Assegnati a Berlino i prestigiosi European Film Awards (EFA), conosciuti anche come gli Oscar Europei, che dal 1988 mirano a celebrare i migliori talenti della produzione cinematografica europea

efa 2018

Quest’anno il film che ha conquistato il maggior numero di premi (8) è la pluripremiata pellicola del regista greco Yorgos Lanthimos, La Favorita, che ha conquistato la statuetta nelle categorie: miglior film, miglior regia, miglior attrice, miglior costumi, miglior montaggio, miglior fotografia, miglior trucco e parrucco, miglior commedia. Un risultato meritatissimo che chiude il cerchio dei tanti premi conquistati dal film durante tutta l’Award Season 2018/2019 e che gli hanno consentito di ottenere 10 nomination agli Oscar (tra cui quello come miglior attrice vinto da Oliva Colman), oltre ad altri numerosissimi riconoscimenti tra cui 10 British Independent Film Awards, 7 BAFTA, 5 Atlanta Film Critics Circle Awards.

la-favorita

Segue con 2 sole statuette il meraviglioso film di Pedro Almodovar Dolor y Gloria, ,dato inizialmente per favorito, e che invece ha vinto solo il premio per la miglior scenografia e il miglior attore confermando uno dei verdetti dell’ultimo Festival di Cannes. In ogni caso questi due riconoscimenti attestano la pellicola come il candidato europeo favorito per gli Oscar 2020 nella categoria miglior film internazionale e non solo. In tal senso il film sta ottenendo un ottimo riscontro nell‘Award Season americana non solo per i premi che sta conquistando Banderas come miglior attore (dal New York Film Critics Circle Award all’Hollywood Film Awards fino alla nomination ai Satellite Award) ma anche per le numerose candidature che sta collezionando nella categoria Miglior film straniero, non ultima quella ottenuta ai San Diego Film Critics Society Awards in una categoria in cui sembra però avere la meglio uno dei capolavori dell’anno il sud-coreano Parasite del maestro Bong Joon – ho.

Copertina-DOlor-Y-GLoria-e1554213175497

Il film che ha vinto il prestigioso premio FIPRESCI è il dramma sociale Les Miserables di Ladj Ly che ha ottenuto un ottimo riscontro all’ultimo Festival di Cannes dove ha vinto il Gran Premio della Giuria. Attualmente resta favorito per una nomination agli Oscar nella categoria Miglior film Internazionale dopo aver ottenuto una candidatura sia ai Film Independent Spirit Award che ai Satellite Awards.

Les Miserables di Ladj Ly (Francia) award season

In ogni caso la Francia avrebbe avuto molte più chance agli Oscar se avesse scelto Portrait of a lady on fire di Celine Sciamma, la pellicola vincitrice a Cannes del Prix du Scenario e che si è aggiudicata agli EFA non solo il Best European University Film Award ma anche il premio alla miglior sceneggiatura. Il motivo? Ebbene sta letteralmente conquistando l’Award Season americana complice una serie di importanti candidature (Hollywood Critics Association Awards, Satellite Awards, San Diego Film Critics Society Awards). Senza dimenticare il New York Film Critics Circle Award vinto per la miglior fotografia.

Portrait of a lady on fire

Bottino amaro per l’Italia, dato il numero di capolavori tra i candidati di quest’anno, visto che Il traditore di Marco Bellocchio, scelto tra l’altro dalla Commissione istituita dall’ANICA per rappresentare l’Italia agli Oscar 2020 per il Best International Feature Film, non ha conquistato alcun premio nonostante le sue meritate 4 nomination di partenza nelle categorie principali: miglior film, miglior regia, miglior attore, miglior sceneggiatura. Senza dimenticare le altre 2 conquistate nella categoria Miglior documentario (La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese, Selfie di Agostino Ferrente) e quella ottenuta dal film La paranza dei bambini di Claudio Giovannesi per il Best European University Film Award.

il-traditore-best-international-feature-film

Ecco la lista dei vincitori degli European Film Awards 2019:

FONTE: EFA