Dopo un’appassionata e imprevedibile Stagione dei Premi durante la quale abbiamo mensilmente redatto le nostre oscars predictions, è arrivato il momento di passare alle previsioni definitive per gli Oscars 2020 per tutte le categorie. Tenendo bene a mente l’imprevedibilità di questa awards season inaugurata dai verdetti delle associazioni dei critici americani più volte ribaltati, prima dalla stampa estera e poi dai sindacati di categoria.

Best Picture Oscars 2020

MIGLIOR FILM: sulla carta il film favorito è il dramma bellico di Sam Mendes 1917 che a partire dai 2 Golden Globe vinti a sorpresa, è diventato il front runner da battere, per poi conquistare un numero copioso di riconoscimenti tra cui 7 BAFTA (film, british film, regia, scenografia, fotografia, sonoro, effetti speciali), 5 Phoenix Film Critics Society Awards (regia, colonna sonora, fotografia, montaggio, scenografia), 3 Critics Choice Awards (regia, fotografia, montaggio). Senza dimenticare il prestigioso Producers Guild Award, il premio assegnato dal sindacato dei produttori americani il cui verdetto su 29 edizioni è stato confermato agli Oscar ben 21 volte.

ASC Award

L’unico “ostacolo” a questo possibile trionfo si chiama Parasite, la pluripremiata pellicola sud coreana diretta dal maestro Bong Joon – ho che ha letteralmente dominato la Stagione dei premi non solo nella categoria miglior film straniero, ma anche in quella del miglior film e della miglior regia. Sarebbe la prima volta che un film in lingua non inglese vince il premio per il miglior film (traguardo che non è riuscito a raggiungere nemmeno Roma di Cuaron che lo scorso anno aveva tutti i numeri per farlo!). Nel caso in cui sia “superato” questo scoglio, Parasite potrebbe vincere 4 Oscar: miglior film, miglior film straniero, miglior sceneggiatura, miglior montaggio….ma andiamo con ordine con le nostre previsioni.

Chi vincerà: 1917 o Parasite

Chi Potrebbe vincere: Parasite

Chi Dovrebbe vincere: Parasite

indexf

MIGLIOR REGIA: il favorito è Sam Mendes (1917) dopo aver vinto i premi chiave di questa categoria e cioè non solo il Golden Globe, il Critics’ Choice Award e il BAFTA, ma anche il prestigioso Directors Guild of America Award, assegnato annualmente dal sindacato dei registi americani. Nella storia di questo premio su 71 edizioni ben 63 volte il regista vincitore del DGA Award ha successivamente conquistato anche l’Oscar. Tenendo bene a mente però che Bong Joon – ho come regista di Parasite ha vinto più di 29 premi assegnati dalle associazioni dei critici americani, può significare qualcosa?

Chi vincerà: Sam Mendes (1917)

Chi Potrebbe vincere: Bong Joon – ho Parasite

Chi Dovrebbe vincere: Bong Joon – ho Parasite

sam mendes 1917

MIGLIOR ATTORE: il vincitore “annunciato” è Joaquin Phoenix per la sua incredibile interpretazione nel film Joker, dopo aver conquistato i premi chiave: SAG, Golden Globe, Critics Choice Award, a cui si aggiunge un prezioso BAFTA. L’unico che potrebbbe rovesciare questo verdetto atteso è Adam Driver per Marriage Story, dato che nella prima parte della Stagione dei premi ha vinto un numeroso impressionante di riconoscimenti assegnati dalle associazioni dei critici americani oltre al Gotham Award.

Chi vincerà: Joaquin Phoenix (Joker)

Chi Potrebbe vincere: Adam Driver (Marriage Story)

Chi Dovrebbe vincere: Antonio Banderas (Dolor y gloria)

indexw

MIGLIOR ATTRICE: con l’esclusione di Lupita Nyong’o per la sua interpretazione nel film horror Us con cui aveva dominato l’awards season, Renee Zellweger per il biopic Judy è diventata di fatto la favorita confermando poi la sua leadership nei premi chiave, e quindi vincendo non solo il SAG, il Golden Globe, il Critics Choice Award, ma anche il National Board of Review e il BAFTA.

Chi vincerà: Renee Zellweger (Judy)

Chi Potrebbe vincere: Scarlett Johansson (Marriage Story)

Chi Dovrebbe vincere: Renee Zellweger (Judy) – Scarlett Johansson (Marriage Story)

judy actress

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: il vincitore “annunciato” è Brad Pitt per il suo contributo nel film C’era una volta a Hollywood di Quentin Tarantino dopo aver vinto TUTTI i premi chiave conquistando perfino il National Society of Film Critics Award, i cui verdetti, assegnati dalla prestigiosa società dei critici della FIPRESCI, sono spesso di rottura con le scelte dell’establishment.

Chi vincerà: Brad Pitt (C’era una volta a Hollywood)

Chi Potrebbe vincere: Brad Pitt (C’era una volta a Hollywood)

Chi Dovrebbe vincere: Joe Pesci (The Irishman)

Joe Pesci The Irishman

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: la favorita è Laura Dern (Marriage Story) dopo aver letteralmente dominato l’Awards Season vincendo un numero impressionante di premi. Tutto è iniziato con la sua vittoria agli Hollywood Film Awards come miglior attrice non protagonista, poi sono arrivati tutti i riconoscimenti chiave (BAFTA, SAG, Golden Globe, Critics Choice Award, National Society of Film Critics Award).

Chi vincerà: Laura Dern (Marriage Story)

Chi Potrebbe vincere: Laura Dern (Marriage Story)

Chi Dovrebbe vincere: Laura Dern (Marriage Story)

dern

MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: il verdetto dei Writers Guild of America Awards, assegnati dal sindacato degli sceneggiatori americani (di cui Tarantino non fa parte) ci consente di stabilire i due sfidanti favoriti di questa categoria: Parasite che può contare anche sul BAFTA e sull’Hollywood Critics Association Award, e C’era una volta a Hollywood che invece può vantare vari premi tra cui il Golden Globe e il Critics Choice Award.

Chi vincerà: Parasite

Chi Potrebbe vincere: C’era una volta a Hollywood

Chi Dovrebbe vincere: Parasite – Marriage Story

Miglior sceneggiatura originale

MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: Anche per questa categoria la sfida è aperta dato che ci sono ben 2 film in pole position: Jojo Rabbit e Piccole Donne. Il primo ha conquistato tra i vari riconoscimenti il prestigioso Writer Guild of America Award e il BAFTA. Il secondo ha vinto il maggior numero di premi tra cui il Critics Choice Award e il prestigioso USC Award (Libraries Scripter Award) che annualmente viene conferito al miglior adattamento di un’opera letteraria.

Chi vincerà: Jojo Rabbit

Chi Potrebbe vincere: Piccole Donne

Chi Dovrebbe vincere: Piccole Donne – The Irishman

MV5BZGFmNTEwOGUtNDZkOS00NDI1LWI3NjMtOTViODViMmU2MjMyXkEyXkFqcGdeQXVyNDYzODU1ODM@._V1_

MIGLIOR FILM INTERNAZIONALE: il vincitore “annunciato” è la pluripremiata pellicola di Bong Joon – ho, PARASITE, in rappresentanza della Corea del Sud che potrebbe così conquistare il primo Oscar per la sua cinematografia nazionale (nella storia degli Oscar la Corea del Sud non è mai riuscita ad entrare nella cinquina finale. Solo Burning di Lee Chang-dong si è avvicinato alla nomination l’anno scorso, riuscendo ad entrare nella short-list dei semifinalisti).

L’unico film che potrebbe rovesciare questo verdetto è il film spagnolo del maestro Pedro Almodovar Dolor y Gloria che conquisterebbe così la sua 5a statuetta dopo averlo vinto già 4 volte per i film: Volver a empezar di José Luis Garci (1982), Belle Epoque di Fernando Trueba (1993), Tutto su mia madre di Pedro Almodovar (1999), Mare Dentro di Alejandro Amenabar (2004).

dolor-y-gloria

Nel caso in cui il premio per il Miglior Film Internazionale venga assegnato alla Spagna, significa solo una cosa e cioè che l‘Oscar per il Miglior Film andrà sicuramente a Parasite, diventando di fatto il primo film in lingua non inglese a vincere il premio nella categoria Best Picture. Nel caso in cui PARASITE vinca nella categoria Miglior Film Internazionale comunque restano alte le possibilità di vincere anche il premio per il Miglior Film, diventando la prima pellicola a conquistare i due premi più importanti.

Chi vincerà: Parasite

Chi Potrebbe vincere: Dolor y Gloria

Chi Dovrebbe vincere: Parasite

Parasite

MIGLIOR FOTOGRAFIA: il vincitore annunciato è il maestro Roger Deakins per 1917 dopo aver aver vinto un numero vertiginoso di premi per questa specifica categoria: dal BAFTA al National Board of Review, dal Chicago Film Critics Association Award al Critics Choice Award, senza dimenticare il prestigioso American Society of Cinematographers Award (ASC) assegnato dal sindacato americano dei direttori della fotografia.

Chi vincerà: 1917

Chi Potrebbe vincere: 1917

Chi Dovrebbe vincere: Portrait of a lady on fire (che però non è stato candidato, anche se poteva contare su numerosi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani: New York Film Critics Circle Award, Los Angeles Film Critics Association Awards, Boston Society of Film Critics Award,Greater Western New York Film Critics Association Award, National Society of Film Critics Awards, Dorian Award)

image-asset

MIGLIOR MONTAGGIO: anche se Ford v. Ferrari ha vinto sulla carta il maggior numero di premi per questa categoria dall’Hollywood Film Award al BAFTA, il favorito è Parasite che può contare sul prestigioso American Cinema Editor (ACE) assegnato dal sindacato americano dei montatori che nelle ultime 21 edizioni ha “previsto” il vincitore dell’Oscar per il miglior montaggio ben 14 volte (13 per un film drammatico).

Chi vincerà: Parasite

Chi Potrebbe vincere: Ford v. Ferrari

Chi Dovrebbe vincere: Jojo Rabbit (che ha vinto l’American Cinema Editor per la categoria miglior film comedy-musical)

Parasite-NSOFC

MIGLIOR COLONNA SONORA: la favorita per la categoria Best Original Score è Hildur Guonadottir per aver realizzato una partitura empatica e incisiva capace di raccontare attraverso le note il dilemma interiore del protagonista nel film Joker dopo aver collezionato numerosi premi chiave: dal Golden Globe al Critics Choice Award, dal Satellite Award al BAFTA, senza dimenticare il prestigioso Hollywood Music in Media Award, i cui verdetti spesso anticipano i vincitori degli Oscar nella categoria Miglior colonna sonora.

Chi vincerà: Joker

Chi Potrebbe vincere: 1917

Chi Dovrebbe vincere: 1917

88456_ppl

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE: con l’esclusione della canzone tratta dal film Wild Rose (Glasgow – No Place Like Home) che aveva vinto non solo il BIFA ma anche l’Hollywood Critics Association Award e il Critics Choice Award, risulta chiaro che la canzone favorita è quella tratta da Rocketman, (I’m Gonna) Love Me Again scritta appositamente per questo appassionante biopic dallo stesso Elton John e dal suo storico paroliere Bernie Taupin, dopo aver conquistato numerosi riconoscimenti chiave tra cui il Satellite Award, il Golden Globe e il Critics Choice Award.

Chi vincerà: Rocketman

Chi Potrebbe vincere: Rocketman

Chi Dovrebbe vincere: Harriet

Rocketman make up

MIGLIOR MIXAGGIO SONORO (miglior sonoro): parte favorita l’adrenalinica pellicola di James Mangold, Ford v. Ferrari dopo aver vinto per questa categoria non solo il Satellite Award ma anche il prestigioso Cinema Audio Society Award (CAS), il riconoscimento assegnato dal sindacato dei professionisti del sonoro, il cui verdetto è stato confermato agli Oscar 15 volte su 25 edizioni.

Chi vincerà: Ford v. Ferrari

Chi Potrebbe vincere: 1917

Chi Dovrebbe vincere: Ford v. Ferrari

CAS

MIGLIOR MONTAGGIO SONORO: con i verdetti dei Motion Picture Sound Editors Awards risulta chiaro che 1917 e Ford v. Ferrari sono a pieno titolo i due frontrunner per gli Oscar nella categoria miglior montaggio sonoro. Tra i due ha più chance 1917 che può contare anche non solo sul Latino Entertainment Journalists Association Award, ma anche sul London Film Critics Circle Award e sul BAFTA.

Chi vincerà: 1917

Chi Potrebbe vincere: Ford v. Ferrari

Chi Dovrebbe vincere: 1917

1917-trailer-same-mendes-1200x520

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI: è una delle categorie più imprevidibili dato che ci sono ben 4 film che si sono divisi i premi principali. In pole position c’è The Irishman considerando che potrebbe essere l’unica statuetta che si porta a casa su 10 nomination, dopo aver vinto non solo l’Hollywood Film Award ma anche 2 Visual Effects Society Awards, i premi assegnati dal sindacato dei tecnici degli effetti speciali. A rovesciare questo verdetto potrebbe essere 1917 che ha dalla sua parte vari premi tra cui il prestigioso BAFTA. Senza dimenticare i 3 Visual Effects Society Awards vinti dal live action The Lion King e i numerosi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani al film Avengers: End Game.

Chi vincerà: The Irishman

Chi Potrebbe vincere: 1917

Chi Dovrebbe vincere: The Lion King/Avengers: End Game

lead_720_405

MIGLIOR COSTUMI: con l’esclusione di Dolemite is my name e di Rocketman dalle nomination per i migliori costumi, la gara si è ridotta ad un testa a testa tra due film: Piccole Donne che ha vinto il London Film Critics Circle Award e il BAFTA e Jojo Rabbit che ha dalla sua parte il premio assegnato dal sindacato dei costumisti, il Costume Designers Guild Award.

Chi vincerà: Piccole Donne

Chi Potrebbe vincere: Jojo Rabbit

Chi Dovrebbe vincere: Jojo Rabbit

CDGA

MIGLIOR SCENOGRAFIA: la sfida è tra i due vincitori dei premi assegnati dal sindacato degli scenografi americani (Art Director Guild Awards): C’era una volta a Hollywoode Parasite, con un netto vantaggio del primo sul secondo dopo aver conquistato un numero maggiore di premi come il Los Angeles Film Critics Association Awards, il Washington DC Area Film Critics Association Award e il Critics Choice Award.

Chi vincerà: C’era una volta a Hollywood

Chi Potrebbe vincere: Parasite

Chi Dovrebbe vincere: C’era una volta a Hollywood

ADG Awards 2020 winners

MIGLIOR TRUCCO E PARRUCCO: il favorito è Bombshell dopo aver vinto 3 MUAHS Awards, assegnati dal sindacato dei truccatori e degli hair stylist, nelle categorie Best Film Contemporary/Character (Make-Up) e (HairStyling) e Best Film Special Make-Up Effects rafforzando la sua leadership in vista degli Oscar dopo aver conquistato anche il Critics’ Choice Award e il BAFTA.

Chi vincerà: Bombshell

Chi Potrebbe vincere: Joker

Chi Dovrebbe vincere: Bombshell

MUAHS 2020

MIGLIOR FILM D’ANIMAZIONE: sulla “carta” il favorito è Toy Story 4 dopo aver dominato l’Awards Season vincendo numerosi premi assegnati dalle associazioni dei critici americani: dall’Hollywood Film Award al Washington DC Area Film Critics Association Award, dall’Hollywood Critics Association Award al Critics Choice Award fino al prestigioso PGA Award, assegnato dal sindacato dei produttori americani che su 14 edizioni hanno anticipato il verdetto degli Oscar sul film d’animazione 10 volte. L’unico che può rovesciare a sorpresa questo atteso responso è il gioiellino della Netflix, Klaus che ha vinto non solo il BAFTA, ma anche ben 7 Annie Awards, i cui verdetti spesso anticipano il vincitore dell’Oscar per la categoria Miglior film d’animazione.

Chi vincerà: Toy Story 4

Chi Potrebbe vincere: Klaus

Chi Dovrebbe vincere: I lost my body

ToyStory4-visore.106526_big

MIGLIOR DOCUMENTARIO: con l’esclusione clamorosa di Apollo 11 che aveva vinto un numero impressionante di premi, la gara per il miglior documentario è diventata imprevidibile con ben 2 titoli in pole position. Sulla base dei premi assegnati durante la Stagione dei Premi, parte favorito il candidato della Macedonia del Nord agli Oscar per il Miglior film internazionale, Honeyland, dopo aver vinto non solo 3 premi al SUNDANCE FILM FESTIVAL ma anche altri prestigiosi riconoscimenti come il National Society of Film Critics Award. Attenzione però all’applauditissimo For Sama che può vantare non solo il BAFTA, ma anche 4 BIFA (miglior film indipendente, miglior documentario, miglior montaggio, miglior regia), l’European Film Award e il pretigioso International Documentary Award.

Chi vincerà: Honeyland

Chi Potrebbe vincere: For Sama

Chi Dovrebbe vincere: Honeyland/American Factory

honeyland

BEST DOCUMENTARY SHORT: Learning to Skateboard in a War Zone

BEST ANIMATED SHORT: Kitbull

BEST LIVE ACTION SHORT: Saria