Dopo i primi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani (Awards Table) si delineano con maggior precisione le potenziali shortlist per gli Oscar 2021.

Solitamente, per quanto riguarda la categoria Miglior film d’animazione, si elaborano le previsioni prendendo in considerazione le nominations agli Annie Awards, i prestigiosi premi cinematografici e televisivi legati al settore dell’animazione che annualmente anticipano i verdetti degli Oscar in questa categoria.

Sicuramente rispetto alle previsioni del lontano mese di Giugno “qualcosa è cambiato” con la posticipazione di alcune pellicole (come Pinocchio di Guillermo Del Toro la cui uscita, prevista a novembre del 2020, è stata posticipata al 2021, o come il caso di Connected acquistato da Netflix dalla Sony Pictures Animation con il titolo The Mitchells vs. the Machines per la corsa agli Oscar 2022). Al di là di queste due variazioni, nella sostanza è stata confermata la maggioranza delle previsioni visto e considerato che l’ultimo film nato dalla collaborazione tra la Disney e la Pixar, Soul, sta letteralmente dominando l’Awards Season attestandosi come il grande favorito agli Oscar non solo per il miglior film d’animazione ma anche per la miglior colonna sonora, con la possibilità di ottenere la nomination come miglior film. Ragion per cui il vero enigma è prevedere la cinquina finale, piuttosto che il vincitore dell’ambita statuetta.

Gradualmente il cerchio si stringe e dai 15 potenziali candidati delle previsioni di Giugno, passiamo a quelle di Gennaio con i 10 film favoriti per una candidatura agli Oscar nella categoria Best Animated Feature tra conferme, delusioni e new entry. Scopriamole insieme!

Miglior film d’animazione: quali sono i favoriti per la nomination agli Oscar 2021?

10. CALAMITY, A CHILDHOOD OF MARTHA JANE CANNARY (Indie Sales)

Sequel del fortunato Long Way North (2015), Calamity a Childhood of Martha Jane Cannary è uno dei titoli di punta di Indie Sales nonchè candidato agli Oscar Europei e vincitore del prestigioso Festival International du film d’animation d’Annecy da cui annualmente arrivano interessanti competitors per l’Awards Season americana, come lo scorso anno dove iniziò il cammino del film I lost my body che lo portò a conquistare una nomination agli Oscar. A ciò si aggiunge una trama interessante che esplora la condizione femminile nella società patriarcale e sessista del profondo West del 1863 con protagonista una ragazza di 12 anni costretta a vestirsi da ragazzo per riuscire a farsi valere.

9. EARWIG AND THE WITCH (Studio Ghibli)

Perde vertiginosamente quotazioni il nuovo gioiellino dello Studio Ghibli, firmato dal figlio del maestro Hayao Miyazaki, Gorō, dopo essere stato completamente snobbato dai premi finora assegnati dalle associazioni dei critici americani. Eppure l’attesa pellicola Earwig and The Witch in cui si affronta il tema dell’infanzia come primo terreno conflittuale con il mondo degli adulti, non è ancora fuori dai giochi data l’elevata stima che l’Academy nutre per il cinema d’animazione giapponese. In particolare questa pellicola basata sul romanzo di Diana Wynne Jones è la prima produzione dello Studio Ghibli ad essere completamente realizzata in CG.

8. THE WILLOUGHBYS (Netflix)

Resta indietro The Willoughbys (Netflix) che nonostante le 4 nominations ai Critics Choice Super Awards (film, voice actor, voice actress, villain) e quella ai Chicago Indie Critics Awards, non è riuscito per il momento a fare breccia nel cuore dei critici americani uscendo per il momento a mani vuote dalla Stagione dei Premi. Un risultato in contro tendenza rispetto all’accoglienza positiva della pellicola dopo i primi screen per il suo messaggio di apertura verso il vero significato di famiglia indipendentemente dalla natura dei legami.

7. TROLLS: WORLD TOUR (Universal Pictures)

Il sequel di Trolls (2016) dal titolo Trolls World Tour di Walt Dohrn e David P. Smith guadagna qualche posizione rispetto alle previsioni precedenti (era nono) grazie alla candidatura nella categoria Favorite Motion Picture ai People’s Choice Award. Per il resto non sta particolarmente brillando nella Stagione dei Premi dopo aver conquistato solo la nomination ai ai San Diego Film Critics Society Awards. In compenso la candidatura agli Hollywood Music in Media Award per la canzone “Just Sing” che porta la firma tra gli altri della pop star Justin Timberlake e il compositore Ludwig Göransson potrebbe trainare la pellicola verso una sorprendente candidatura nella categoria miglior film d’animazione oltre che a quella per il Best Original Song dopo aver conquistato la nomination agli Hawaii Film Critics Society Awards e ai Music City Film Critics’ Association Awards.

6. THE CROODS: A NEW AGE (Universal Pictures/ DreamWorks Animation)

Salgono decisamente le quotazioni per il secondo capitolo del film The Croods (2013) che riuscì non solo a vincere 2 Annie Awards (best character animation, best character design) ma anche a conquistare la nomination agli Oscar, ai Golden Globe e ai Critics Choice Awards. Su questa lunghezza d’onda il nuovo capitolo The Croods: A New Age diretto da Joel Crawford anche se non ha ancora vinto alcun premio, potrebbe comunque entrare nella cinquina grazie ad una serie di nominations ottenute fino a questo momento tra cui quella ai North Carolina Film Critics Association Awards e ai North Dakota Film Society Award, senza dimenticare le 2 candidature agli Hollywood Music in Media Awards (miglior canzone, miglior colonna sonora).

5. A SHAUN THE SHEEP MOVIE: FARMAGEDDON (NETFLIX)

La seconda new entry rispetto alle previsioni del mese di giugno, è il sequel di Shaun, vita da pecora – Il film che nel 2016 riuscì ad ottenere la nomination sia ai Golden Globe che ai BAFTA e agli Oscar. Questo secondo capitolo dal titolo A Shaun, the Sheep Movie: Farmaggedon realizzato interamente in stop motion è diventato un candidato forte per gli Oscar non solo dopo la candidatura ai Critics Choice Super Awards e ai Chicago Film Critics Association Awards, ma soprattutto dopo quelle tecniche ottenute ai BIFA tra cui migliori effetti speciali e qualla ai London Critics Circle Film Awards per il Best Technical Achievement of the Year.

4. ONWARD (Disney/Pixar)

Onward – Oltre la magia è una delle teste di serie di questa categoria, nonchè presenza costante in tutti i principali premi assegnati finora dalle associazioni dei critici americani. Da questo punto di vista la pellicola ha ottenuto numerose candidature: dalle 4 conquistate ai Critics Choice Super Awards (film, 2 voice actor, voice actress) fino alle 2 nominations agli Hollywood Music in Media Awards (miglior canzone, miglior colonna sonora), senza però mai vincere alcun premio. Al di fuori della Stagione dei Premi americana ha vinto però il Fantastic Flix Children’s Jury Award al Dublin International Film Festival e il premio per la miglior musica al BMI Film Music Award. In ogni caso al di là della sua performance durante l’Awards Season, il film ha dalla sua parte una trama edificante con cui poter fare breccia nel cuore degli Academy, complice il tema della magia intesa come metafora sul potere della diversità in un mondo che tenta di omologarsi a tradizioni e a pregiudizi.

3. OVER THE MOON (Netflix)

Tra i film targati Netflix, Over the Moon è quello che ha un piazzamento più alto, confermandosi stabile nella nostra potenziale cinquina rispetto alle previsioni dei mesi precedenti complice una trama stratificata che affronta diversi temi come l’inclusione e la multiculturalità. Anche qui come nel caso di Onward, Over the Moon ha collezionato un numero vertiginoso di candidature senza però mai vincere alcun premio (a parte il 2° posto ai San Diego Film Critics Society Awards) con la differenza che oltre alla nomination nella categoria animata ha conquistato molte candidature per la canzone originale (Rocket to the Moon) andando a fortificare la sua eventuale conferma nella cinquina finale per gli Oscar.

2. WOLFWALKERS (Apple Tv/Cartoon Saloon/GKIDS)

Il film rivelazione della Cartoon Saloon, l’irlandese Wolfwalkers – Il popolo dei lupi del 2 volte candidato agli Oscar Tomm Moore (The Secret of Kells, Song of the Sea) e’ l’unico film che al momento sta dando del filo da torcere al duo favorito Disney/Pixar, complice una storia universale sul potere dell’amicizia in un mondo diviso tra prede e cacciatori. A tal proposito questa pellicola ha conquistato numerose candidature tra cui quella ai Gotham Award come miglior film internazionale e ben 3 ai Critics Choice Super Awards (film, voice actress, voice actress), riuscendo a strappare alla concorrenza premi chiave come il New York Film Critics Circle Award, il Los Angeles Film Critics Association Award e il Chicago Film Critics Association Award, senza dimenticare il 2° posto ottenuto ai premi assegnati dai critici di Boston e Philadelphia (solo per citarne alcuni).

1. SOUL (Disney/Pixar)

Soul, nato dalla collaborazione tra la Disney e la Pixar, è il favorito da battere dopo aver conquistato un numero impressionante di nominations (ben 7 agli Indiana Film Journalists Association Awards) e premi (dai 4 Oklahoma Film Critics Circle Awards ai 3 ai Critics Choice Super Awards (miglior film d’animazione, best voice actor, best voice actress). A consolidare la sua leadership vanno considerate le potenzialità in termini di premi dato che non è solo favorito nella categoria miglior lungometraggio d’animazione ma anche in pole position per ottenere la candidatura per il miglior film, miglior script, miglior sonoro e soprattutto per la miglior colonna sonora, laddove il duo Trent Reznor e Atticus Ross ha vinto quasi tutti premi dell’Awards Season, attestandosi come i vincitori annunciati. Senza dimenticare che Soul può vantare un soggetto originale dal grande potenziale emotivo teso ad affrontare temi universali come la morte, la sofferenza e la perdita.

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Regia

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore

Oscar 2021: le favorite per una nomination nella categoria Miglior Attrice non protagonista

Oscar 2021: i favoriti per una nomination nella categoria Miglior Attore non protagonista

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film d’animazione

Oscar 2021: i film favoriti nella categoria Miglior film internazionale

Oscar 2021: i film favoriti nelle categorie tecniche