Dopo i recenti verdetti dei Golden Globe unitamente all’assegnazione di più di 60 riconoscimenti da parte delle associazioni dei critici americani, si delineano con maggior chiarezza nuove previsioni rispetto a quelle che abbiamo elaborate nei mesi precedenti (Agosto, Ottobre, Dicembre). In particolare per quanto riguarda la categoria Miglior attore protagonista i giochi sembrerebbero indirizzati verso un unico nome largamente condiviso e cioè quello del compianto Chadwick Boseman per la sua prova nel film Ma Rainey’s Black Bottom. Su questa lunghezza d’onda il Golden Globe vinto è solo la punta dell’iceberg di un ricco bottino di premi conquistati durante l’Awards Season. A questo punto la vera incognita è scoprire come si comporrà la cinquina soprattutto dopo l’annuncio delle nominations ai premi chiave (dagli Hollywood Film Critics Association Awards ai Satellite Awards, dai SAG Awards ai Critics Choice Awards e ai Golden Globe) che ha contribuito da un lato a rendere certi alcuni nomi (soprattutto i primi 3) e dall’altro ad incrinare le possibilità di altri candidati nella cinquina finale.

Gradualmente il cerchio si stringe: dai 15 potenziali candidati del mese di Agosto siamo passati ai 12 del mese di Ottobre, poi ai 10 del mese di Dicembre, e ora infine agli 8 attori favoriti per una candidatura agli Oscar nella categoria Best Actor in a Leading Role tra conferme, esclusioni e qualche interessante new entry…

Miglior attore protagonista: quali sono gli attori favoriti per la nomination agli Oscar 2021?

8. MADDS MIKKELSEN (ANOTHER ROUND)

Una delle possibili sorprese della cinquina potrebbe essere la candidatura del fuori classe Mads Mikkelsen che secondo la critica americana è uno dei punti di forza del meraviglioso Another Round, film favorito per la categoria Miglior film internazionale in rappresentanza della Danimarca. Anche se non ha particolarmente brillato durante l’Awards Season vincendo solo il New Mexico Film Critics Association Award e conquistando il 2° posto ai Toronto Film Critics Association Awards, per poi raccimolare un paio di nominations come quella agli Indiana Film Journalists Association Awards e agli Online Association of Female Film Critics Awards, il suo nome potrebbe comunque saltare fuori grazie al sostegno della critica internazionale in un’ottica di inclusione (ha al suo attivo oltre all’European Film Award come miglior attore, anche la Conchiglia d’Argento conquistata insieme a tutto il cast maschile al Festival di San Sebastian).

7. TOM HANKS (NEWS OF THE WORLD)

Rispetto alle previsioni iniziali il due volte premio Oscar Tom Hanks (1994 per Philadelphia, 1995 per Forrest Gump) ha visto ridimensionate le sue chance di conquistare la 7a nomination della sua carriera. In generale la sua prova nell’ultima fatica di Paul Grengrass, News of the World tratto dall’omonimo romanzo di Paulette Jiles, non è dispiaciuta ma non ha nemmeno entusiasmato la critica americana che lo ha letteralmente escluso dalla Stagione dei Premi ad eccezione dei Critics Choice Awards dove ha conquistato una preziosa candidatura come miglior attore. Basterà per fare breccia nel cuore degli Academy?

Previsioni Agosto: 4° posto su 15

Previsioni Ottobre: 4° posto su 12

Previsioni Dicembre: 8° posto su 10

6. DELROY LINDO (DA 5 BLOODS – COME FRATELLI)

La performance di Delroy Lindo per l’ultimo film di Spike Lee, Da 5 Bloods – Come fratelli, durante tutta l’Awards Season è stata piuttosto altenante, con alti e bassi che hanno finito per indebolire le sue chance per una nomination agli Oscar. Sulla carta resta uno dei favoriti della critica americana dato che ha vinto numerosi riconoscimenti come il New York Film Critics Circle Award , il prestigioso National Society of Film Critics Award e l’Hollywood Critics Association Award, ma la sua esclusione sia dai Golden Globe che dai SAG Awards non promette nulla di buono. Il sospetto che alla fine dei conti non riesca ad entrare nella cinquina è piuttosto condiviso, al punto che è partita sui social una campagna spontanea a suo favore dal titolo #NominateDelroyLindo a sostegno della sua candidatura.

Previsioni Agosto: 3° posto su 15

Previsioni Ottobre: 5° posto su 12

Previsioni Dicembre: 4° posto su 10

5. STEVEN YUEN (MINARI)

Steven Yeun ha visto gradualmente crescere il consenso verso la sua toccante interpretazione nel film rivelazione dell’anno Minari consentendogli di avvicinarsi alla nostra potenziale cinquina. In questo scenario il 2021 potrebbe essere la volta buona per conquistare la sua prima nomination agli Oscar dopo aver sfiorato la candidatura nel 2018 con Burning di Chang-dong Lee con cui vinse numerosi premi come supporter durante l’Awards Season di quell’anno: dal Florida Film Critics Circle Award al Los Angeles Film Critics Association Award. Guardando alla Stagione dei Premi di quest’anno vediamo che Yeun ha vinto solo il North Texas Film Critics Association Award e conquistato il 2° posto ai New Mexico Film Critics Association Awards, e agli Utah Film Critics Association Award. Eppure la nomination a tutti premi chiave (ad eccezione dei Golden Globe) e il forte sostegno dell’establishement per la pellicola potrebbero fare da traino alla sua candidatura……

Previsioni Agosto: 12° posto su 15

Previsioni Ottobre: 8° posto su 12

Previsioni Dicembre: 6° posto su 10

4. GARY OLDMAN (MANK)

La sua costante presenza tra le nominations di tutti i riconoscimenti chiave (dai Golden Globe ai Satellite Awards, dai SAG Awards ai Critics’ Choice Awards) dovrebbe “aiutarlo” a conquistare senza problemi la 3a nomination della sua carriera (la prima nel 2012 per il film La talpa, la seconda nel 2017 per il film L’ora più buia nei panni di Winston Churchill con cui ha conquistato un meritatissimo Oscar). Su questa lunghezza d’onda le candidature conquistate rappresentano una sorta di salvagente dato che rispetto alle previsioni iniziali, dove si parlava addirittura di una sua seconda statuetta, lo scenario è decisamente cambiato. Infatti Gary Oldman per la sua prova nel film Mank in cui interpreta lo sceneggiatore Herman J. Mankiewicz non ha conquistato alcun premio, a parte quello onorario al Palm Springs International Film Festival (Chairman’s Award).

Previsioni Agosto: 1° posto su 15

Previsioni Ottobre: 2° posto su 12

Previsioni Dicembre: 5° posto su 10

3. ANTHONY HOPKINS (THE FATHER)

La sesta candidatura del premio Oscar Anthony Hopkins per la sua performance nel dramma sulla demenza senile The Father, particolarmente apprezzata dalla critica americana fin dalla sua presentazione al Sundance Film Festival, non è mai stata messa in discussione nonostante abbia vinto un numero esiguo di premi tra cui il Boston Society of Film Critics Award, il Florida Film Critics Circle Award, il Capri Hollywood Award, il BIFA e il Nevada Film Critics Society Award. Su questa lunghezza d’onda la sua potenziale nomination agli Oscar si rivela una certezza dato che Hopkins può vantare per questo ruolo un numero vertiginoso di nominations in tutto l’arco della Stagione dei Premi, riuscendo anche a conquistare per ben 3 volte il 2° posto (ai Sunset Film Circle Awards, ai San Diego Film Critics Society Awards, agli Iowa Film Critics Association Awards).

Previsioni Agosto: 2° posto su 15

Previsioni Ottobre: 3° posto su 12

Previsioni Dicembre: 2° posto su 10

2. RIZ AHMED (SOUND OF METAL)

Particolarmente interessante è l’escalation dell’attore e rapper britannico di origini pakistane, Riz Ahmed, che in breve tempo e quindi subito dopo la distribuzione su Amazon Prime del dramma catartico Sound of Metal di Darius Marder in cui interpreta un batterista heavy metal che perde gradualmente l’udito, è riuscito a ritagliarsi un ruolo di primo piano tra i favoriti per la nomination agli Oscar. A tal proposito Ahmed ha vinto durante l’Awards Season un numero impressionante di premi riuscendo a strappare al suo rivale (Chadwick Boseman) riconoscimenti importanti come il National Board of Review, il Gotham Award, il Satellite Award e conquistando anche il 3° posto ai National Society of Film Critics Awards e il 2° posto agli International Cinephile Society Awards.

Previsioni Agosto: ASSENTE

Previsioni Ottobre: 6° posto su 12

Previsioni Dicembre: 3° posto su 10

  1. CHADWICK BOSEMAN (MA RAINEY’S BLACK BOTTOM)

La leadership di Chadwick Boseman in questa categoria per il film di George C. Wolfe, Ma Rainey’s Black Bottom, in cui interpreta l’irruento trombettista Levee che sogna di avere una propria band, la si deve non solo alla sua straordinaria interpretazione ma anche ad un abile scelta del team produttivo di Netflix che verso la fine di ottobre ha pensato bene di “dirottare” Boseman verso la categoria lead actor anzicché verso quella dei supporter, e in quest’ultima spingere la sua”candidatura” per il film Da 5 Bloods). Successivamente questa “strategia” è stata ben accolta dai Film Critics Association Awards consentendo a Boseman di vincere non solo il Golden Globe ma anche più di 15 riconoscimenti tra quelli della critica americana (dal Los Angeles Film Critics Association Award al Chicago Film Critics Association Award, dal San Francisco By Area Film Critics Circle Award al Washington D.C. Area Film Critics Association Award) attestandosi premio dopo premio come il favorito da battere.

Previsioni Agosto: ASSENTE (era al 3°posto su 15 tra i supporter)

Previsioni Ottobre: 7° posto su 12

Previsioni Dicembre: 1° posto su 10

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Regia

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice non protagonista

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore non protagonista

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film d’animazione

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film internazionale

Oscar 2021: i film favoriti nelle categorie tecniche