Le previsioni per le categorie supporter sono solitamente elaborate dopo l’annuncio delle campagne promozionali da parte delle relative case di produzione che tendono, in maniera strategica, a dirottare un attore o un’attrice verso una specifica categoria, indipendentemente dalla sua reale centralità o marginalità all’interno della pellicola. In particolare tale collocazione diventa più chiara dopo le proiezioni annuali al Telluride Film Festival e al Toronto International Film Festival, laddove è apparso chiaro quali attori e quali attrici concorreranno per la categoria best supporting.

Quali sono le 7 migliori attrici non protagoniste che hanno più chance di entrare nella corsa agli Oscars 2020 nella categoria best supporting actress?

Florence Pugh

7. FLORENCE PUGH (Piccole Donne)

Grazie al ruolo di Amy nella nuova versione del classico di Louisa May Alcott, Piccole Donne, l’attrice Florence Pugh, conosciuta ai più per la sua interpretazione vivida e carnale in Lady Macbeth che le ha fatto guadagnare il British Independent Film Award come miglior attrice, potrebbe ottenere la prima nomination agli Oscar della sua emergente carriera come miglior attrice non protagonista.

Anne Hathaway

6. ANNE HATHAWAY (Dark Waters)

Dopo l’Oscar conquistato nel 2013 come supporter per il musical I miserabili, Anne Hathaway potrebbe ritornare ad essere protagonista dell‘Award Season, grazie al ruolo di Sara Billott nell’ultimo film di Todd Hayness Dark Waters, in cui interpreta la moglie di un rinomato avvocato (Mark Ruffalo) che intraprende un’azione legale contro un colosso mondiale delle aziende chimiche. Questa interpretazione potrebbe fruttargli la 3 candidatura agli Oscar della sua carriera, la seconda come miglior attrice non protagonista.

Shuzhen Zhao

5. SHUZHEN ZHAO (The Farewell)

Grazie alla sua interpretazione nell’apprezzato film di Lulu Wang, The Farewell, Shuzhen Zhao potrebbe conquistare la prima nomination all’Oscar della sua vita, dato che questa è stata la sua prima partecipazione ad un’opera filmica. In The Farewell, che in Italia sarà distribuito con il sottotitolo Una bugia buona, la Zhao veste i panni di una nonna a cui resta poco tempo prima di morire. Tutti i suoi familiari preferiscono tenerglielo nascosto e concentrare le proprie energie nella preparazione di un matrimonio che fungerà da reunion di famiglia. Un’occasione per trattarre con leggerezza ma anche con profondità i temi del cerchio della vita.

4. JENNIFER LOPEZ (Hustlers)

Con la proiezione al Toronto International Film Festival è apparso chiaro a tutti i critici che Jennifer Lopez in Hustlers offre l’interpretazione migliore di tutta la sua carriera ipotecando una possibile nomination agli Oscar. Per la J. LO internazionale sarebbe la prima della sua poliedrica carriera. Su questa lunghezza d’onda nel 1997 ci andò molto vicino conquistando la nomination ai Golden Globe come miglior attrice per Selena. In Hustlers interpreta una combattiva spogliarellista pronta a tutto per rivendicare il suo potere di donna cercando di invertire le “regole del gioco

Margot Robbie

3. MARGOT ROBBIE (C’era una volta a …..Hollywood)

Grazie alla sua apparizione nell’ultimo film di Quentin Tarantino, C’era una volta a..Hollywood, in cui veste i panni della povera Sharon Tate, brutalmente uccisa dalla setta di Charles Manson, la Robbie potrebbe conquistare la seconda nomination agli Oscar della sua carriera dopo averla ottenuta nel 2017 come lead actress nel biopic sulla figura controversa di Tonya Harding nel film I, Tonya.

Annette Bening

2. ANNETTE BENING (The report)

Per la signora Beatty potrebbe arrivare la 5a nomination della sua carriera dopo aver sfiorato la statuetta ben due volte come lead actress (era in pole position sia con American Beauty che con la Diva Julia ma in entrambe le occasioni fu battuta da Hilary Swank). Quest’anno potrebbe entrare nella cinquina delle supporter per il suo ruolo nel film The Report, in cui interpreta la senatrice Dianne Feinstein coinvolta in un’indagine sullo spietato programma di detenzione che ha adottato la CIA dopo l’11 settembre. La scoperta di un sistema di tecniche di interrogatori dal carattere brutale e immorale porterà ad un duro scontro tra il Senato Intelligence Committee e la Casa Bianca.

Laura Dern

1. LAURA DERN (Marriage Story)

Grazie al suo ruolo nell’ultimo film di Noah Baumbach, Marriage Story, Laura Dern potrebbe ottenere non solo la 3a nomination della sua carriera, dopo quella conquistata come miglior attrice per Rosa scompiglio e i suoi amanti (1992) e quella come supporter per Wild (2015), ma soprattutto vincere l’ambita statuetta nella categoria miglior attrice non protagonista.