In attesa di conoscere le nominations agli Oscar 2021, si vanno delineando nuove previsioni rispetto a quelle redatte nei mesi precedenti, frutto dell’andamento dell’Awards Season, durante la quale sono stati assegnati più di 60 riconoscimenti da parte dalle associazioni dei critici americani. Nello specifico quest’anno la categoria Miglior attrice non protagonista si sta rivelando particolarmente dinamica e competitiva, per una serie di sorprese (come quella inattesa di Jodie Foster per The Mauritanian ai Golden Globe) ma anche di conferme dopo l’annuncio delle candidature ai premi chiave (dagli Hollywood Film Critics Association Awards ai Satellite Awards, dai SAG Awards ai Critics Choice Awards e ai Golden Globe) che ha contribuito da un lato a rafforzare le chance di alcuni nomi e dall’altro a rendere incerta la loro presenza nella potenziale cinquina.

Gradualmente il cerchio si stringe: dalle 15 potenziali candidate del mese di Settembre, siamo passati alle 12 del mese di Novembre, poi alle 10 del mese di Gennaio, e ora infine alle 8 supporter favorite per una candidatura agli Oscar nella categoria Best Supporting Actress tra conferme, esclusioni e qualche interessante new entry….

Miglior attrice non protagonista: quali sono le supporter favorite per la nomination agli Oscar 2021?

8. ELLEN BURSTYN (PIECES OF A WOMAN)

L’interpretazione di Ellen Burstyn nell’applaudito film di Kornél Mundruczó Pieces of a Woman non è certo passata inosservata, permettendole di vincere il Denver Film Critics Society Award, il New York Film Critics Online Award e conquistando il 2° posto ai North Dakota Film Society Awards. Tutto merito della sua performance nei panni di una madre che ha il difficile compito di aiutare sua figlia (Vanessa Kirby) ad elaborare la perdita della propria neonata. In ogni caso il suo bottino in termini di premi è ancora troppo esiguo per darle la certezza di entrare nella cinquina finale, considerando che è stata esclusa sia dai Golden Globe che dai SAG Awards.

Previsioni Settembre: ASSENTE

Previsioni Novembre: 4° posto su 12

Previsioni Gennaio: 6° posto su 10

7. MARIA BAKALOVA (BORAT SUBSEQUENT MOVIEFILM)

Sulla carta l’emergente attrice bulgara Maria Bakalova per la sua prova nel film comico Borat Subsequent Moviefilm dovrebbe essere una delle favorite della cinquina dopo aver conquistato un numero vertiginoso di premi durante l’Awards Season tra cui il prestigioso National Society of Film Critics Award, oltre al Satellite Award vinto per la categoria Miglior attrice (comedy). Eppure potrebbe non essere abbastanza considerando la “popolarità” delle sue rivali anche se hanno vinto un numero inferiori di premi. Un segnale incoraggiante poteva arrivare dai Golden Globe, laddove però è stata superata a sorpresa da Rosamund Pike per la dark comedy I care a lot. A questo punto particolarmente interessanti saranno i verdetti di alcuni riconoscimenti chiave come i SAG Awards e i Critics Choice Awards, laddove una possibile vittoria le consentirebbe di avere più chance per una potenziale candidatura.

Previsioni Settembre: ASSENTE

Previsioni Novembre: 8° posto su 12

Previsioni Gennaio: 4° posto su 10

6. JODIE FOSTER (THE MAURITANIAN)

L’inattesa vittoria ai Golden Globe per la sua apprezzata prova nel film The Mauritanian, in cui interpreta un agguerrito avvocato difensore nel centro di detenzione di Guantanamo Bay, ha catapultato a sorpresa Jodie Foster nella Oscar Race consentendole di aspirare alla 5a candidatura della sua carriera (la seconda come supporter dopo quella del 77′ per Taxi Drivers), complice la forte considerazione che nutre per lei l’intera Academy. L’unico ostacolo a questa candidatura deriva dal fatto che è stata esclusa dai principali premi chiave dell’Awards Season. A questo punto c’è da chiedersi se il solo verdetto della stampa estera riuscirà ad influenzare i membri dell’Academy…..

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image15585738427476251687035121637507865017.jpg

5. HELENA ZENGEL (NEWS OF THE WORLD)

Anche se fino a questo momento la talentuosa Helena Zengel, giovanissima rivelazione del film tedesco System Crasher, scelto lo scorso anno per rappresentare la Germania agli Oscar, non ha vinto alcun premio tra quelli assegnati dalle associazioni dei critici americani, resta saldamente in pole position per una serie di ragioni statistiche: la prima è legata alla sua presenza costante tra le nominate dei principali premi tra cui Satellite Award, Golden Globe, SAG Award e Critics’ Choice Award (miglior giovane promessa), la seconda è connessa alle potenzialità del film di Paul Grengrass, News of The World, ambientato nel selvaggio West che sulla carta ha tutti gli ingredienti che fanno solitamente breccia nel cuore degli Academy.

Previsioni Settembre: 7°posto su 15

Previsioni Novembre: 5° posto su 12

Previsioni Gennaio: 8° posto su 10

4. OLIVIA COLMAN (THE FATHER)

Fin dalle primissime previsioni del mese di Settembre, Olivia Colman per la sua toccante performance nel dramma teatrale The Father in cui interpreta la figlia di un uomo (interpretato magistramente dal premio Oscar Anthony Hopkins) che fatica ad accettare la sua demenza senile, è sempre stata una certezza. A tal proposito ha conquistato numerosissime nomination durante la Stagione dei Premi sfiorando la vittoria ben 3 volte, dato che è arrivata al 2° posto ai Columbus Film Critics Association Awards, Toronto Film Critics Association Awards, Iowa Film Critics Association Awards. Ragion per cui sono decisamente alte le possibilità di ottenere la sua seconda nomination agli Oscar dopo aver vinto l’ambita statuetta nel 2019 come miglior attrice protagonista per la sua incredibile interpretazione della Regina Anna nel film The Favourite di Yorgos Lanthimos.

Previsioni Settembre: 4°posto su 15

Previsioni Novembre: 3° posto su 12

Previsioni Gennaio: 3° posto su 10

3.AMANDA SEYFRIED (MANK)

Finora l’Awards Season è stata piuttosto avara con Amanda Seyfried per la sua prova nel film Mank di David Fincher in cui interpreta la famosa attrice del muto Marion Davies a cui pare essersi ispirato Orson Welles nel tratteggiare il personaggio della seconda moglie del protagonista di Quarto Potere, Susan Alexander, alcolizzata e definita senza talento. Nonostante abbia vinto solo una manciata di premi (Capri Hollywood Award, Philadelphia Film Critics Circle Award, Montecito Award al Santa Barbara Film Festival, Dallas-Fort Worth Film Critics Association Award, Satellite Award) resta salda nella potenziale cinquina per essere riuscita a conquistare il 2° posto in numerosi riconoscimenti assegnati dalle associazioni delal critica americana tra cui il Boston Society of Film Critics Award, il Los Angeles Film Critics Association Award e il prestigioso National Society of Film Critics Award. Unica nota dolente è l’assenza tra le nominate dei SAG Awards.

Previsioni Settembre: 3°posto su 15

Previsioni Novembre: 1° posto su 12

Previsioni Gennaio: 1° posto su 10

2. YOUN YUH-JUNG (MINARI)

Per la sua emozionante performance nel film rivelazione dello scorso Sundance Film Festival, Minari di Lee Isaac Chung, l’attrice coreana Youn Yuh-Jung ha vinto un numero impressionante di premi durante l’Awards Season: dal Los Angeles Film Critics Association Award al 3° posto ai National Society of Film Critics Awards, dal National Board of Review al Washington D.C. Area Film Critics Association Award, collezionando molte medaglie d’argento (2°posto) tra cui quella ai prestigiosi International Cinephile Society Awards e conquistando la nomination a tutti i premi chiave ad eccezione dei Golden Globe. Questo prezioso bottino potrebbe farle guadagnare la prima nomination agli Oscar della sua carriera dopo aver vinto in patria numerosi premi tra cui 2 preziosi Busan Film Critics Association Awards.

Previsioni Settembre: ASSENTE

Previsioni Novembre: 7° posto su 12

Previsioni Gennaio: 2° posto su 10

1. GLENN CLOSE (HILLBILLY ELEGY)

Il percorso di Glenn Close nella Stagione dei Premi di quest’anno è statopiuttosto singolare: partita nelle previsioni del mese di Settembre come la grande favorita, ha visto poi ridimensionare le sue chance dopo una serie di stroncature alla pellicola oltre alla generale indifferenza di una parte della critica americana dato che ha conquistato un numero esiguo di premi (SFFILM Awards Night, Variety Creative Impact in Acting Award al Palm Springs International Film, Nevada Film Critics Society Award) pur riuscendo ad entrare nelle cinquine dei riconoscimenti chiave (Hollywood Critics Association Film Award, Golden Globe, SAG Award, Critics’ Choice Award). In ogni caso restano comunque concrete le possibilità di ottenere un’ottava candidatura agli Oscar (la quarta come supporter) per quella spaccatura tra critici e Academy, che per una volta potrebbe giovarle!

Previsioni Settembre: 1°posto su 15

Previsioni Novembre: 2° posto su 12

Previsioni Gennaio: 5° posto su 10

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Regia

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice non protagonista

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore non protagonista

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film d’animazione

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film internazionale

Oscar 2021: i film favoriti nelle categorie tecniche