Assegnati i prestigiosi EE British Academy Film Awards, i riconoscimenti cinematografici che rientrano nella schiera degli key awards in grado di influenzare i membri degli Academy Awards. In tal senso basti pensare che lo scorso anno ben 10 verdetti dei BAFTA sono stati poi confermati agli Oscar, anche se è dal 2014 con 12 anni schiavo che il vincitore del BAFTA per il Miglior Film non coincide con quello degli Oscar dopo una corrispondenza costante durata 6 anni (The Millionaire, The Hurt Locker, Il discorso del re, The Artist, Argo, 12 anni schiavo). Sarà questo l’anno in cui verrà spezzato l’incantesimo?

Le candidature di quest’anno hanno “provato” a rivoluzionare l’andamento dell’Awards Season, complice una totale revisione del sistema di voto all’insegna dell’inclusione e della multiculturalità con lo scopo di garantire una più ampia rappresentanza dei candidati. Anche se questo nuovo approccio ha determinato una serie di esclusioni clamorose nella rosa dei nominati, i relativi verdetti hanno invece confermato più o meno l’andamento della Stagione dei Premi.

A tal proposito a vincere nelle categorie principali è stato il pluripremiato road movie di Chloé Zhao, Nomadland, che ha vinto 4 BAFTA: miglior film, miglior regia, miglior fotografia, miglior attrice confermando la sua leadership in vista dei prossimi Oscar. Un verdetto atteso considerando il ricco bottino conquistato da questa pellicola durante tutta l‘Awards Season laddove spiccano tra i numerosissimi riconoscimenti: il Leone d’Oro al Festival di Venezia, 4 National Society of Film Critics Awards (miglior film, miglior regia, miglior attrice, miglior fotografia), 2 Gotham Awards (miglior film, Audience Award), 2 Golden Globe (miglior film, miglior regia), 4 Critics Choice Awards (miglior film, miglior regia, miglior adattamento, miglior fotografia) e uno dei grandi riconoscimenti precursori per il miglior film e cioè il Producers Guild of America Award.

Con 2 premi si piazzano ben 4 film:

  • il dramma sulla demenza senile firmato dal talentuoso Florian Zeller dal titolo The Father che ha vinto nella categoria del Miglior adattamento diventando (insieme a One Night in Miami) uno dei potenziali rivali del favorito Nomadland agli Oscar nella categoria Best Adapted Screenplay e in quella del Miglior Attore assegnato ad Anthony Hopkins dopo aver vinto per questo ruolo il Boston Society of Film Critics Award, il Florida Film Critics Circle Award, il Capri Hollywood Award e il British Independent Film Award.
  • il revenge movie di Emerald Fennell Promising Young Woman che ha vinto come miglior film britannico e miglior sceneggiatura originale, confermando per quest’ultima categoria la sua leadership per gli Oscar dopo aver conquistato numerosi riconoscimenti per il miglior script originale tra cui il Writers Guild Award e il Critics Choice Award.
  • l’applaudito dramma catartico di Darius Marder, Sound of Metal che ha vinto per il Miglior sonoro (confermandosi leader di questa categoria in vista degli Oscar) e a sorpresa anche per il Miglior montaggio battendo i favoriti The Trial of the Chicago 7 e Nomadland, e replicando dunque il verdetto dei Critics Choice Awards.
  • l’apprezzato adattamento cinematografico di George C. Wolfe, Ma Rainey’s Black Bottom, che ha vinto nelle categorie: Migliori costumi e per il Miglior trucco e parrucco confermando il verdetto dei recenti Makeup Artists and Hair Stylists Guild Awards.
  • il meraviglioso film d’animazione targato Disney/Pixar, Soul che ha vinto nelle categorie per le quali parte favorito agli Oscar e cioè miglior film d’animazione e la blindatissima categoria della Miglior colonna sonora laddove non ha rivali dopo una performance in chiave awards season davvero incredibile.

Tra i verdetti interessanti si fanno notare:

-il premio per il film rivelazione del Sundance Film Festival 2020, Minari vincitore di 6 Austin Film Critics Association Awards (miglior film, miglior regia, miglior attrice non protagonista, miglior script originale, miglior film in lingua straniera, miglior cast) che ha conquistato il BAFTA nella categoria della Miglior attrice non protagonista, verdetto che avvicina sempre di più Youn Yuh-jung (Yoon Yeo-jeong) all’Oscar dopo aver vinto per questo ruolo numerosissimi premi tra tutti quelli assegnati dalle associazioni dei critici americani.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è whatsapp-image-2021-04-10-at-18.46.13-3.jpeg

-il premio per il Miglior documentario assegnato al doc rivelazione My Octopus Teacher (Il mio amico in fondo al mare) che è diventato improvvisamente un forte competitors per gli Oscar dopo aver vinto a sorpresa il prestigioso Producers Guild Award of America Award.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è my-octopus-teacher-oscars-noms-2021.jpg

Ecco di seguito la lista di tutti i vincitori dei BAFTA 2021:

FONTE: BAFTA

APPROFONDIMENTO:

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film

Previsioni Oscar 2021: Miglior Regia

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attore

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attrice

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attore non protagonista

Previsioni Oscar 2021: Miglior Attrice non protagonista

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior sceneggiatura non originale

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film d’Animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior Film Internazionale

Previsioni Oscar 2021: Miglior trucco e parrucco

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio d’animazione

Previsioni Oscar 2021: Miglior cortometraggio documentario

Previsioni Oscar 2021: Migliori Effetti Speciali