Le primissime previsioni che vengono elaborate ogni anno, esattamente un mese dopo l’assegnazione degli Oscar, sono sempre accolte con “ansia” e scetticismo, ma in realtà più che prevedere i favoriti, suscitano curiosità perché indicano i potenziali protagonisti della successiva Awards Season riflettendo le aspettative della critica americana verso i titoli più attesi della stagione. Su questa lunghezza d’onda tali predictions solitamente vengono confermate con la loro partecipazione in una delle quattro “finestre” chiavi dove si getteranno le basi della Stagione dei Premi americana: dal Festival di Cannes al Festival di Venezia, dal Telluride Film Festival al Toronto International Film festival. Non è un caso che le prime previsioni sulle performance vengano redatte proprio dopo l’assegnazione di alcuni premi in uno dei festival sopracitati. Tenendo bene a mente che lo scorso anno ben 7 film tra i 35 che ho selezionato nelle previsioni di maggio 2021 hanno ottenuto la nomination agli Oscar come Miglior Film. Allora, occhio alla lista!

Quali sono i 40 film più attesi della prossima Awards Season?    

1. Three Thousand Years Of Longing

A distanza di 7 anni dal successo del post-apocalittico Mad Max: Fury Road (vincitori di 6 Oscar tecnici), il regista australiano George Miller potrebbe conquistare nuovamente l’Academy grazie alla sua attesa pellicola fantasy Three Thousand Years Of Longing che sarà presentata in anteprima al prossimo Festival di Cannes. Sarà il primo titolo della MGM ad essere presentato in anteprima al festival dopo la chiusura della fusione con Amazon.

TRAMA: Uno studioso, soddisfatto della vita, incontra un Djinn che gli offre tre desideri in cambio della sua libertà. La loro conversazione, in una stanza d’albergo a Istanbul, porta a conseguenze che nessuno si sarebbe aspettato….

CAST: Tilda Swinton, Idris Elba, David Collins

Società di produzione: Kennedy Miller Mitchell, Kennedy Miller Productions, Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), FilmNation Entertainment, CAA Media Finance, Elevate Production Finance 

Punti di forza: regia, script (George Miller), attrice, supporter maschile, fotografia (John Seale), colonna sonora (Junkie XL), montaggio (Margaret Sixel), scenografia (Roger Ford), trucco e acconciatura, costumi (Kym Barrett).

Curiosità: Il direttore della fotografia John Seale è uscito dal pensionamento per la seconda volta per girare questo film. In precedenza lo aveva fatto nel 2012 per girare Mad Max: Fury Road.

Festival: Festival di Cannes (fuori concorso)

Uscita U.S.A: 31 agosto 2022

Uscita Italia: 

TRAILER: https://youtu.be/TWGvntl9itE

2. Till

La talentuosa regista nigeriano-americana, Chinonye Chukwu, che è diventata lo scorso anno la prima black woman a vincere il Gran Premio della Giuria al Sundance Film Festival per il meraviglioso Clemency ha tutte le carte in regola per entrare nella prossima Awards Season grazie al suo nuovo progetto, l’atteso biopic Till, la cui terribile vicenda è stata già raccontata nel dramma TV del 2022 Women of the Movement e precedentemente nel doc The Untold Story Of Emmett Till.

TRAMA: è incentrato sulla figura di Mamie Till-Mobley, la nota educatrice e attivista americana che si è battuta per la giustizia dopo il linciaggio nel 1955 del figlio quattordicenne Emmett Louis Till, accusato di aver fischiato una donna bianca (Carolyn Bryant) che faceva la cassiera in un negozio di alimentari.

CAST: Haley Bennett, Danielle Deadwyler, Whoopi Goldberg

Società di produzione: Frederick Zollo Productions, Metro-Goldwyn-Mayer (MGM), Whoop/One Ho Productions/Lil’ Whoop Productions

Punti di forza: regia, script (Keith Beauchamp, Chinonye Chukwu, Michael Reilly), attrice, supporter femminile, montaggio (Ron Patane), scenografia (Curt Beech)

Curiosità: anche Whoopi Goldberg ha interpretato il ruolo di un’attivista per i diritti afroamericani. Si trattava di Myrlie Evers nel film Ghosts of Mississippi (1996)

Festival: New York Film Festival

Uscita U.S.A: 7 ottobre 2022

Uscita Italia: —

TRAILER: https://t.co/OPJoKbryUI

3. Armageddon Time

Il prossimo progetto di James Gray, considerato dalla critica autore di cult come il suo promettente esordio dal titolo Little Odessa, è atteso già da 1 anno (infatti avevo inserito questo film nelle previsioni 2021, ma poi dato che non è stato terminato in tempo, è stato posticipato al 2022). In tal senso Armageddon Time si pone come un racconto di formazione, incentrato sulle memorie d’infanzia del regista con l’intento di esplorare valori come lealtà e amicizia sullo sfondo sociale di un America pronta a cambiare il proprio volto.

TRAMA: ambientato negli anni ’80 e precisamente nel periodo storico che ha preceduto l’elezione di Ronald Reagan a presidente degli Stati Uniti d’America.

CAST: Anne Hathaway, Anthony Hopkins, Jeremy Strong 

Società di produzione: Focus Features, RT Features, Spacemaker Productions

Punti di forza: regia e script (James Gray), attrice, attore, supporter maschile, fotografia (Darius Khondji)

Curiosità: originariamente erano stati scelti per questo progetto Oscar Isaac, Robert De Niro e Cate Blanchett

Festival: Festival di Cannes (concorso), New York Film Festival (60th Anniversary Celebration), Deauville American Film Festival

Uscita U.S.A: 28 ottobre 2022

Uscita Italia:

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=ZKLu3t-G9Do

4. White Noise

Uno dei titoli più interessanti della prossima stagione è sicuramente il nuovo film di Noah Baumbach che punta alla sua quarta candidatura agli Oscar (la terza per il miglior script) dopo aver messo d’accordo critica e pubblico con il suo apprezzato Marriage Story con cui 2 anni fa’ Laura Dern vinse l’Oscar nella categoria Miglior attrice non protagonista. Questa nuova pellicola è l’undicesima per Baumbach, ma la prima ad essere tratta da un romanzo e in particolare è basato sull’omonimo libro White Noise pubblicato nel 1985 da Don DeLillo che drammatizza il tentativo di una famiglia americana contemporanea di affrontare i conflitti mondani della vita quotidiana mentre è alle prese con le più grandi questioni filosofiche dell’amore, della morte e della possibilità di felicità in un mondo incerto.

TRAMA: Jack Gladney, professore di studi su Hitler al The-College-on-the-Hill, marito di Babette e padre di quattro figli/figliastri, è dilaniato da “The Airborne Toxic Event”, un cataclisma ferroviario che getta rifiuti chimici sulla sua città.

CAST: Adam Driver, Jodie Turner-Smith, Greta Gerwig, Alessandro Nivola, Don Cheadle

Società di produzione: Passage Pictures (II), A24, BB Film Productions, Heyday Films, Netflix Studios

Punti di forza: regia e script (Noah Baumbach), attore, supporter femminile, supporter maschile, fotografia (Lol Crawley), scenografia (Jess Gonchor)

Curiosità: questa è la prima volta che Noah Baumbach dirige un adattamento letterario per il grande schermo. In passato ha già lavorato ad una “sceneggiatura non originale” adattando a quattro mani (insieme a Wes Anderson) lo script di Fantastic Mr. Fox (2009).

Festival: Festival di Venezia (film d’apertura), New York Film Festival (film d’apertura)

Uscita U.S.A: 18 settembre 2022

Uscita Italia: 30 dicembre 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=FqJD7ae11mU

5. Killers of the Flower Moon (POSTICIPATO AL 2023)

L’adattamento del bestseller del 2017, Killers of the Flower Moon: The Osage Murders and the Birth of the FBI di David Grann, diretto e prodotto da Martin Scorsese, è sicuramente uno dei titoli più attesi della prossima stagione complice non solo l’interessante script che ruota intorno ad una serie di omicidi legati alla caccia dell’oro nero nella contea di Osage agli inizi degli anni Venti che portarono l’FBI ad aprire un’indagine ma anche per via del cast di altissimo livello in cui spiccano Leonardo DiCaprio e Robert De Niro, rispettivamente alla sesta e alla decima collaborazione con Scorsese.

TRAMA: I membri della tribù Osage negli Stati Uniti vengono assassinati in circostanze misteriose negli anni ’20, innescando un’importante indagine dell’FBI che coinvolge J. Edgar Hoover

CAST: Leonardo DiCaprio, Robert De Niro, Jesse Plemons, Brendan Fraser, John Lithgow

Società di produzione: Appian Way, Apple TV+, Imperative Entertainment

Punti di forza: regia, adattamento (David Grann, Eric Roth), attore, supporter maschile, montaggio (Thelma Schoonmaker), fotografia (Rodrigo Prieto), scenografia (Jack Fisk), colonna sonora (Robbie Robertson), costumi (Jacqueline West)

Curiosità: George Clooney aveva espresso interesse a dirigere un adattamento cinematografico del libro di saggistica di David Grann, “Killers of the Flower Moon”, prima che Martin Scorsese salisse a bordo come regista.

Festival:

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

NOMINATIONS: 1 HCA Midseason Award

6. The Fabelmans

Dopo il grande successo di West Side Story il drammaturgo di successo Tony Kushner torna a collaborare con Steven Spielberg, scrivendo a quattro mani la sceneggiatura dell’atteso The Fabelmans, il cui sviluppo risale al 1999, quando il regista prese in considerazione l’idea di dirigere un film sulla sua infanzia con il titolo di partenza “I’ll Be Home”. Inizialmente il trattamento della sceneggiatura fu affidato a sua sorella Anne Spielberg (che ha ispirato il personaggio di Anne Fabelman in questo film).

TRAMA: è una storia di formazione vagamente ispirata all’infanzia del regista cresciuto nell’Arizona del dopoguerra tra i 7 e 18 anni.

CAST: Paul Dano, Michelle Williams, David Lynch, Seth Rogen

Società di produzione: Amblin Entertainment, Amblin Partners, Universal Pictures

Punti di forza: regia, script, attore, supporter femminile, colonna sonora (John Williams), fotografia (Janusz Kaminski), montaggio (Sarah Broshar), scenografia (Rick Carter), costumi (Mark Bridges)

Curiosità: è il primo script originale di Spielberg dai tempi di A.I. – Intelligenza artificiale (2001) anche se era basato su un progetto di Stanley Kubrick.

Festival: Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 23 novembre 2022

Uscita Italia: 15 dicembre 2022

TRAILER:

7. Poor Things (POSTICIPATO AL 2023)

Il geniale regista greco Yorgos Lanthimos potrebbe essere uno dei protagonisti della prossima Stagione dei Premi grazie al suo attesissimo Poor Things, basato sull’omonimo romanzo del 1992 di Alasdair Gray adattato per il grande schermo da Tony McNamara che l’ha definita “una storia vittoriana di amore, scoperta e di audacia scientifica”. Insomma le condizioni ci sono tutte per replicare il successo del 2019 quando con il film La favorita conquistò due preziose candidature agli Oscar come regista e produttore.

TRAMA: dopo essere annegata per sfuggire al marito violento, una giovane donna viene riportata in vita da uno scienziato che sostituisce il suo cervello con quello del suo bambino mai nato.

CAST: Emma Stone, Margaret Qualley, Mark Ruffalo, Willem Dafoe, Christopher Abbott

Società di produzione: Element Pictures, Fruit Tree 

Punti di forza: regia, adattamento, attrice, supporter femminile, attore, fotografia (Robbie Ryan), montaggio (Yorgos Mavropsaridis)

Curiosità: è la terza collaborazione di Emma Stone con Yorgos Lanthimos dopo The Favorite (2018) e Untitled Greek National Opera Project (2021).

Festival:

Uscita U.S.A: —

Uscita Italia: —

TRAILER:

8. The Son

Dopo il grande successo ottenuto con The Father con cui vinse nel 2021 l‘Oscar per la miglior sceneggiatura non originale adattando con Christopher Hampton il suo omonimo testo teatrale, Florian Zeller torna dietro la macchina da presa per l’atteso The Son.

TRAMA: La vita frenetica di Peter con la sua nuova partner Beth e il loro bambino viene sconvolta quando la sua ex moglie Kate si presenta con il loro figlio adolescente, Nicholas.

CAST: Hugh Jackman, Vanessa Kirby, Laura Dern, Zen McGrath, Anthony Hopkins

Società di produzione: Ciné@, Embankment Films, Film4, Ingenious Media, Neddy Dean Productions, See-Saw Films

Punti di forza: adattamento (Florian Zeller, Christopher Hampton), attore, attrice, supporter maschile, supporter femminile

Curiosità: anche questo script come il precedente The Father non solo è un adattamento di una piece teatrale firmata da Zeller (Le Fils) ma fa parte della stessa trilogia che si concluderà con The Mother.

Festival: Festival di Venezia (concorso), Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 11 novembre 2022

Uscita Italia:

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=x_MmT7Me9BY

9. Babylon

L’enfant prodige del cinema contemporaneo, Damien Chazelle, che ha riscritto le regole del musical con lo straordinario La La Land vincitore di 6 premi Oscar tra cui miglior regia potrebbe avere un ruolo chiave nella prossima Stagione dei Premi complice il suo atteso film Babylon con un cast ricco e variegato.

TRAMA: ambientato nell’epoca d’oro di Hollywood e in particolare durante il periodo che ha preceduto la data storica del 1934 e cioè quando la censura è entrata negli Studios con il suo rigido sistema di regolamentazione.

CAST: Brad Pitt, Margot Robbie, Olivia Wilde, Jean Smart, Tobey Maguire, Spike Jonze

Società di produzione: Marc Platt Productions, Material Pictures, Paramount Pictures

Punti di forza: regia e script (Damien Chazelle), attore, attrice, supporter maschile, supporter femminile, fotografia (Linus Sandgren), colonna sonora (Justin Hurwitz) scenografia (Florencia Martin), costumi (Mary Zophres), montaggio (Tom Cross)

Curiosità: La storia è ambientata in Pre-Code Hollywood tra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, durante il passaggio dell’industria cinematografica dai film muti ai quelli sonori. Quest’epoca era rinomata non solo per le sue feste leggendarie ma anche per i suoi contenuti cinematografici trasgressivi. Prima del 1934, i film di Hollywood potevano rappresentare o implicare nudità, gesti osceni, relazioni omosessuali, adulterio, stupro, aborto e uso di droghe. Quando il Codice di produzione cinematografica è stato applicato nel 1934, il contenuto dei film è stato severamente limitato e la censura non ha consentito ai film pre-codice di essere ripubblicati senza tagli permanenti alle stampe principali. Il Codice sarebbe rimasto in vigore fino al 1968, momento in cui l’era trasgressiva del cinema Pre-Code era stata dimenticata nella memoria nazionale.

Festival:

Uscita U.S.A: 25 dicembre 2022 (limited)/ 6 gennaio 2023 (al cinema)

Uscita Italia: 4 gennaio 2023

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=USDEw9QmF8U

NOMINATIONS: 1 HCA Midseason Award

10. She Said

La promettente regista tedesca Maria Schrader (il suo ultimo film, I’m Your Man, è stato scelto lo scorso anno per la selezione degli Oscar nella categoria Miglior film internazionale) è al timone di questo attesissimo film (prodotto tra gli altri da Brad Pitt) che ripercorre le fasi dell’inchiesta giornalistica delle due redattrici del New York Times, Jodi Kantor Megan Twohey che “scoperchiarono” nell’ottobre del 2017 il temibile vaso di pandora di Hollywood, facendo da catalizzatore al movimento #MeToo che alla fine portò alla condanna del produttore della Miramax, Harvey Weinstein, dopo un numero vertiginoso di accuse di molestie sessuali La pellicola è l’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo, She said, scritto dalle due stesse giornaliste.

TRAMA: I giornalisti del New York Times Megan Twohey e Jodi Kantor raccontano una delle storie più importanti di una generazione, una storia che ha contribuito a lanciare il movimento #MeToo e ha infranto decenni di silenzio sul tema della violenza sessuale a Hollywood.

CAST: Carey Mulligan, Samantha Morton, Zoe Kazan, Patricia Clarkson, Adam Shapiro, Tom Pelphrey

Società di produzione: Annapurna Pictures, Plan B Entertainment, Universal Pictures

Punti di forza: regia, adattamento (Rebecca Lenkiewicz, Jodi Kantor, Megan Twohey) attrice, supporter maschile, supporter femminile, fotografia (Natasha Braier)

Curiosità:

Festival: New York Film Festival

Uscita U.S.A: 18 novembre 2022

Uscita Italia: 17 novembre 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=i5pxUQecM3Y

11. TÁR

Il tre volte candidato agli Oscar, Todd Field, particolarmente apprezzato dalla critica americana per la pellicola In the Bedroom (2001) che gli ha fatto guadagnare sia la candidatura come produttore che come sceneggiatore, ritorna dietro la macchina da presa a distanza di 15 anni dal suo ultimo film, Little Children con cui ha ottenuto nel 2007 un’altra candidatura agli Oscar ma nella categoria Miglior adattamento. Con TÁR esplora il mondo della musica classica e in particolare racconta la vera storia della prima donna direttrice d’orchestra, Lydia Tár.

TRAMA: Ambientato nel mondo internazionale della musica classica, il film è incentrato su Lydia Tár. ampiamente considerata una delle più grandi compositrici/direttori d’orchestra viventi e la prima donna direttrice principale di una grande orchestra tedesca.

CAST: Cate Blanchett, Mark Strong, Nina Hoss, Noémie Merlant

Società di produzione: Focus Features, Standard Film Company, EMJAG Productions

Punti di forza: regia, script, attrice, supporter femminile, supporter maschile

Curiosità: Todd Field ha deciso di ritornare di realizzare questo film solo dopo che Cate Blanchett ha accettato di farne parte.

Festival: Festival di Venezia (concorso), New York Film Festival

Uscita U.S.A: 7 ottobre 2022

Uscita Italia: 9 febbraio 2023

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=c1J1HmawRQ4

12. Don’t Worry Darling

Dopo il grande successo di critica e pubblico per Booksmart con cui ha vinto l’Independent Spirit Award per la miglior opera prima, la talentuosa Olivia Wilde potrebbe nuovamente entrare in lizza per gli Oscar grazie al suo nuovo film dal titolo Don’t Warry Darling con un nutrito cast in cui spiccano i due protagonisti Florence Pugh (candidata agli Oscar nel 2019 per Piccole Donne) e Harry Styles, il cantante nominato ai Grammy Awards che ha già dimostrato il suo talento di attore nel film bellico Dunkirk.

TRAMA: ambientata negli anni 50′, vede al centro del racconto una casalinga che vive serenamente con il marito in una comunità utopica. Una serie di eventi la spingono a sospettare di questa calma apparente fino a scoprire qualcosa che riguarda suo marito, inaspettatamente propenso a nasconderle alcuni segreti inquietanti.

CAST: Florence Pugh, Harry Styles, Chris Pine, Gemma Chan

Società di produzione: New Line Cinema, New Line Productions, Vertigo Entertainment, Warner Bros.

Punti di forza: regia, script (Katie Silberman, Carey Van Dyke, Shane Van Dyke), attrice, supporter maschile, fotografia (Matthew Libatique), colonna sonora (John Powell), costumi (Arianne Phillips)

Curiosità: Prima delle riprese, Olivia Wilde ha licenziato Shia LaBeouf e lo ha sostituito con Harry Styles. Secondo quanto riferito, LaBeouf ha mostrato un comportamento scorretto durante la pre-produzione e si è scontrato con il cast e la troupe. 

Festival: Festival di Venezia (fuori concorso), Deauville American Film Festival

Uscita U.S.A: 23 settembre 2022

Uscita Italia: 22 settembre 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=bW9aRVXIwaY

NOMINATIONS: 1 HCA Midseason Award

13. Napoleon

Il quattro volte candidato agli Oscar, Ridley Scott (3 come miglior regista) potrebbe tornare finalmente ad essere uno dei protagonisti dell’Awards Season, complice il suo attesissimo ritratto su uno personaggi più iconici della storia contemporanea europea nonché fondatore del Primo Impero Francese, Napoleone Bonaparte.

TRAMA: si tratta di uno sguardo originale e personale sulle origini di Napoleone Bonaparte e alla sua rapida e spietata scalata verso il ruolo di imperatore, visto attraverso il prisma della sua relazione avvincente e spesso instabile con il suo vero amore, Josephine.

CAST: Joaquin Phoenix, Vanessa Kirby, Tahar Rahim

Società di produzione: Apple Studios, Scott Free Productions

Punti di forza: regia, script (David Scarpa), attore, supporter femminile, fotografia (Dariusz Wolski), costumi (David Crossman, Janty Yates)

Curiosità: inizialmente Jodie Comer era stata scelta per interpretare l’imperatrice Joséphine ma poi ha dovuto abbandondare a causa di conflitti di programmazione. È stata sostituita da Vanessa Kirby.

Festival:

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

14. Women Talking

La nuova pellicola della regista e attivista canadese Sarah Polley che ha esordito alla regia nel 2006 con Lontano da Lei ottenendo la nomination all’Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, è particolarmente attesa dalla critica americana non solo per il suo ricco cast ma anche per il tipo di approccio scelto per l’adattamento del romanzo omonimo di Miriam Toews (in italiano Donne che parlano), una storia di coraggio, pacifismo ed emancipazione femminile in cui dolore e ironia si intrecciano in una scrittura solo apparentemente ingenua.

TRAMA: Una sera, otto donne salgono in un fienile per condurre un incontro segreto. Negli ultimi due anni, ciascuna di queste donne, e più di un centinaio di altre ragazze nella loro colonia, è stata ripetutamente drogata e violentata nella notte dagli uomini della loro colonia, che si dice siano demoni venuti a punirle per il loro peccati.

CAST: Jessie Buckley, Rooney Mara, Francis McDormand, Claire Foy

Società di produzione: Hear/Say Productions, Plan B Entertainment

Punti di forza: regia, adattamento (Sarah Polley), attrice, supporter femminile, colonna sonora (Hildur Guðnadóttir)

Curiosità: sia Rooney Mara che Claire Foy hanno interpretato il ruolo di Lisbeth Salander. La Mara in Millennium – Uomini che odiano le donne (2011) e la Foy in Millennium – Quello che non uccide (2018).

Festival: Toronto International Film Festival, New York Film Festival

Uscita U.S.A: 2 dicembre 2022

Uscita Italia:

TRAILER:

15. The Whale

Darren Aronofsky, regista di cult movie come Requiem for a dream, The Wrestler, Mother e Il cigno nero con cui ha ottenuto nel 2011 la sua prima candidatura all’Oscar per la Miglior regia, potrebbe far guadagnare al suo protagonista Brendan Fraser, la prima nomination della sua carriera grazie alla sua attesa prova nel film The Whale, tratto da una pièce Off-Broadway di grande successo.

TRAMA: Dopo aver abbandonato la famiglia per fuggire con un uomo, il protagonista, un solitario insegnante di inglese cerca di superare il lutto per la perdita del suo grande amore. Recluso in casa comincia a mangiare in modo compulsivo fino a diventare obeso. A quel punto e cioè quando realizza di aver toccato il fondo, tenta di riconnettersi con sua figlia per un’ultima possibilità di redenzione.

CAST: Brendan Fraser, Samantha Morton

Società di produzione: A24, Protozoa Pictures

Punti di forza: regia, attore, adattamento (Samuel D. Hunter.), fotografia (Matthew Libatique), montaggio (Andrew Weisblum)

Curiosità: tratto dall’omonima opera teatrale di Samuel D. Hunter

Festival: Festival di Venezia (concorso), Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 9 dicembre 2022

Uscita Italia: —

TRAILER:

16. The Banshees of Inisherin

Il regista dell’apprezzato film Tre manifesti a Ebbing, Missouri (2017), Martin McDonagh, torna a distanza di 5 anni dietro la macchina da presa con il suo nuovo progetto da titolo The Banshees of Inisherin che segna una reunion tra il regista e gli attori Colin Farrell e Brendan Gleeson dopo In Bruges (2008).

TRAMA: Il conflitto nasce tra due amici quando uno di loro interrompe bruscamente la loro amicizia con conseguenze allarmanti per entrambi

CAST: Colin Farrell, Brendan Gleeson, Kerry Condon, Barry Keoghan

Società di produzione: Blueprint Pictures, Film 4, Searchlight Pictures

Punti di forza: regia e script (Martin McDonagh), attore, supporter maschile, colonna sonora (Carter Burwell), montaggio (Mikkel E.G. Nielsen).

Curiosità: The Banshees of Inisherin, titolo originale The Banshees of Inisheer, doveva essere il terzo capitolo di una serie di opere teatrali di Martin McDonagh, soprannominate “Aran Islands Trilogy”, che includeva The Cripple of Inishmaan e The Lieutenant of Inishmore.

Festival: Festival di Venezia (concorso), Toronto International Film Festival, Zurigo International Film Festival

Uscita U.S.A: 21 ottobre 2022 (limited) / 2 dicembre 2022

Uscita Italia: 2 febbraio 2023

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=uRu3zLOJN2c

17. Showing Up

Dopo aver conquistato la critica internazionale per il suo meraviglioso First Cow (al 1° posto nella prestigiosa lista dei Cahiers du Cinema dello scorso anno) ingiustamente escluso dagli Oscar per la categoria Miglior adattamento e Miglior fotografia nonostante numerose candidature ai Film Critics Awards, Kelly Reichardt ci riprova con una pellicola particolarmente attesa dagli addetti del settore per il suo omaggio al ruolo dell’artista.

TRAMA: Un ritratto vibrante e decisamente divertente di un artista sull’orlo di una mostra che cambierà la sua carriera mentre si riconnette con la famiglia, gli amici, i colleghi prima del suo spettacolo. Il caos della vita diventa l’ispirazione per la grande arte.

CAST: Michelle Williams, Amanda Plummer, John Magaro, James Le Gros, Hong Chau

Società di produzione: A24, Film Science

Punti di forza: regia e script (Kelly Reichardt, Jonathan Raymond), fotografia (Christopher Blauvelt)

Curiosità: E’ la quarta collaborazione di Michelle Williams con la regista dopo Wendy e Lucy (2008), Meek’s Cutoff (2010) e Certain Women (2016), la seconda di James LeGros e John Magaro rispettivamente dopo Certain Women (2016) e First Cow (2019).

Festival: Festival di Cannes (concorso), New York Film Festival

Uscita U.S.A: 27 maggio 2022

Uscita Italia: —

TRAILER: —

18. Amsterdam

Il 5 volte candidato agli OscarDavid O. Russell (3 volte per la miglior regia, 2 volte per la miglior sceneggiatura) è pronto ad entrare nella quarta Awards Season della sua carriera, complice il suo prossimo progetto dal titolo Amsterdam (quello iniziale era Canterbury Glass). 

TRAMA: i due protagonisti sono un medico e un avvocato che formano insieme un’improbabile alleanza…

CAST: Christian Bale, Margot Robbie, John David Washington, Rami Malek, Zoe Saldana, Robert De Niro, Mike Myers, Michael Shannon, Chris Rock, Anya Taylor-Joy, Andrea Riseborough, Matthias Schoenaerts, Alessandro Nivola

Società di produzione: 20th Century Studios, Canterbury Classic, Forest Hill Entertainment, New Regency Productions

Punti di forza: regia, script (David O. Russell), fotografia (Emmanuel Lubezki), colonna sonora (Hildur Guðnadóttir), scenografia (Judy Becker)

Curiosità: secondo alcune indiscrezioni del casting director tre attori del calibro di Jennifer Lawrence, Angelina Jolie e Jamie Fox avrebbero rifiutato i ruoli proposti dal regista

Festival:

Uscita U.S.A: 7 ottobre 2022

Uscita Italia: 3 novembre 2022

TRAILER: https://youtu.be/GLs2xxM0e78

19. The Greatest Beer Run Ever

A distanza di 5 anni dai 2 Oscar vinti per il film Green Book (miglior film, miglior script originale), Peter Farrelly prova a movimentare la prossima Stagione dei Premi con una storia definita “incredibile”. Si tratta dell’adattamento del libro The Greatest Beer Run Ever: A True Story of Friendship Stronger Than War, scritto da Joanna Molloy e John “Chickie” Donohue, in cui si ripercorre la vita di quest’ultimo che all’età di 26 anni partecipò ad una particolare “missione” durante la Guerra in Vitenam proponendosi di portare birra ai suoi amici che erano partiti per combattere.

TRAMA: è la storia di un uomo che nel 1967 si imbarcò in una nave mercantile per portare la birra ai suoi compagni d’infanzia nell’esercito mentre stavano combattendo in Vietnam.

CAST: Russell Crowe, Zac Efron, Bill Murray

Società di produzione: Living Films, Skydance Media

Punti di forza: regia, adattamento (Brian Hayes Currie, Peter Farrelly, Pete Jones), attore, supporter maschile, costumi (Bao Tranchi), scenografia (Tim Galvin).

Curiosità: è la quarta collaborazione tra il regista Peter Farrelly e Bill Murray. Murray è apparso in Kingpin (1996), Osmosis Jones (2001) e Dumb and Dumber To (2014), tutti co-diretti da Farrelly con suo fratello.

Festival: Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 30 settembre (Apple TV)

Uscita Italia:

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=NqxziDlZOIo

20. Cha Cha Real Smooth

Presentato con successo al Sundance Film Festival di quest’anno, laddove ha vinto il Premio del Pubblico nella sezione U.S. Dramatic, Cha Cha Real Smooth di Cooper Raiff potrebbe essere uno dei film rivelazione della prossima Stagione dei Premi complice uno script capace di coniugare con grande empatia oblio e romanticismo alla ricerca perenne di connessioni con il mondo che ci circonda.

TRAMA: Un giovane che lavora per le feste al Bar Mitzvah stringe amicizia con una madre e sua figlia autistica.

CAST: Cooper Raiff, Dakota Johnson, Evan Assante

Società di produzione: Picturestart, Endeavor Content, TeaTime Pictures

Punti di forza: regia e script (Cooper Raiff), attrice

Curiosità: è Il secondo lungometraggio diretto da Cooper Raiff dopo aver vinto con il suo primo film Shit house il Grand Jury Narrative Prize al SXSW.

Festival: Sundance Film Festival, South by Southwest Film Festival, Phoenix Film Festival, Cleveland International Film Festival, Seattle International Film Festival, San Francisco International Film Festival

Uscita U.S.A: 17 giugno 2022 (VOD)

Uscita Italia: 17 giugno 2022 (VOD)

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=QRyyagJ9GPo

NOMINATIONS: 3 HCA Midseason Awards

21. The Killer

Descritto come un neo-noir, The Killer, è il prossimo film di David Fincher che ha adattato assieme al suo storico sceneggiatore di Seven, Andrew Kevin Walker, una serie omonima di graphic novel francesi realizzate da Alexis Nolent con l’aiuto produttivo della Plan B Entertainment di Brad Pitt.

TRAMA: Un assassino inizia a incrinarsi psicologicamente mentre sviluppa una coscienza, anche se i suoi clienti continuano a richiedere le sue abilità.

CAST: Michael Fassbender, Tilda Swinton

Società di produzione: Archaia Entertainment, Boom! Studios, Panic Pictures (II), Paramount Pictures, Plan B Entertainment

Punti di forza: regia, script (Andrew Kevin Walker), attore, supporter femminile, fotografia (Erik Messerschmidt)

Curiosità: questo è il secondo lungometraggio di un accordo esclusivo di 4 anni tra David Fincher e Netflix con il loro primo film Mank (2020).

Festival:

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

22. Causeway

Riflettori puntati sull’opera prima di Lila Neugebauer, Causeway con protagonista Jennifer Lawrence, la cui uscita era inizialmente prevista lo scorso anno (infatti l’avevo inserita nelle previsioni di maggio 2021). Il supporto della nota casa di produzione indipendente A24, rinomata per la sua capacità di trasformare prodotti di nicchia in cult movies, rende questa pellicola particolarmente appetibile.

TRAMA: al centro della vicenda una soldatessa che dopo aver subito in Afghanistan un trauma cranico, è costretto a tornare in Patria. Da lì inizia un’altra guerra, ugualmente dolorosa ma più invasiva, quella dell’anima, in una lotta disperata per adattarsi alla vita di tutti i giorni.

CAST: Jennifer Lawrence, Brian Tyree Henry, Samira Wiley

Società di produzione: A24, Excellent Cadaver, IAC Films

Punti di forza: regia, script (Luke Goebel, Ottessa Moshfegh, Elizabeth Sanders), scenografia (Jack Fisk), montaggio (Robert Frazen, Lucian Johnston)

Curiosità:

Festival: Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 10 settembre 2022

Uscita Italia:

TRAILER:

23. Next Goal Wins (POSTICIPATO AL 2023)

Dopo il successo di Jojo Rabbit che gli ha fatto guadagnare l’Oscar per il miglior adattamento, Taika Waititi potrebbe tornare protagonista dell’Awards season con una nuova happy end comedy ispirata all’omonimo documentario calcistico vincitore del British Independent Film Award e diretto nel 2014 da Mike Brett Steve Jamison.

TRAMA: al centro della vicenda l’ostinata determinazione dell’appassionato coach Thomas Rongen nel trasformare la squadra nazionale delle Samoa Americane da totali perdenti in campioni in vista della Coppa del Mondo FIFA nel 2014. Nel 2001 questa squadra è entrata comunque nella storia segnando la peggiore sconfitta in assoluto, perdendo contro l’Australia 31 a 0.

CAST: Michael Fassbender, Elisabeth Moss, Rhys Darby

Società di produzione: Fox Searchlight Pictures, Imaginarium Productions, Searchlight Pictures

Punti di forza: regia, adattamento (Taika Waititi, Iain Morris) attore, supporter femminile, scenografia (Ra Vincent), fotografia (Lachlan Milne), montaggio (Yana Gorskaya, Nicholas Monsour)

Curiosità: Inizialmente per il ruolo da protagonista era stato scelto Armie Hammer prima che numerose accuse di stupro e abusi fossero fatte contro di lui. Abbandonato dalla sua agenzia, è stato successivamente sostituito da Fassbender.

Festival:

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

24. See How They Run

Si tratta di una divertente opera prima firmata dal giovane regista britannico Tom George, già vincitore del BAFTA TV per lo script della serie comica This Country. Oltre ad una spassosa trama, questa commedia può vantare uno strepitoso cast in cui capeggiano Sam Rockwell e Saoirse Ronan.

TRAMA: Un disperato produttore cinematografico di Hollywood si propone di trasformare una commedia popolare in un film. Quando i membri della produzione vengono assassinati, l’ispettore Stoppard, stanco del mondo, e la sua assistente Constable Stalker si trovano nel mezzo di uno sconcertante giallo all’interno dell’affascinante Theatreland e della sordida metropolitana di Londra.

CAST: Saoirse Ronan, Sam Rockwell, David Oyelowo, Adrien Brody, Ruth Wilson

Società di produzione: Searchlight Pictures

Punti di forza: regia, script (Mark Chappell), attore, supporter femminile, montaggio (Peter Lambert)

Curiosità:

Festival:

Uscita U.S.A: 30 settembre 2022

Uscita Italia: 29 settembre 2022

TRAILER: https://youtu.be/Q00qh7Ab6Mk

25. Crimes of the Future

A distanza di 16 anni dalla prima proiezione ufficiale del film The Crash con cui sconvolse la platea di Cannes, David Cronenberg ritorna sulla Croisette con una nuova pellicola destinata a fare scalpore e a conquistare il favore della critica internazionale. Anche se i suoi film secondo alcuni critici sono fin troppo estremi e destabilizzanti per gli Academy Awards, Crimes of the Future ha un approccio visivo così interessante da poter fare breccia nella nuova generazione di giurati degli Oscar. D’altronde i suoi precedenti lavori come A History of Violence e La promessa dell’assassino (entrambi interpretati da Viggo Mortensen) sono riusciti ad ottenere alcune preziose candidature. In compenso lo troveremo con molta probabilità inserito nella lista dei migliori film dell’anno stilata dai prestigiosi Cahiers du cinéma, laddove Cronenberg è oramai una presenza fissa.

TRAMA: Un tuffo profondo nel futuro non troppo lontano in cui l’umanità sta imparando ad adattarsi al suo ambiente sintetico. Questa evoluzione sposta gli esseri umani oltre il loro stato naturale e in una metamorfosi, che altera la loro composizione biologica.

CAST: Kristen Stewart, Viggo Mortensen, Léa Seydou

Società di produzione: Argonauts, Bell Media, Canadian Broadcasting Corporation (CBC), Coficiné, Ekome, Ingenious Media, Serendipity Point Films, The Harold Greenberg Fund, Téléfilm Canada, Wiffle Films

Punti di forza: regia e script (David Cronenberg), attore, attrice, supporter femminile, colonna sonora (Howard Shore), fotografia (Douglas Koch), trucco

Curiosità: è il primo film di David Cronenberg in trentacinque anni senza sua sorella Denise Cronenberg come costumista. Denise si è spenta nell’estate 2020.

Festival: Festival di Cannes (concorso)

Uscita U.S.A: 10 giugno 2022

Uscita Italia: 24 agosto 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=QGwtPfjt9Zc

26. Living

Come per CODA nella scorsa edizione, anche quest’anno il Sundance Film Festival è pronto a regalarci un altro piccolo gioiellino da tenere d’occhio. Si tratta di Living, un film drammatico britannico di Oliver Hermanus da una sceneggiatura di Kazuo Ishiguro che ha adattato il film giapponese del 1952 Ikiru diretto da Akira Kurosawa, che a sua volta si è ispirato al romanzo russo del 1886 La morte di Ivan Ilyich di Leo Tolstoj

TRAMA: Ambientato nella Londra del 1952, è la storia di un burocrate che affronta una malattia mortale. 

CAST: Bill Nighy, Aimee Lou Wood, Alex Sharp, Tom Burke 

Società di produzione: County Hall, Film4, Filmgate Films, Ingenious, Kurosawa Production Co, Lipsync Productions, Number 9 Films

Punti di forza: adattamento, attore, supporter femminile, montaggio (Chris Wyatt)

Curiosità:

Festival: Sundance Film Festival

Uscita U.S.A: 11 novembre 2022

Uscita Italia:

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=w1IYxAIGZ_A

27. The Forgiven

Il film britannico The Forgiven, diretto da John Michael McDonagh con protagonisti due teste di serie come Ralph Fiennes e Jessica Chastain, ha buone chance di trovare uno spazio nella prossima Awards Season, complice il suo fortunato passaggio al Toronto International Film Festival dello scorso anno. Ora, con netto ritardo, arriverà negli USA in streaming con l’intenzione di raccogliere i già numerosi apprezzamenti della critica maturati durante la kermesse canadese.

TRAMA: è la storia di un’agiata coppia anglo americana che si reca in Marocco per partecipare ad una festa. Un tragico incidente in auto avrà delle conseguenze inaspettate che li costringerà ad affrontare le proprie responsabilità.

CAST: Ralph Fiennes, Jessica Chastain, Matt Smith, Caleb Landry Jones, Christopher Abbott

Società di produzione: House of Un-American Activities, Brookstreet Pictures, Head Gear Films, Metrol Technology, Assemble Media, Kasbah Films, Lipsync Productions

Punti di forza: regia, adattamento (John Michael McDonagh, Lawrence Osborne), attore, attrice, supporter maschile, fotografia (Larry Smith), colonna sonora (Lorne Balfe)

Curiosità: questa è la seconda collaborazione tra Jessica Chastain e Ralph Fiennes dopo Coriolanus del 2011

Festival: Toronto International Film Festival 2021

Uscita U.S.A: 1 luglio 2022

Uscita Italia: 14 luglio 2022

TRAILER: https://youtu.be/Y1QlyBcH8QA

28. Empire of Light

A distanza di 3 anni dal suo potente film bellico 1917 con cui ha vinto 7 BAFTA e 2 Golden Globe, oltre a 3 Oscar tecnici, Sam Mendes ritorna dietro la macchina da presa con l’atteso Empire of Light sul cui sviluppo narrativo si sa ben poco. Quello che è certo è il suo interessante cast!

TRAMA: Descritta come una storia d’amore ambientata “dentro e intorno” ad un bellissimo vecchio cinema sulla costa meridionale dell’Inghilterra negli anni ’80.

CAST: Olivia Colman, Colin Firth, Micheal Ward, Toby Jones

Società di produzione: Neal Street Productions

Punti di forza: regia e script (Sam Mendes), attrice, attore, supporter maschile, fotografia (Roger Deakins), montaggio (Lee Smith), costumi (Alexandra Byrne)

Curiosità: Questa è la quinta collaborazione tra Sam Mendes e il direttore della fotografia Roger Deakins dopo Jarhead (2005), Revolutionary Road (2008), Skyfall (2012) e 1917 (2019).

Festival: Toronto International Film Festival, BFI London Film Festival

Uscita U.S.A: 9 dicembre 2022

Uscita Italia: 23 febbraio 2023

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=HdMPTgYi-0w&t=3s

29. Asteroid City

Se la coralità è oramai una cifra stilistica consolidata nell’immaginario visivo di Wes Anderson, nel suo prossimo progetto dal titolo Asteroid City è espressa l’ennesima potenza dato che questa pellicola è stata battezzata come una sorta di summa “larger than most other Anderson films that are ensemble in nature”.

TRAMA: sulla natura del soggetto si sa per ora ben poco. L’unico dettaglio sulla trama che è trapelato è legato ad uno sviluppo narrativo su una storia d’amore ambientata in Europa.

CAST: Margot Robbie, Tom Hanks, Scarlett Johansson, Adrian Brody, Bill Murray, Tilda Swinton, Jeffrey Wright, Matt Dillon

Società di produzione: American Empirical Pictures, Indian Paintbrush 

Punti di forza: regia, script (Wes Anderson, Roman Coppola), colonna sonora (Alexandre Desplat), fotografia (Robert D. Yeoman), scenografia (Adam Stockhausen)

Curiosità: è la sesta collaborazione di Anderson con il pluripremiato compositore Alexandre Desplat

Festival: —

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER: —

30. God’s Creatures

La regista rivelazione Anna Rose Holmer che si è fatta già notare nel 2015 al Festival di Venezia con il film The Fits, con cui ha conquistato 3 nominations ai Gotham Awards, ha co-diretto con la montatrice Saela Davis questo atteso dramma psicologico di stampo gotico che sarà distribuito in tutto il mondo da A24.

TRAMA: Ambientato in un villaggio di pescatori irlandese “bagnato dalla pioggia”, è la storia di una madre che mente per proteggere suo figlio e l’impatto devastante che questa scelta ha sulla sua comunità, sulla sua famiglia e su se stessa.

CAST: Emily Watson, Paul Mescal, Aisling Franciosi

Società di produzione: Nine Daughters, A24, BBC Film, Screen Ireland, WRAP Fund

Punti di forza: regia, script (Shane Crowley), attrice, supporter maschile, supporter femminile, fotografia (Chayse Irvin), costumi (Joan Bergin, Lara Campbell)

Curiosità:

Festival:

Uscita U.S.A: 30 settembre 2022

Uscita Italia: —

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=fyOk1QVDlsI

31. Z (Comme Z)

Il premio Oscar Michel Hazanavicius a distanza di 12 anni dalle 5 storiche statuette conquistate dal film muto in bianco e nero The Artist tra cui miglior film, torna dietro la macchina da presa con la sua musa (moglie) Bérénice Bejo per una spassosa commedia tra realtà e finzione, remake di un film giapponese di successo.

TRAMA: Le cose vanno male per una piccola troupe cinematografica che gira un film di zombi a basso budget quando viene attaccata da veri zombi.

CAST: Bérénice Bejo, Romain Duris

Società di produzione: ENBU Seminar, France 2 Cinéma, GAGA, Getaway Films, La Classe Américaine

Punti di forza: regia e adattamento (Michel Hazanavicius), attrice, colonna sonora (Alexandre Desplat)

Curiosità: la pellicola è il remake del film giapponese del 2017 One Cut of the Dead (Zombie contro Zombie) una commedia di successo mondiale scritta e diretta da Shinichirou Ueda.

Festival: Festival di Cannes (film d’apertura)

Uscita U.S.A:

Uscita Italia: 31 ottobre 2022

TEASER: https://youtu.be/OO_VMCuhUe4

32. Elvis

L’iconico regista australiano Baz Luhrman, famoso per aver reinventato il musical in chiave postmoderna con le sue pellicole ricche di citazioni e miti rielaborati, enfatizzati da un montaggio dinamico e creativo, potrebbe conquistare la meritata attenzione da parte degli Academy con il suo nuovo film, l’attesissimo biopic sulla figura leggendaria di Elvis Presley, Elvis, la cui anteprima è prevista per il prossimo Festival di Cannes. Magari potrebbe essere questa la volta buona per conquistare la sua prima nomination agli Oscar come miglior regista dopo essere stato snobbato clamorosamente nel 2002 per Moulin Rouge nonostante avesse dalla sua parte non solo quella ai Golden Globe e ai BAFTA, ma anche ai DGA Awards.

TRAMA: Uno sguardo alla vita della leggendaria star della rock and roll, Elvis Presley, nel suo complicato rapporto col manager Colonnello Tom Parker, dall’ascesa alla fama mondiale, passando per la relazione con la moglie Priscilla.

CAST: Austin Butler, Tom Hanks, Kodi Smit-McPhee, Olivia DeJonge

Società di produzione: Warner Bros., Bazmark Films, Roadshow Entertainment, The Jackal Group, Whalerock Industries

Punti di forza: regia, script (Baz Luhrmann, Sam Bromell, Craig Pearce, Jeremy Doner), costumi (Catherine Martin), scenografia (Catherine Martin, Karen Murphy), fotografia (Mandy Walker), colonna sonora (Elliott Wheeler).

Curiosità: anche Ansel Elgort, Miles Teller, Aaron Taylor-Johnson e Harry Styles hanno fatto l’audizione per il ruolo di Elvis Presley.

Festival: Festival di Cannes (fuori concorso)

Uscita U.S.A: 24 giugno 2022

Uscita Italia: 22 giugno 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=wBDLRvjHVOY

NOMINATIONS: 3 HCA Midseason Awards

WINNERS: 1 HCA Midseason Award (miglior attore)

33. Rustin (POSTICIPATO AL 2023)

Dustin Lance Black, il talentuoso sceneggiatore del film Milk che gli è valso nel 2009 un Oscar per il miglior script originale, ha elaborato per il grande schermo, assieme al regista di Ma Rainey’s Black Bottom, George C. Wolfe, la storia vera del famoso attivista per i diritti civili Bayard Rustin che organizzò nel 1963 la marcia su Washington.

CAST: Colman Domingo, Chris Rock, Jeffrey Wright, Da’Vine Joy Randolph, Audra McDonald, Glynn Turman

Società di produzione: Higher Ground Productions, Netflix

Punti di forza: regia, adattamento (Dustin Lance Black), attore, supporter maschile, montaggio (Andrew Mondshein), scenografia (Mark Ricker)

Curiosità: tra i produttori del film spiccano Barack e Michelle Obama

Festival:

Uscita U.S.A: —

Uscita Italia:

TRAILER:

34. Shirley

Il premio Oscar John Ridley, a distanza di 9 anni dalla statuetta vinta per l’adattamento del film 12 anni schiavo, potrebbe tornare nuovamente a rivestire un ruolo di primo piano nella prossima Stagione dei Premi grazie all’atteso biopic Shirley, un ritratto intimo e pubblico su Shirley Chisholm, icona e pioniera della scena politica americana, famosa soprattutto per essere stata la prima woman black a candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti.

TRAMA: Il ritratto intimo dell’icona politica Shirley Chisholm, la prima deputata nera e la prima donna nera a candidarsi alla presidenza degli Stati Uniti, e il costo della realizzazione per la stessa Shirley. Questo film racconterà la storica campagna presidenziale di Chisholm, basata su conversazioni esclusive e approfondite con la famiglia, gli amici e coloro che la conoscevano meglio.

CAST: Regina King, Lance Reddick, Terrence Howard, Lucas Hedges

Società di produzione: Participant, Royal Ties Productions, Netflix

Punti di forza: script (John Ridley), attrice, supporter maschile, colonna sonora (Tamar-kali), trucco, costumi (Megan Coates)

Curiosità:

Festival: —

Uscita U.S.A: —

Uscita Italia: —

TRAILER:

35. The Northman

Il regista di uno dei miglior film del 2019, The Lighthouse, il visionario Robert Eggers, considerato uno degli autori simbolo della new wave cinematografica contemporanea, potrebbe entrare nel radar dei prossimi Oscar soprattutto per il suo meraviglioso comparto tecnico, grazie alla sua ultima produzione dal titolo The Northman. Descritta come un historical thriller, si tratta di una suggestiva e accattivante epopea scritta a quattro mani con Sjón (candidato agli Oscar nel 2001 per la miglior canzone tratta dal film Dancer in the Dark) storico paroliere di Björk (qui in veste di attrice).

TRAMA: E’ ambientato nell’Islanda del X° secolo e ruota attorno ad un proposito di vendetta da parte del principe vichingo Amleth che ambisce ad uccidere l’assassino di suo padre.

CAST: Alexander Skarsgård, Nicole Kidman, Anya Taylor -Joy, Willem Dafoe , Ethan Hawke.

Società di produzione: New Regency Productions, Focus Features, Perfect World Pictures, Square Peg, Universal Pictures

Punti di forza: regia, script (Robert Eggers, Sjón), attore, supporter femminile, fotografia (Jarin Blaschke), trucco, costumi (Linda Muir), scenografia (Craig Lathrop)

Curiosità: Il film si intitola The Northman, che è anche il cognome del vampiro per cui Alexander Skarsgård è noto dopo aver recitato in True Blood (2008) della HBO. Il ruolo in questione è Eric Northman, un vichingo del X° secolo trasformato in un vampiro.

Festival:

Uscita U.S.A: 22 aprile 2022

Uscita Italia: 21 aprile 2022

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=MFpZNicfhyE

NOMINATIONS: 3 HCA Midseason Awards

36. Thirteen Lives

L’episodio di cronaca che ha trafitto il mondo nel 2018, conclusosi con un felice epilogo grazie al salvataggio di dodici ragazzi di una squadra di calcio e del loro allenatore dal profondo di una grotta allagata nel nord della Thailandia, è il soggetto del prossimo film di Ron Howard dal titolo Thirteen Lives, la cui storia è stata raccontata quest’anno nel documentario di successo The Rescue. La pellicola di Howard è l’adattamento cinematografico del romanzo Thirteen Lessons that Saved Thirteen Lives scritto da John Volanthen, il sommozzatore britannico che ebbe un ruolo chiave nei soccorsi.

TRAMA: Una missione di salvataggio viene organizzata in Thailandia dove un gruppo di ragazzini e il loro allenatore di calcio sono intrappolati in un sistema di grotte sotterranee che si stanno allagando.

CAST: Colin Farrell, Tom Bateman, Viggo Mortensen, Joel Edgerton

Società di produzione: Storyteller Productions, Magnolia Mae Films, Imagine Entertainment, BRON Studios, Xm2 Pursuit 

Punti di forza: regia, adattamento (William Nicholson), attore, supporter maschile, colonna sonora (Benjamin Wallfisch), montaggio (James Wilcox)

Curiosità: Inizialmente John Volanthen voleva che Rowan Atkinson lo interpretasse. Ron Howard ha risposto: “non stiamo facendo quel tipo di film”. In seguito gli è stato detto che il ruolo è andato a Colin Farrell. “Non essendo un appassionato di cinema… non sapevo chi fosse”, ha confessato Volanthen.

Festival:

Uscita U.S.A: 29 luglio 2022 (al cinema) / 5 agosto 2022 (Amazon Prime Video)

Uscita Italia: 5 agosto 2022 (Prime Video)

TRAILER: https://youtu.be/R068Si4eb3Y

37. Bardo (or False Chronicle of a Handful of Truths)

Il regista premio Oscar di Birdman e The Revenant, Alejandro G. Iñárritu, torna alle origini con il film Bardo (or False Chronicle of a Handful of Truths) che esplorerà attraverso una soggettiva originale la modernità politica e sociale del Messico.

TRAMA: una commedia nostalgica percepita come un viaggio epico. Una cronaca di incertezze in cui il personaggio principale, un noto giornalista e documentarista messicano, torna nel suo paese natale per affrontare la sua identità, le relazioni familiari e la follia dei suoi ricordi, nonché il passato e la nuova realtà del suo paese.

CAST: Daniel Giménez Cacho, Griselda Siciliani, Omar Leyva

Società di produzione: Estudios Churubusco

Punti di forza: regia, script (Nicolò Giacobone, Alejandro G. Iñárritu), attore, supporte femminile, scenografia (Eugenio Caballero), fotografia (Darius Khondji)

Curiosità: Alejandro G. Iñárritu è ​​tornato a girare e produrre un film interamente in Messico per la prima volta da “Amores Perros” più di 20 anni fa.

Festival: Festival di Venezia (concorso)

Uscita U.S.A: 16 dicembre (Netflix)

Uscita Italia: 16 dicembre (Netflix)

TRAILER:

38. The Holdovers

Riflettori puntati sulla nuova commedia agrodolce, The Holdovers, diretta dal regista di Sideways e The Descendants, Alexandre Payne e in particolare sull’attesa performance di Paul Giamatti che potrebbe avvicinarsi alla prima candidatura agli Oscar come attore protagonista (ne ha già una all’attivo ma come supporter nel 2006 per Cinderella Man).

TRAMA: A nessuno piace l’insegnante Paul Hunham né ai suoi studenti, né ai suoi compagni di facoltà, né al preside, che trovano tutti esasperante per la sua pomposità e rigidità. Senza famiglia e nessun posto dove andare durante le vacanze di Natale nel 1970, Paul rimane a scuola per supervisionare gli studenti che non possono tornare a casa. Dopo alcuni giorni, rimane solo un “residuo” studentesco: un quindicenne problematico di nome Angus, un bravo studente che però rischia sempre di essere espulso per il suo cattivo comportamento. Insieme a Paul e Angus c’è la capocuoca Mary, una donna afroamericana, il cui figlio è morto recentemente in Vietnam. Questi “tre naufraghi” molto diversi formano un’improbabile famiglia natalizia che condivide disavventure comiche durante due settimane molto frenetiche nel New England.

CAST: Paul Giamatti, Da’Vine Joy Randolph

Società di produzione: CAA Media Finance

Punti di forza: regia, script (David Hemingson), attore, supporter femminile, costumi (Wendy Chuck), scenografia (Jeremy Woolsey)

Curiosità:

Festival: —

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

39. The Good Nurse

I premi Oscar Eddie Redmayne e Jessica Chastain sono i protagonisti di un atteso thriller targato Netflix dal titolo The Good Nurse (che vede tra i produttori il regista Darren Aronofsky), diretto dal regista danese Tobias Lindholm, candidato agli Oscar nel 2016 con la pellicola A war per la categoria Miglior film internazionale. Si tratta dell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzo del 2013 di Charles Graeber, The Good Nurse: A True Story of Medicine, Madness, and Murder, incentrato sull’inseguimento e sulla cattura del serial killer americano Charles Cullen, che arrivò ad uccidere fino a 400 pazienti nei suoi 16 anni di carriera come infermiere.

TRAMA: Un famigerato caregiver è implicato nella morte di centinaia di pazienti ospedalieri.

CAST: Eddie Redmayne, Jessica Chastain, Nnamdi Asomugha

Società di produzione: FilmNation Entertainment, Protozoa Pictures

Punti di forza: adattamento (Krysty Wilson-Cairns), attore, attrice, colonna sonora (Biosphere), montaggio (Adam Nielsen)

Curiosità: l’infermiera che interpreta la Chastain lavora ancora come praticante nello stato di New York

Festival: Toronto International Film Festival

Uscita U.S.A: 11 settembre (Netflix)

Uscita Italia: 11 settembre (Netflix)

TRAILER: https://www.youtube.com/watch?v=g-mMEqHzSJc

40. Maestro (POSTICIPATO AL 2023)

Dopo aver conquistato la critica americana con la sua opera prima A star is born con cui ha ottenuto la doppia nomination ai DGA Awards (miglior regista e miglior rivelazione), Bradley Cooper torna dietro la macchina da presa con l’atteso biopic dal titolo Maestro ispirato alla figura artistica del famoso direttore d’orchestra, compositore e pianista statunitense Leonard Berstein.

TRAMA: racconta la complessa storia d’amore di Leonard e Felicia, una storia che abbraccia oltre 30 anni, da quando si sono incontrati nel 1946 a una festa e continua attraverso due fidanzamenti, un matrimonio di 25 anni e tre figli: Jamie Bernstein, Alexander Bernstein e Nina Bernstein Simmons.

CAST: Bradley Cooper, Carey Mulligan, Matt Bomer, Jeremy Strong

Società di produzione: Amblin Entertainment, Fred Berner Films, Joint Effort, Netflix, Sikelia Productions

Punti di forza: regia, script (Bradley Cooper, Josh Singer), attore, attrice, supporter maschile, montaggio (Michelle Tesoro), trucco e acconciatura (Kazu Hiro, Lori McCoy-Bell)

Curiosità: Questa è la prima collaborazione ufficiale tra Bradley Cooper e Carey Mulligan, ma non è la prima volta che la coppia si incontra. Quando Mulligan ha subito un trauma cranico durante l’anteprima di Broadway del 2018 di “Girls & Boys” del drammaturgo Dennis Kelly dopo che un pesante sipario l’ha colpita inaspettatamente, è stata accompagnata a Urgent Care a Manhattan da Cooper che si trovava tra il pubblico del teatro.

Festival:

Uscita U.S.A:

Uscita Italia:

TRAILER:

ALTRE POSSIBILITA’:

-My Policeman (Michael Grandage): TIFF Tribute Award for Performance al CAST (Toronto International Film Festival)

-Blonde (Andrew Dominik): Festival di Venezia (concorso), Deauville American Film Festival

-A man called Otto (Marc Forster)

The Woman King (Gina Prince-Bythewood)

TRAILER: https://youtu.be/3RDaPV_rJ1Y

Avatar 2 (James Cameron): 1 nomination HCA Midseason Awards

-Golda (Guy Nattiv)

-Bones and All (Luca Guadagnino): Festival di Venezia (concorso), New York Film Festival

-Everything Everywhere All at Once (Daniel Kwan, Daniel Scheinert): 7 nominations HCA Midseason Awards / 7 HCA Midseason Awards

I Wanna Dance With Somebody (Kasi Lemmons)

-The Wonder (Sebastián Lelio)

-Broker (Kore’eda Hirokazu): Festival di Cannes, Zurigo International Film Festival

-Nope (Jordan Peele): 1 nomination HCA Midseason Awards / 1 HCA Midseason Awards

-Decision to Leave (Park Chan-wook): Miglior regia (Festival di Cannes)

-All Quiet on the Western Front (Edward Berger): Zurigo International Film Festival

-Good Luck to You, Leo Grande (Sophie Hyde)

-Knives Out 2 (Rian Johnson)

-The Batman (Matt Reeves): 5 nominations HCA Midseason Awards

-Call Jane (Phyllis Nagy): Festival di Berlino, Deauville American Film Festival

-Black Panther: Wakanda Forever (Ryan Coogler)

-Fantastic Beasts: The Secrets of Dumbledore (David Yates)

-Thor: Love and Thunder (Taika Waititi)

-Top Gun: Maverick (Joseph Kosinski): 4 nominations HCA Midseason Awards

-Doctor Strange in the Multiverse of Madness (Sam Raimi)

Jurassic World: Dominion (Colin Trevorrow)

-Bullet Train (David Leitch)

-Carmen (Benjamin Millepied)

-Ticket to Paradise (Ol Parker)

-Black Adam (Jaume Collet-Serra)

-Boston Strangler (Matt Ruskin)

Way of the Wind (Terrence Malick)

-Allelujah (Richard Eyre)

-Infinity Pool (Brandon Cronenberg)

-Chevalier (Stephen Williams)

-The Menu (Mark Mylod)

-Dreamin’ Wild (Bill Pohlad)

-Thousand and One (A.V. Rockwell)

-Fire (Claire Denis)

-Resurrection (Andrew Semans)

-God’s Country (Julian Higgins)

-Borderland (Eli Roth)

-A Good Person (Zach Braff)

-Are You There God? It’s Me Margaret (Kelly Fremon Craig)

-White Bird: A wonder story (Marc Forster)

-Nitram (Justin Kurzel)

-After Yang (Kogonada)

-Eternal Daughter (Joanna Hogg): New York Film Festival

-Men (Alex Garland)

-The Stars at Noon (Claire Denis): Grand Prix (Festival di Cannes)

-Spirited (Sean Anders e John Morris)

-Tetris (Jon S. Baird)

-A Love Song (Max Walker-Silverman)

-Pinocchio (Robert Zemeckis)

-Nightingale (Mélanie Laurent)

APPROFONDIMENTO:

Oscar 2023: i 15 film d’animazione da tenere d’occhio (previsioni giugno)