awards non prometteva nulla di buono.

Patrick-Stewart-as-Professor-X-in-Logan-768390

Patrick Stewart (Logan)

Grazie alla sua nomination ai Critics Choice Movie Awards, il veterano Patrick Stewart per un attimo ha sperato di ottenere la sua prima nomination agli Oscar per il film Logan, ma l’esclusione dai Golden Globe, dai BAFTA e dai SAG Awards non lasciava presagire una candidatura.

Ben Mendelsohn (Darkest Hour)

Disfatta per Paul Benjamin “Ben” Mendelsohn che sperava di ottenere la prima nomination della sua carriera nella categoria miglior attore non protagonista, ma l’esclusione sia dai Critics Choice Movie Awards che dai Satellite Awards lasciava presagire un nulla di fatto. Soprattutto se si considera che è stato escluso anche dai Golden Globe e dai SAG Awards.

Chi vincerà l’Oscar 2017 come miglior attore non protagonista?

Sulla base dei premi finora assegnati durante l’Award Season (SAG Awards, BAFTA, Golden GlobeNational Society of Film Critics Awards, Houston Film Critics Awards, Gotham Independent Film Awards,National Board of Review,New York Film Critic Awards, Washington Film Critics Awards,Los Angeles Film Critics Awards, Atlanta Film Critics Society Awards-Boston On Line Film Critics Awards, i New York On Line Film Critics Awards-San Francisco Film Critics Awards, Toronto Film Critics Association, Critics’ Choice Movie Awards, Boston Society of Film Critics, Dallas-Fort Worth Film Critics, i Chicago Film Critics Awards, i Kansas City Film Critics Awards, i Las Vegas Film Critics Society Awards,il Phoenix Critics Circle Award, il St. Louis Film Critics Award,il Detroit Film Critics Award, l’Indiana Film Journalists Award, l’Utah Film Critics Award, il Phoenix Film Critics Award, il Southeastern Film Critics Award, il Vancouver Film Critics Award, il Nevada Film Critics Award, l’Online Film Critics Society Award, il Florida Film Critics Award, l’Austin Film Critics Award, il North Texas Film Critics Award, il North Carolina Film Critics Award,l’Oklahoma Film Critics Awardil Satellite Awards, il Central Ohio Film Critics Award, il Seattle Film Critics Award, il Georgia Film Critics Award, il Denver Film Critics Award, l’Iowa Film Critics Award, il National Society of Film Critics Awardgli Independent Spirit Awardssi delineano le previsioni sul nome del miglior attore non protagonista che l’Oscar 2017 (la classifica viene aggiornata dopo ogni premio assegnato):

cropped-moonlight11.jpg
Mahershala Ali (Moonlight)

1.MAHERSHALA ALI (Moonlight): è il vincitore annunciato di questa categoria per via dei numerosi riconoscimenti conquistati nel corso dell’Award Season come miglior attore non protagonista: dal New York Film Critic Awards all’ Washington Film Critics Awards,dall’Atlanta Film Critics Society Awards al Los Angeles Film Critics Award, dal Boston On Line Film Critics Awards al New York On Line Film Critics Awards, dal San Francisco Film Critics Award al Toronto Film Critics Association, dal Critics’ Choice Movie Awards al Boston Society of Film Critics, dal Dallas-Fort Worth Film Critics al Chicago Film Critics Awards, dal Phoenix Critics Circle Award al St. Louis Film Critics Award dall’Indiana Film Journalists Award all’Utah Film Critics Award, dal Southeastern Film Critics Award al Vancouver Film Critics Award, dall’Austin Film Critics Award all’Oklahoma Film Critics Award e all’Online Film Critics Society Award, dal Central Ohio Film Critics Award al Seattle Film Critics Award, fino al National Society of Film Critics Award, dal Georgia Film Critics Award al Denver Film Critics Award dall’Iowa Film Critics Award al SAG Award. Ha conquistato la nomination ai BAFTA e ha ottenuto la sua 1a nomination agli Oscar.

jeff-bridges
Jeff Bridges (Hell or High Water)

2.JEFF BRIDGES (Hell or High Water): per il suo ruolo nel film rivelazione Hell or High Water, Jeff Bridges ha conquistato la sua 7a nomination agli Oscar dopo averlo vinto nel 2010 come miglior attore per Crazy Heart. Per questa nuova pellicola, Bridges ha già vinto il National Board of Review, il Kansas Film Critics Award, il Phoenix Film Critics Award, il Florida Film Critics Award, il North Carolina Film Critics Award , il Satellite Award, il Houston Film Critics Awards nella medesima categoria. Ha conquistato anche la nomination ai BAFTA.

lucas-hedges

3.LUCAS HEDGES (Manchester by the Sea): Grazie alla vittoria ai National Board of Review, ai Critics’ Choice Movie Awards, ai Washington Film Critics Awards come miglior attore esordiente, Hedges ha ottenuto la sua 1a nomination agli Oscar. Inoltre per questo ruolo ha conquistato anche una nomination come miglior attore non protagonista agli Independent Film Spirit Awards nonostante sia stato escluso dalla cinquina dei BAFTA.

michael-shannon

4.MICHAEL SHANNON (Animali Notturni): per questa sua intensa interpretazione Michael Shannon ha ottenuto il Las Vegas Film Critics Award e il North Texas Film Critics Award. Le sue quotazioni sembravano in ribasso a causa della sua esclusione dai Golden Globedai SAG Awards e dai BAFTA. Eppure Shannon è riuscito a conquistare la sua 2a nomination agli Oscar.

dev-patel

5.DEV PATEL (Lion): per il suo ruolo in Lion, oltre ad aver ottenuto la sua prima nomination agli Oscar ha conquistato “a sorpresa” un BAFTA


ESCLUSI DALLE NOMINATIONS COME MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

hugh-grant
Hugh Grant (Florence Foster Jenkins)

HUGH GRANT (Florence Foster Jenkins): l’Hollywood Film Award unitamente alle candidature conquistate ai SAG Awards e ai BAFTA avevano fatto ben sperare in vista di una candidatura agli Oscar. Purtroppo però Grant è stato escluso dalla cinquina.


AARON TAYLOR-JOHNSON (Animali Notturni): con la sua sorprendente e inattesa vittoria ai Golden Globe e la sua nomination ai BAFTA, Aaron sembrava avere molte chance per una nomination agli Oscar come miglior attore non protagonista pur essendo stato escluso dai SAG Awards. E’ stato però escluso dalla cinquina degli Oscar 2017.

Oscar 2016, tra Mark Rylance e Sylvester Stallone s’insinua Paul Dano per il miglior attore non protagonista

Per i prossimi Oscar, le previsioni per la categoria miglior attore non protagonista non sono mai state così ricche di sorprese e colpi di scena.

Complice i numerosi riconoscimenti cinematografici finora assegnati che permettono di individuare gli attori supporter che saranno i protagonisti della prossima Notte degli Oscar.

Inizialmente, nei primi mesi, si dava per possibile un testa a testa tra l’anti-divo Tom Hardy per The Revenant e il veterano Kurt Russel per The Hateful Eight. Da allora però le cose sono decisamente cambiate.

Complice i premi assegnati dai critici di New York (compresi i premi on line), di Boston e di Los Angeles che hanno assegnato il premio come miglior attore non protagonista allo “shakesperiano” Mark Rylance per il suo ruolo nel film Il ponte delle spie di Steven Spielberg.

A tallonare una sua possibile vittoria ci sarebbe una (si fa per dire) sorpresa di questa appassionata Award Season, e cioè Sylvester Stallone che potrebbe ricevere una nominations all’Oscar per il film Creed, per il quale ruolo ha già vinto il National Board of Review e i premi on line assegnati dai critici di Boston.

Tra i due litiganti però avanza gradualmente Paul Dano, il quale oltre ad aver vinto il Gotham Independent Film Awards come miglior attore non protagonista per Love and Mercy, ha convinto i critici di  Boston e ha vinto il premio assegnato dai critici on line di New York nella categoria migliore attore protagonista.

Nella cinquina dei possibili candidati agli Oscar nella categoria supporter resiste Michael Keaton per Spotlight dopo aver vinto il premio come miglior attore assegnato dalla New York Film Critics Circle Award.

Per l’ultimo posto “vacante” in questa categoria sarà un testa a testa tra Mark Ruffalo per Spotlight, Tom Hardy per The Revenant e Idris Elba per , Beasts of No Nation che però non hanno ancora conquistato alcun riconoscimento tra i premi dell’Award Season. Senza contare che tra questi potrebbero “insinuarsi” Michael Shannon (99 Homes) e Brendan Gleeson (Suffragette) che hanno rispettivamente vinto il Los Angeles Film Critics Award e il Biritish Independent Film Award.

Ecco di seguito la lista delle previsioni nella categoria miglior attore non protagonista per gli Oscar 2016:

1. Mark Rylance (Il ponte delle Spie)

2. Sylvester Stallone (Creed)

3. Paul Dano (Love and Mercy)

4. Michael Keaton (Spotlight)

5. Mark Ruffalo (Spotlight)

 

6. Idris Elba (Beasts of Nation)

7. Tom Hardy (The Revenant)

8. Michael Shannon (99 Homes)

9. Brendan Glesson (Suffragette)

10. Jeff Daniels (Steve Jobs)

11. Harvey Keitel (Youth)

 

Oscar 20I6, per il miglior attore non protagonista Michael Keaton sfida lo “shakespeariano” Mark Rylance

Per quanto riguarda la categoria miglior attore non protagonista, le previsioni rispetto al mese precedente sono letteralmente cambiate. Archiviata la possibilità di una candidatura per Kurt Russel per il western di Quentin Tarantino, The Hateful Eight, per cui sembrava il grande favorito, la rosa dei potenziali candidati si arricchisce di altri nomi. L’unico che resta tra i papabili rispetto al mese precedente è Tom Hardy, supporter di Leonardo Di Caprio nel film The Revenant per cui conquisterebbe la prima nomination della sua carriera.

Ma veniamo ai 4 possibili candidati.

Secondo alcuni rumors ci sarebbe un testa a testa tra Michael Keaton e Mark Rylance.

Il primo “scottato” dalla delusione dell’anno scorso dove ha dovuto cedere il “passo” a Eddie Redmayne che ha vinto l’Oscar come miglior attore per La teoria del tutto, prova a riscattarsi con il suo ruolo nel film Spotlight che si appresta ad essere uno dei film favoriti per gli Oscar 20I6 (ha recentemente vinto il premio per il miglior cast ai Gotham Independent Film Awards). Il secondo è un “grande” attore shakespeariano che però non è mai stato nominato all’Oscar anche se è molto apprezzato dall’establishment teatrale soprattutto per aver vinto 3 Tony Awards e 2 Laurence Olivier Award. Il film per il quale potrebbe essere candidato è Bridge of Spies di Steven Spileberg.

Ad insinuarsi tra i due “litiganti” ci sarebbe un attore britannico molto apprezzato dalla critica, Idris Elba, che ha già conquistato una nomination ai Golden Globe come miglior attore drammatico per il film Mandela: Long Walk to Freedom. Il ruolo per il quale potrebbe aspirare ad una nomination è Beasts of No Nation di Cary Fukunaga, basato sul romanzo Bestie senza una patria di Uzodinma Iweala, in cui interpreta un comandante arcigno e spietato che costringe i bambini a diventare soldati.

Da segnalare anche l’interpretazione di Benicio Del Toro per Sicario per il quale potrebbe ottenere la sua terza nomination agli Oscar dopo quelle ottenute per Traffic (vinto battendo Joaquin Phoenix per Il Gladiatore) e 2I grammi.

Oscar 20I6 miglior attore non protagonista, la sfida degli anti-divi

La categoria Miglior attore non protagonista è sempre stata considerata una spina nel fianco degli Academy Award dato che spesso la categoria in sè è diventata oggetto di critiche per via dell’uso che i membri giurati ne hanno fatto, arrivando ad “usarla” come pretesto per assegnare un Oscar a chi non l’avesse mai vinto; addirittura c’è chi la considera la categoria dei “veterani” dove spesso si preferisce premiare un attore di vecchia generazione trasformando il premio come miglior attore non protagonista in una sorta di premio alla carriera, insomma una specie di “contentino” per non avergli mai dato un premio come miglior attore. Ovviamente sono numerose l’eccezioni in cui giovani supporter sono riusciti a ribaltare questa tesi, ma è accaduto solo nel caso in cui le loro vittorie erano già praticamente annunciate. Attualmente Walter Brennan detiene il record di statuette vinte (3) in questa categoria (Ambizione, Kentucky, L’uomo del West) seguono con 2 statuette i veterani (Michael Kaine, Melvyn Douglas, Antohony Quinn, Jason Robards, Peter Ustnov, Cristopher Waltz). Quest’anno la sfida sembra davvero interessante dato che tra i papabili 5 nominati compaiono tutti attori estranei ai meccanismi di Hollywood, e per questo considerati anti-divi per il loro modo di concepire il proprio successo come risultato del proprio talento personale evitando gli atteggiamenti eccentrici dei divi americani. Ma vediamo la lista dei probabili candidati di quest’anno:

I-TOM HARDY: Potrebbe conquistare la sua prima nomination all’Oscargrazie al suo ruolo nel film del premio Oscar Aleandro Gonzalez Inarritu (Birdman, Babel, 2IGrammi) dal titolo The Revenant al fianco di Leonardo Di Caprio. Tom Hardy è considerato un giovane e promettente caratterista che gradualmente è riuscito a conquistare l’etichetta di attore di “nicchia” scegliendo sempre ruoli difficili ed estremi capace di mettere in luce il suo talento d’attore. Memorabili le sue intepretazioni in Bronson che gli è valsa una vittoria come miglior attore ai British Independent Film Awards nel 2009 e in Warrior e La Talpache gli hanno permesso di vincere ai BAFTA del 20II, l’Orange Rising Star Award per la miglior stella emergente

II-JEFF DANIELS: Attualmente è l’unico grande rivale di Tom Hardy, grazie al suo ruolo nel biopic su Steve Jobs diretto da Danny Boyle, nel ruolo diJohn Sculley, amministratore delegato della Apple dal 1983 al 1993 e presidente della Pepsi Cola. Per Daniels si tratterebbe della sua prima nominations agli Oscar dopo una serie di occasione mancate da parte degli Academy che hanno sempre avuto un pregiudizio nei suoi confronti, tanto da non considerare interpretazioni come quelle in Ragtime, Voglia di tenerezza o La rosa purpurea del Cairo. Oggi appare “resuscitato” grazie all’attenzione dei media per il suo ruolo da protagonista nella serie tvThe Newsroom con cui nel 20I3 ha conquistato l’Emmy come miglior attore in una serie drammatica.

III-KURT RUSSEL: Da molti è considerato il “vero” favorito per gli Oscar20I6 nella categoria miglior attore non protagonista, grazie al suo ruolo da supporter nel nuovo western di Quentin Tarantino The Hateful Eight che gli permetterebbe di conquistare la sua prima nomination della carriera. Ma molti sono i pregiudizi che gli Academy dovrebbe superare dato che i membri giurati hanno sempre avuto un forte scetticismo per gli attori di live action come Russel interprete dei film di John Carpentercome Fuga da New York e Fuga da Los Angeles. L’unica grande occasione per Kurt Russel sarebbe potuta arrivare nel I983 dove avrebbe potuto ricevere una nomination per Silkwood dato che il suo ruolo fu molto apprezzato dalla stampa estera che gli diede una nomination ai Golden Globe.

IV-HARVEY KEITEL: Grazie alla sua interpretazione in Youth del “nostro”Paolo Sorrentino, Harvey Keitel potrebbe ricevere la sua seconda nomination agli Oscar dopo quella ottenuta nel I992 per Bugsy. Da allora gli Academy non hanno mai avuto il “coraggio” di nominare questo straordinario caratterista che ci ha regalato straordinarie prove d’attore (Taxi Drivers, Rapsodia di un killer, L’ultima tentazione di Cristo, Le Iene, Lezioni di Piano, Pulp Fiction, Holy Smoke, Grand Budapest Hotel).

V-RALPH FIENNES: Attore british di straordinario talento ma anche regista dotato di un forte coraggio espressivo (Coriolanus, The Invisible Woman),Ralph Fiennes potrebbe conquistare la sua terza nomination all’Oscardopo quella ottenuta come protagonista del film Il paziente inglese e come supporter nel film Schindler’s List. Quest’anno potrebbe ricevere l’attenzione degli Academy per il film A Bigger Splash dell’italiano Luca Guadagnino, remake di un film francese che ruoterà attorno a uno sconcertante triangolo che si forma tra una coppia di artisti (una rock star e una regista) e una donna più giovane. Il tutto tra le meraviglie di Pantelleria.

Oscar 2022: le 12 migliori attrici da tenere d’occhio (previsioni ottobre)

AGGIORNAMENTO: Oscar 2022: i 25 film da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Rispetto alle previsioni redatte nel mese di luglio cambia leggermente lo scenario per quanto riguarda la categoria Miglior attrice, complici non solo le recenti nominations ai Gotham Awards ma anche e soprattutto le proiezioni ai successivi Festival come quello di Venezia, Telluride, Toronto e San Sebastian che hanno permesso ai critici di farsi un’idea più precisa su alcune attese interpretazioni, che hanno quindi subito un ridimensionamento, facendo avanzare altre prove verso un nuovo podio.

Per ora escono di scena (ma potrebbero rientrare sotto l’onda dei primi premi) Jennifer Lawrence per Don’t Look Up, la rivelazione Emilia Jones per Coda (anche se candidata ai Gotham Awards per il miglior esordio) e Rachel Zegler per West Side Story per lasciare il posto ad altre interessanti new entry che inizialmente si pensava potessero gareggiare come supporter: è il caso per esempio di Jodie Comer che domina la scena in The Last Duel e Cate Blanchett per La fiera delle illusioni. Senza dimenticare l’interpretazione vincitrice del premio per la Miglior attrice all’ultimo Festival di Cannes Renate Reinsve protagonista del film norvegese di Joachim Trier, La persona peggiore del mondo.

Quali attrici hanno più chance di entrare nella corsa agli Oscar 2022 nella categoria Lead Actress?

12. Tessa Thompson (PASSING)

Grazie alla nomination ai Gotham Awards nella nuova categoria inclusiva Outstanding Lead Performance, Tessa Thompson si conferma una delle potenziali competitors per una nomination ai prossimi Oscar complice la sua sorprendente prova nell’opera prima di Rebecca Hall, Passing, proiettata con successo all’ultimo Sundance Film Festival. Nell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 1929 scritto da Nella Larsen, la Thompson interpreta una donna (Irene) che condivide con una sua ex-compagna del liceo (Clare, interpretata dalla candidata agli Oscar Ruth Negga) un’ossessione reciproca che minaccia entrambe le loro realtà accuratamente costruite.

11. Cate Blanchett (LA FIERA DELLE ILLUSIONI)

Tra le new entry di queste nuove previsioni troviamo la due volte premio Oscar Cate Blanchett che potrebbe conquistare l‘ottava candidatura della sua carriera dopo aver vinto la statuetta nel 2005 come supporter per il film The Aviator di Martin Scorsese e nel 2014 come miglior attrice protagonista per la pellicola di Woody Allen, Blue Jasmine. Nelle previsioni precedenti non è stata menzionata perché inizialmente si pensava che per la sua prova nel thriller psicologico La fiera delle illusioni potesse gareggiare nella categoria supporter, dove tra l’altro ha già una chance dato che fa parte del ricco cast del film Don’t Look Up. Dopo però la diffusione del primo trailer dell’ultimo film di Guillermo Del Toro si è avuta la netta sensazione che il suo ruolo è più centrale del previsto, offrendole la possibilità di competere anche nella categoria Lead Actress.

10. Renate Reinsve (LA PERSONA PEGGIORE DEL MONDO)

La rivelazione del Festival di Cannes, Renate Reinsve che per la sua interpretazione nell’apprezzato film di Joachim Trier, La persona peggiore del mondo, ha vinto il premio per la Miglior Attrice, potrebbe essere una delle sorprese di questa categoria. Per la Reinsve che ha al suo attivo una sola candidatura nel 2016 agli Amanda Awards, i premi nazionali norvegesi, come miglior attrice non protagonista per la commedia Welcome to Norway si tratta di una vera e propria svolta per la sua carriera.

9. Nicole Kidman (BEING THE RICARDOS)

Mantiene la sua posizione nella lista Nicole Kidman (era al posto anche nelle previsioni di luglio) che potrebbe ottenere la sua quinta nomination dopo aver vinto l’Oscar nel 2003 nella categoria lead actress per il meraviglioso The Hours. L’occasione è offerta dalla sua attesissima interpretazione nei panni di una delle icone per eccellenza della comicità americana degli anni 50′, la leggendaria Lucille Ball nel film Being the Ricardos di Aaron Sorkin al fianco di Javier Bardem nei panni di suo marito Desi Arnaz, entrambi star della storica sitcom della CBS, I Love Lucy in cui dividevano la scena con gli attori Vivian Vance (Nina Arianda) e William Frawley (J.K.Simmons).

8. Jodie Comer (THE LAST DUEL)

L’altra new entry che merita tutta la vostra attenzione è sicuramente Jodie Comer che domina letteralmente la scena nell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo storico di Eric Jager, The Last Duel, presentato Fuori Concorso all’ultimo Festival di Venezia. Presente nelle previsioni precedenti per la categoria Miglior attrice non protagonista, è stata poi indirizzata verso quella della Miglior Attrice, complice una prova davvero incredibile che potrebbe avvicinarla alla sua prima candidatura agli Oscar dopo aver vinto grazie alla serie TV di successo Killing Eve un Emmy e un BAFTA. Nel film medievale The Last Duel, la Comer veste i panni di Marguerite de Carrouges, la moglie disonorata del cavaliere (Matt Damon) che sfiderà all’ultimo duello il suo scudiero (Adam Driver).

7. Jennifer Hudson (RESPECT)

Retrocede Jennifer Hudson rispetto alle previsioni di luglio dove si era piazzata al 1° posto a causa di una serie di giudizi contrastanti sul tanto atteso biopic sulla Regina del Soul, Aretha Franklin dal titolo Respect. In compenso la sua performance è uno dei pochi aspetti maggiormente apprezzati dalla critica americana che potrebbe aiutarla a conquistare la sua seconda nomination agli Oscar dopo averlo già vinto nel 2007 come supporter per Dreamgirls.


6. Penelope Cruz (MADRES PARALELAS)

Sicuramente se la Spagna avesse scelto per la competizione del Miglior Film Internazionale l’ultimo apprezzato lavoro di Pedro Almodovar, Madres Paralelas, la strada della sua protagonista per gli Oscar sarebbe stata senza ostacoli. Ciò nonostante la 3 volte candidata agli Oscar, Penelope Cruz, vincitrice della statuetta come supporter nel 2009 per il film di Woody Allen,Vicky Cristina Barcelona, potrebbe ugualmente avvicinarsi alla Oscars Race, guadagnando molte posizioni rispetto alle previsioni precedenti dove era al 10° posto, complice la vittoria della Coppa Volpi come miglior attrice all’ultimo Festival di Venezia.

5. Frances McDormand (THE TRAGEDY OF MACBETH)

Salgono leggermente le quotazioni per la tre volte vincitrice dell’Oscar come miglior attrice Frances McDormand (ne ha vinto un quarto come produttrice per il film Nomadland) che potrebbe conquistare l’ottava candidatura della sua carriera (la 4a nella categoria Lead Actress) dopo la proiezione del suo ultimo film The Tragedy of Macbeth di Joel Coen presentato tra gli applausi al New York Film Festival di quest’anno. Si tratta del 12° adattamento cinematografico della famosa tragedia di Shakespeare, Macbeth, che vede la McDormand (che ha già interpretato Lady Macbeth in una versione teatrale di Daniel Sullivan al Theatre di Berkeley nel 2013) in coppia con il premio Oscar Denzel Washington.

4. Olivia Colman (THE LOST DAUGHTER)

Tra le new entry di spicco di questa lista si fa notare Olivia Colman per il film The Lost Daughter della talentuosa Maggie Gyllenhaal, assente nelle previsioni di luglio, ma ora in pole position per una candidatura dopo non solo la presentazione all’ultimo Festival di Venezia ma anche per via della sua preziosa nomination ai Gotham Awards nella categoria Outstanding Lead Performance. Per la Colman si tratterebbe della sua 3a candidatura agli Oscar dopo averlo vinto nel 2018 per La Favorita e ottenuto lo scorso anno la noms come supporter per il meraviglioso The Father.

3. Lady Gaga (HOUSE OF GUCCI)

Blinda per ora la sua posizione nel podio (era al 3° posto anche nelle previsioni precedenti) l’eclettica e creativa Lady Gaga che potrebbe tornare nuovamente nella Oscars race grazie alla sua attesa prova nell’ultimo film di Ridley Scott, House of Gucci, in cui interpreta Patrizia Reggiani, incriminata per aver architettato l’assassinio del suo ex marito, Maurizio Gucci, nipote del famoso stilista italiano Guccio Gucci. E’ una delle tre attrici di questa lista (insieme a Nicole Kidman e Cate Blanchett) la cui potenziale candidatura pende in vista di un riscontro da parte della critica, dato che i loro film a differenze delle altre possibili nominate non sono stati ancora proiettati. Per Lady Gaga potrebbe quindi arrivare la seconda candidatura come miglior attrice ma in totale la terza se consideriamo anche l’Oscar vinto per la miglior canzone del film A star is born.

2. Jessica Chastain (THE EYES OF TAMMY FAYE)

Dopo la presentazione al San Sebastian International Film Festival del suo ultimo film, The Eyes of Tammy Faye, tratto dal documentario omonimo di Fenton Bailey (2000), dove Jessica Chastain, che interpreta la telepredicatrice Tammy Faye Bakker tra ascesa, caduta e redenzione, ha vinto la Conchiglia d’Argento per la miglior interpretazione femminile, sono salite le sue quotazioni (era quarta nelle previsioni precedenti). In siffatto contesto crescono le sue chance di conquistare la terza candidatura agli Oscar della sua carriera dopo quelle ottenute nel 2012 come supporter per The Help e nel 2013 come miglior attrice protagonista per Zero Dark Thirty. 

1. Kristen Stewart (SPENCER)

Rispetto alle previsioni precedenti, Kristen Stewart (era al 5° posto nelle previsioni di luglio) guadagna terreno e si piazza in vetta dopo la proiezione ufficiale della pellicola Spencer all’ultimo Festival di Venezia, laddove la sua interpretazione è stata particolarmente apprezzata dalla critica internazionale. Il recente Performer Tribute che le sarà assegnato alla cerimonia dei prossimi Gotham Awards è solo il primo dei riconoscimenti che si prepara a ricevere quest’anno. In siffatto contesto dopo aver sfiorato la nomination agli Oscar nel 2015 come supporter per la sua applaudita prova nel film Clouds of Sils Maria di Olivier Assayas che le fece guadagnare numerosi premi durante l’Awards Season di quell’anno, Kristen Stewart potrebbe ottenere la consacrazione che merita grazie all’intuito del talentuoso regista cileno, Pablo Larrain che ha firmato con questo film il suo personale omaggio a Lady Diana.

APPROFONDIMENTO:

Oscar 2022: i 12 migliori attori da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: le 15 migliori colonne sonore e canzoni da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: i 15 migliori direttori della fotografia da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: i 15 migliori script da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: i 25 film da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: i 35 film da tenere d’occhio (previsioni maggio 2021)

Oscar 2022: i 15 migliori registi da tenere d’occhio (previsioni ottobre 2021)

Oscar 2022: i 15 film d’animazione da tenere d’occhio (previsioni giugno 2021)

Oscar 2022: i 15 migliori attori da tenere d’occhio (previsioni agosto 2021)

Oscar 2022: le 15 migliori attrici da tenere d’occhio (previsioni luglio 2021)

Oscar 2022: le 15 migliori attrici non protagoniste da tenere d’occhio (previsioni settembre 2021)

Oscar 2022: i 15 migliori attori non protagonisti da tenere d’occhio (previsioni settembre 2021)

Focus: Sognando a New York – In The Heights

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: