Annunciati i vincitori dei Chicago Film Critics Association Awards (CFCAA), i riconoscimenti con cui i critici di Chicago annualmente eleggono i migliori film e le migliori interpretazioni dell’anno. Essi rappresentano un altro passaggio chiave dell’Award Season dato che rivestono un ruolo importante tra i premi assegnati dalle associazioni dei critici americani, assieme a quelli indetti dai colleghi di New York, Los Angeles, Washington, Detroit, Philadelphia, Boston e San Francisco. Nella storia di questo premio (inaugurato nel 1988) su 30 edizioni, il vincitore del Chicago Film Critics Association Award come miglior film è stato confermato agli Oscar 10 volte: (Il silenzio degli innocenti, Schindler’s List, American Beauty, Il signore degli anelli-Il ritorno del re, Crash, The Departed, Non e’ un paese per vecchi, The hurt locker, 12 anni schiavo, Moonlight).

Chicago-Film-Critics

Quest’anno i film che hanno conquistato il maggior numero di premi e cioè 4 sono due:

Song Kang - ho

-il primo è la pluripremiata pellicola del regista sudcoreano Bong Joon – ho, Parasite, che sta letteralmente dominando l’Awards Season americana, superando per numero di premi e candidature l’exploit dello scorso anno di un altro film in lingua non inglese Roma di Alfonso Cuaron. I 4 Chicago Film Critics Association Awards vinti nelle categorie: miglior film, miglior film straniero, miglior regia, miglior sceneggiatura, si sommano ai numerosi riconoscimenti conquistati fino ad ora tra cui spiccano il National Board of Review (miglior film straniero), 3 Los Angeles Film Critics Association Awards (attore non protagonista, regia, film), 4 Phoenix Critics Circle Awards (film, straniero, regia, attore non protagonista).
Little-Women-1

-il secondo film, Piccole Donne di Greta Gerwig, snobbato dai SAG Awards e anche un pò dai Golden Globe (ha ottenuto 2 sole nomination per l’attrice e la colonna sonora), ha vinto 4 preziosi premi. Accanto a quelli per i migliori costumi e la miglior colonna sonora, ne spiccano altri due per i quali sta ricevendo numerosi apprezzamenti da parte della critica: il primo è quello per la miglior sceneggiatura non originale confermando il verdetto dei Washington DC Area Film Critics Association Awards, mentre il secondo è quello per la miglior attrice non protagonista assegnato all’esordiente Florence Pugh che nonostante la sua esclusione dai Golden Globe e dai SAG Awards può ancora sperare in una nomination all’Oscar trainata dalla vittoria ai Philadelphia Film Critics Circle Awards e ai Boston On Line Film Critics Association Awards. La pellicola potrà continuare a riscattarsi ai prossimi Critics’ Choice Awards dove parte con ben 9 nominations.

dern-2019-piccole-donne-990x610

Tra gli alti verdetti spicca il premio assegnato nella categoria Miglior film d’animazione a Toy Story 4 consentendogli di prendere le distanze dal gioiellino Netflix, I lost my body che era riuscito intanto a conquistare i premi assegnati dai critici di New York, San Diego e Los Angeles. Questo premio arricchisce il notevole bottino maturato dal 4° capitolo della saga di Toy Story che ha finora vinto numerosi riconoscimenti tra cui il Washington DC Area Film Critics Association Award e il Philadelphia Film Critics Circle Award, e lo avvicina sempre di più all’Oscar

ToyStory4-visore.106526_big

Ecco la lista di tutti i vincitori dei Chicago Film Critics Association Awards 2019:

FONTE: CFCA